La visita dell’ Imperatore

Giuseppe Impastato S.I.

Ero seduto alla mia scrivania quando squillò il telefono.
‘Signor Ministro, tra dieci giorni verrà in visita l’imperatore.
Bisognerà ospitarlo nella nostra città.
Lei è stato incaricato di predisporre l’evento’.

Ho subito pensato al più bel palazzo.
In una mia visita vi avevo notata una magnifica sala.
Mi sono subito attivato.
Ho ordinato di preparare nella sala i più bei tappeti.
Bellissimi i tanti lampadari; ho fatto sostituire con nuove le vecchie lampade.
Tavolini, sedie, quadri, specchi, tendaggi… Tutto doveva essere splendido.

In fondo alla sala ho fatto preparare un sontuoso baldacchino di broccato,
sotto il quale – sopra tanti gradini – un trono,
un trono scintillante, degno dell’imperatore.
Il seggio è di legno pregiato, con un cuscino di morbida lana di un rosso scintillante.

Era un sogno, il mio. E ho pensato a Dio che ha preparato in terra il suo arrivo.
Un’altra cosa!
Né palazzo, né sala, né trono,
né specchiere, né orologi e quadri antichi di grande valore.
E nemmeno porpore e broccati…
In breve: nulla di tutto ciò che io avrei preparato.
Lui ha scelto solo un cuore,
un’anima purissima, uno spirito accogliente:
Maria.
La tutta pura, l’Immacolata.
L’unica creatura degna di accogliere
l’Emmanuele, il Dio con noi.