Vorrei morire al suo posto

Le ore passano lente come secoli sotto un sole di piena estate che di ora, in ora si fa più spietato per quegli uomini distrutti dalla fame, dalla sete e dalla fatica. Qualcuno comincia a stramazzare al suolo svenuto. Se non si rianima sotto il grandinare delle percosse, è trascinato via, per i piedi e gettato in un angolo del “piazzale”.
Testa di mastino, alle 18, si pianta, a gambe divaricate, davanti alle sue vittime, sul campo un silenzio di tomba.
“L’evaso non è stato ritrovato dieci di voi moriranno nel bunker della fame. La prossima volta toccherà a venti.”
Lentamente il capo inizia la sua scelta fissando nello sguardo, uno ad uno i prigionieri e di ciascuno assaporando il terrore.
“Questo qui”, Testa di mastino puntava a caso il suo indice sul numero cucito sulla giacca del prigioniero. Il drappello dei martiri è completo.

“Arrivederci amici, ci rivedremo lassù, dove c’è vera giustizia”, “viva la Polonia! E’ per essa che io do la mia vita”.
Francesco G. n° 5659, piange disperato ricordando la moglie e i figli. Tra le file dei risparmiati lo sbigottimento lascia il posto ad un senso di sollievo, alla gioia: vivere ancora, sfuggendo alla morte atroce del bunker della fame. Un uomo esce dalle fila – numero 16.670 – e con passo deciso si presenta a Testa di Mastino.
“Cosa vuole da me questo sporco polacco?”
“Vorrei morire al posto di uno di quelli”
“Perché?”
“Sono vecchio, ormai (aveva 47 anni!) e buono a nulla – La mia vita non può più servire gran che.”
“E per chi vuoi morire?”
“Per lui, ha moglie e bambini”
“Ma tu chi sei?”
“Un prete cattolico” P. Massimiliano Kolbe – n° 16.670

Era Massimiliano Maria Kolbe, morto ad Auschwitz il 14 agosto 1941 e proclamato santo nel 1982 da papa Giovanni Paolo II.