6 – NDE – La testimonianza di un cardiologo milanese

Insieme a tanti video e documentari possibilisti, superficiali o sensazionalistici, esistono in rete testimonianze pacate, competenti e credibili come quella che segue, resa dal dr. Carlo Cipolla, responsabile della divisione di cardiologia presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano. La riportiamo a mo’ di intermezzo e resoconto informativo di carattere pratico in un discorso che intendiamo approfondire lentamente a 360 gradi, sia quanto ai fatti, sia quanto all’analisi ed interpretazione degli stessi; in un contesto in cui, come evidenzia questo medico, “(…)purtroppo c’è da parte della (…) scienza ufficiale (…) una tendenza a parlarne poco, studiarne poco, e condirla via con un – ma sì, sono meccanismi automatici di tipo cerebrale…”. (dal minuto 10,56 in poi del video che segue). E il FATTO che  una donna in condizione di arresto cardiaco abbia visto dettagli che in quelle condizioni non poteva vedere (l’episodio è riportato nel video dal minuto 5,45 in poi), è anch’esso riconducibile a “meccanismi automatici”? Probabilmente sì, ma certo non meccanismi di tipo cerebrale, perché in condizioni di arresto cardiaco non risulta né che il cervello funzioni, né che gli occhi siano in grado di vedere alcunché.