L’Amore di Dio è sconfinato

L’Amore di Dio trasforma il cuore dell’uomo, lo rende umile e di­sponibile al Progetto del Signore.

L’Amore del Signore sconvolge i piani degli empi, difende i poveri ed i deboli; esso converte le anime e le porta a pregustare la gioia eterna.

Molte volte però l’uomo desidera l’amore, ma solo quello umano, lo vuole tutto per sè, lo vuole possedere egoisticamente e, nella sua caparbietà e impudenza, vuole usarlo per il suo piacere e la sua soddisfazione. Ma questo non è amore vero, il suo nome è egoismo.

L’amore esiste nel cuore dell’uomo con la sua componente umana, ma se l’amore umano non è strettamente connesso con L’Amore Divino che viene dato da Dio e che ci rende partecipi del suo Progetto Divino, è transitorio ed è destinato a finire ben presto con dolore ed amarezza.

La radice del nostro vero amore sta nella volontà di inserirci, con tut­te le nostre facoltà, nel Progetto che Dio ha su ognuno di noi. Dobbiamo fare la sua Volontà abbandonandoci a Lui; vivere in Lui, per Lui e con Lui.

Necessita da parte nostra una capacità forte e risoluta di avere contat­to con il nostro Dio, specialmente mediante la preghiera; occorre cer­carLo, trovarLo e poi cercarLo ancora fino a possederLo. Allora non potremo più opporci a Lui.

Allora l’azione del suo Santo Spirito in noi ci aiuterà a comprendere l’Amore Divino e finalmente a viverlo in tutte le sue dimensioni.

Entreremo così a far parte del Progetto di Dio e Lui con noi, con la nostra volontà e partecipazione, potrà totalmente rinnovarci.

Ma senza il nostro consenso e la nostra collaborazione, rispettando la nostra liberà volontà, Dio non potrà realizzare in noi il suo Progetto d’Amore.

L’Amore di Dio si volge a noi con premura e grande attenzione; ci segue passo passo e lascia in noi il segno tangibile della sua Presen­za e della sua azione.