Parlami di Dio

C’era una volta un uomo che voleva conoscere più cose possibili su Dio.
Un mattino, dunque, partì per chiedere a tutti gli uomini e a tutte le cose di parlargli di Dio.
Disse al soldato: “Parlami di Dio!” E il soldato lasciò cadere le armi.
Disse al povero: “Parlami di Dio!’ E il povero gli offrì il suo mantello.
Disse al ciliegio: “Parlami di Dio!”. E il ciliegio fiorì.
Disse alla casa: “Parlami di Dio!”. E la casa aprì la sua porta.
Disse all’albero: “Parlami di Dio!”. E l’albero allargò i suoi rami per proteggerlo dai raggi di sole.
Disse al bambino: “Parlami di Dio!”. E il bambino si mise a sorridere.
Disse alla neve: “Parlami di Dio!”. E la neve continuò a fioccare lieve, lieve.
Disse al pesce: “Parlami di Dio!”. E il pesce guizzò via come una freccia.
Disse all’ippopotamo: “Parlami di Dio!”. E l’ippopotamo si mise a ciondolare.
Disse al cielo: “Parlami di Dio!”. E il cielo indicò la terra e il creato.

Arrivata la sera, l’uomo se ne tornò a casa, tutto contento: non aveva mai imparato tante cose su Dio come in quel giorno! Allora, per non dimenticare nulla, ripassò a memoria tutti gli incontri, e gli venne spontaneo ringraziare.

Grazie soldato: da te ho imparato che Dio è Pace.
Grazie, povero: da te ho imparato che Dio è generosità.
Grazie, ciliegio: da te ho imparato che Dio è bellezza.
Grazie casa: da te ho imparato che Dio accoglie tutti.
Grazie, albero: da te ho imparato che Dio è benigno.
Grazie, bambino: da te ho imparato che Dio è un sorriso.
Grazie, neve: da te ho imparato che Dio è silenzio.
Grazie, pesce: da te ho imparato che Dio è sempre giovane.
Grazie, ippopotamo: da te ho imparato che Dio è umorista.
Grazie, cielo: da te ho imparato che Dio è il grande Creatore di tutto!