Non furono stesi tappeti al suo passaggio

Giuseppe Impastato S.I.

E Dio venne sulla terra…
Non era sfolgorante
come il sole,
non riempì di splendore
il palazzo dell’imperatore,
non andò dove si udiva
lo strepito delle armi di un generale…

Non apparve maestoso
come un baobab in un bosco,
né sembrò come un leone
forte e dominatore in una foresta,
ma come bambino, come vagito…

Non si preparò
a divenire un filosofo sapiente,
non andò a scuola dei rabbini
per prepararsi ad occupare un posto
tra i maestri autorevoli.
Non frequentò scuole militari
per essere un esperto stratega
o un valoroso condottiero.

E neppure entrò in un severo monastero
per dedicarsi a digiuni e penitenze,
a lunghe preghiere e a ritiri spirituali.
Non si mise al servizio dei potenti
per ottenere facili carriere
o vantaggiosi privilegi e lauti stipendi.

Bussò al cuore di una giovane ebrea
per entrare a far parte dell’umanità;
il suo desiderio non era di sottomettere a Dio
atei, idolatri, agnostici, infedeli.

Venne per sorridere,
consolare, illuminare,
perdonare, avvicinare…
Disse: “Sono con voi tutti i giorni”,
“Vado a prepararvi un posto”,
“andate e annunziate il Vangelo”,
“amatevi come ho amato io”.