LA PURITÀ DI ANIMA PER LA S. COMUNIONE

Che dire della grande purità di anima con cui i Santi si accostavano a ricevere il Pane degli Angeli? Sappiamo che erano di una delicatezza veramente angelica. Consapevoli della propria miseria, essi cercavano di presentarsi a Gesù “santi e immacolati” (Ef. 1, 4) ripetendo con il pubblicano: “O Dio, abbi pietà di me che sono peccatore” (Luc. 18, 9), e ricorrendo con grande premura al lavacro della S. Confessione.
Quando a S. Girolamo venne portato il S. Viatico, in fin di vita, si vide il Santo prostrarsi a terra in adorazione, e lo si udì ripetere con profonda umiltà le parole di S. Elisabetta e quelle di S. Pietro: “Donde questo, che viene a me il mio Signore? Allontanati da me, che sono uomo peccatore” (Luc. 1, 43; 5, 10). E quante volte l’angelica e serafica S. Gemma fu tentata di non comunicarsi, ritenendosi nient’altro che un vile “letamaio”?
E P. Pio da Pietrelcina ripeteva con trepidazione ai confratelli “Dio vede le macchie anche negli Angeli, figuriamoci in me!”. Per questo egli era molto assiduo alla Confessione sacramentale.
“Oh se potessimo comprendere chi è quel Dio che riceviamo nella Comunione, quale purezza di cuore gli porteremmo!”, esclamava S. Maria Maddalena de’ Pazzi.
Per questo S. Ugo, S. Tommaso d’Aquino, S. Francesco di Sales, S. Ignazio, S. Carlo Borromeo, S. Francesco Borgia, S. Luigi Bertrando, S. Giuseppe da Copertino, S. Leonardo da Porto Maurizio e tanti altri Santi si confessavano ogni giorno prima di celebrare la S. Messa.
S. Camillo de Lellis non celebrava mai la S. Messa senza prima confessarsi, perchè voleva almeno “spolverare” la sua anima. Una volta in una piazza di Livorno, al tramonto, prima di separarsi da un confratello, il Santo, prevedendo che il mattino seguente non avrebbe avuto un Sacerdote per confessarsi prima di celebrare, si fermò, si levò il cappello, si fece il segno di croce e si confessò li in piazza dal confratello.
Anche S. Alfonso, S. Giuseppe Cafasso, S. Giovanni Bosco, S. Pio X, P. Pio da Pietrelcina, si confessavano molto spesso. E perchè mai S. Pio X volle anticipare a sette anni l’età della Prima Comunione per i piccoli, se non per fare entrare Gesù nei cuori dei fanciulli innocenti che tanto somigliano agli Angeli? E P. Pio da Pietrelcina, perchè esultava quando gli portavano bambini di cinque anni preparati per la Prima Comunione?
I Santi applicavano alla perfezione la direttiva dello Spirito Santo: “Ciascuno esamini prima se stesso, e poi mangi di quel Pane e beva di quel Calice, perchè chi mangia e chi beve indegnamente, mangia e beve la propria condanna” (1 Cor. 11, 28).
Esaminarsi, pentirsi, accusarsi, chiedere perdono approfittando anche ogni giorno del Sacramento della Confessione era cosa naturale per i Santi. Beati loro, capaci di tanto! E i frutti di santificazione erano costanti e abbondanti, perchè l’anima pura che accoglie in sè Gesù, “Frumento degli eletti” (Zac. 9, 17), è come la “terra fertile… che produce frutto con perseveranza” (Luc. 8, 15).
S. Antonio M. Claret illustra molto bene la cosa: “Quando ci comunichiamo, tutti noi riceviamo il medesimo Signore Gesù, ma non tutti riceviamo le medesime grazie, nè produce in tutti gli stessi effetti. Ciò proviene dalla nostra maggiore o minore disposizione. Per spiegare questo fatto, mi serve un paragone naturale: l’innesto. Quanto più le piante si rassomigliano, tanto meglio è per l’innesto. Così, quanta più somiglianza ci sarà tra chi si comunica e Gesù, tanto migliori saranno i frutti della S. Comunione”. Il Sacramento della Confessione è appunto il mezzo eccellente di restauro della somiglianza fra l’anima e Gesù.
