PARLAMI DI DIO – 18 – Dio ci ha donato il TEMPO, questo tesoro

A te pare che debba essere eterna la porzione di tempo che sei chiamato a vivere nella tua generazione; ma vista dalla rocca dell’eternità è solo uno dei tanti istanti di cui si compone il tempo.

In questa vita viviamo nell’illusione dell’eternità: il presente ci appare eterno, sostanziale, e non avvertiamo in noi stessi il correre del tempo. Ma quando il giorno finisce, dobbiamo constatare che l’oggi è passato come un soffio, e che non c’è certezza del domani.

Beato te se vivrai questo istante alla luce dell’eterno! Ogni istante della tua vita è in realtà ricco di eternità. Ogni giorno è un dono di Dio.

Il tempo deriva dall’eternità, e perciò porta con sé l’immagine del mondo futuro. Come dono di Dio, esso può essere riempito di opere sante, e allora perde la sua connotazione di effimero e passeggero.

Il tempo è il minuto che hai, rendilo ricco di un significato e di un valore. Cammini nel tempo più che nello spazio. Il tempo è spettatore della tua vita, vedi che non diventi tuo accusatore.

Come dono di Dio, il tempo possiede una sua realtà: noi lo possiamo plasmare, e immettere in esso cose vane oppure cose di pregio: possiamo valorizzarlo con l’amore, con la pazienza, con la benevolenza, e con tutte le virtù.

Magari noi sentissimo ogni mattina il peso del tempo che ci è donato, e ci comportassimo in modo degno di questo dono! Invece la forza delle abitudini ci fa trascinare i minuti e le ore in modo del tutto umano, non curanti della realtà.

La santa presenza di Dio riempia il nostro tempo, e assimili a sé la nostra vita. Al risveglio mattutino incominciamo a saziarci del Suo Volto, per quanto ci è possibile in questa vita fugace.

Questo è il grande segreto: senza Dio il tempo ha caratteristiche umane, e porta con sé consumazione e morte, mentre con Dio si riveste fin da ora di immortalità.

Se viviamo alla presenza del Signore, il tempo per noi non finirà mai, e la stessa morte corporale ci spalancherà la porta d’oro, una porta meravigliosa che ci introdurrà in una eternità felice.

Dio non ha creato nulla che non possa essere trasformato da Lui: donandoci il tempo ci ha dato la possibilità del peccato e del pentimento, dell’errore e della correzione, del traviamento e della riconciliazione: quello che conta per Lui e per noi è il lieto fine!

Coraggio, fratello! In questa corsa attraverso il tempo fissiamo la sguardo su Gesù, autore e perfezionatore della fede, e, seguendo le Sue orme, camminiamo dietro a Lui: Lui solo sa come dobbiamo impiegare il nostro tempo, giorno per giorno.

Non scoraggiamoci nelle cadute, perché Egli rialza chi è caduto e rende saldo il piede che vacilla: comportiamoci con umiltà e dignità: siamo Figli di Dio, Figli nel Figlio, e per noi il tempo è la beata via che conduce alla Vita!