Per questo S. Francesco di Sales insegnava ai suoi figli spirituali: “Confessatevi con umiltà e devozione… se è possibile ogni volta che vi comunicate, quantunque non vi sentiate nella coscienza alcun rimorso di peccato mortale”.
Per questo S. Teresa di Gesù, quando era consapevole della minima colpa veniale, non si comunicava senza prima confessarsi.
A questo proposito, è bene ricordare l’insegnamento della Chiesa. La Comunione deve essere fatta stando in grazia di Dio. Perciò, quando si è commesso un peccato mortale, anche se si è pentiti e si ha un grande desiderio di comunicarsi, è necessario, è indispensabile confessarsi prima della S. Comunione, altrimenti si commette peccato gravissimo di sacrilegio, per il quale, come disse Gesù a S. Brigida,”non esiste sulla terra supplizio che basti a punirlo”!
Invece, la Confessione fatta prima della Comunione, soltanto per rendere più pura e più bella l’anima già in grazia, non è necessaria, ma è preziosa, perchè riveste l’anima del più bell’ “abito nuziale” (Matt. 22, 14) con cui assidersi alla mensa degli Angeli. Per questo le anime più delicate hanno sempre cercato con frequenza (almeno ogni settimana) la assoluzione sacramentale anche per le colpe leggere. Se infatti la purità dell’anima deve essere massima per ricevere Gesù, nessuna purità è più fulgente di quella che si ottiene confessandosi, con il bagno nel Sangue di Gesù che rende l’anima pentita divinamente bella e splendente. “L’anima che riceve il Sangue Divino diventa bella, come rivestita dell’abito più prezioso, e così risplendente, che, se poteste vederla, sareste tentati di adorarla” (S. Maria Maddalena de’ Pazzi).
Quale conforto per Gesù l’essere ricevuto da una anima purificata e rivestita del suo Divin Sangue! E quale gioia tutta d’amore per Lui se si tratta di un’anima verginale, perchè “l’Eucaristia venne dal cielo della verginità” (S. Alberto Magno) e non trova il suo cielo che nella verginità. Nessuno come la vergine può ripetere con la Sposa dei Cantici ad ogni Comunione: “Il mio Diletto è mio e io sono tutta del mio Diletto che pascola fra i gigli e a me rivolge il suo amore” (Cant. 2, 16).
Un modo delicato di preparamento alla S. Comunione è quello di invocare l’Immacolata e affidarci a Lei perchè ci faccia ricevere Gesù con la sua umiltà, con la sua purezza e con il suo amore, e anzi, venga Ella stessa a riceverLo in noi. Questa pia pratica venne raccomandata molto dai Santi, specialmente da S. Luigi Grignon de Montfort, da S. Pietro G. Eymard, da S. Alfonso de’ Liguori e dal B. Massimiliano M. Kolbe. “La migliore preparazione alla S. Comunione è quella che si fa con Maria”, scrisse S. Pietro G. Eymard. Una descrizione deliziosa ci è fatta da S. Teresina quando immagina la sua anima come una bimba di tre o quattro anni, tutta in disordine nei capelli e nei vestiti, vergognosa di presentarsi all’altare per ricevere Gesù. Ma fa ricorso alla Madonna e “subito – scrive la Santa – la Vergine Maria si affaccenda attorno a me; mi toglie prestamente il grembiulino sudicio e riannoda i miei capelli con un bel nastro o anche con un semplice fiore… E ciò basta per farmi apparire graziosa e farmi sedere, senza arrossire, al banchetto degli Angeli”. Facciamone anche noi la prova. Non ne resteremo delusi. Anzi, potremo anche noi esclamare con S. Gemma estatica: “Quanto è bella la Comunione fatta con la Mamma del Paradiso”.