La Porta Santa

P. Gianni Fanzolato

La prima grande porta della storia si è aperta in cielo: la porta del cuore di Dio.
Si è spalancata sull’umanità e mille portenti son piovuti dall’alto, inondando il mondo;
è scesa la luce, i colori dell’arcobaleno, bellezza e grazia e l’uomo capolavoro di Dio
ma tanto Dio ha aperto la porta, quanto l’uomo ha fatto di tutto per chiuderla.

Per riaprire la porta del cuore di Dio c’è solo una chiave possibile, che diventa porta:
“Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo” e il salmo centodiciotto:
“E’ questa la porta del Signore, per essa entrano i giusti”, e Sant’Ignazio di Antiochia:
“Egli è la porta del Padre, attraverso la quale entrano i profeti, gli apostoli e la Chiesa”.

Ma Cristo si è fatto via e porta, perché Dio ha trovato in Maria un cancello aperto.
Il messaggio e la proposta di Dio sono caduti nell’umiltà della sua serva e dalla porta
del suo cuore è scaturito il Santo dei santi, il primogenito dei morti, Signore dei signori.
Io sono la via, la chiave, la porta, chi vuole essere felice deve passare attraverso di me.

La porta santa di Gesù ha scatenato una valanga di porte aperte a Dio e all’amore.
Sono i cuori che palpitano per Dio e aprono la loro casa all’accoglienza e al dono.
Mille portoni che lasciano passare lo Spirito del Cristo vivo e lo riversano nei fratelli
provocando quell’effetto domino di porte che si aprono verso la vera porta di Dio.

Mi sono accorto allora che la porta santa è lo stesso mio cuore spalancato da Gesù:
sarà porta santa se lascio entrare i bambini della strada, i barboni della stazione,
i fratelli emigranti nei quali Gesù si è identificato, i giovani che cercano estasi,
ma che hanno sete di valori e di speranza, gli anziani e le persone sole, se lascio entrare Gesù.

La mia porta santa è il sorriso e la gioia dipinti nei miei occhi, perché ho trovato la pace,
è ottimismo cristiano e abbandono all’amore di Dio che mi fa essere aperto all’altro,
focolare dove trovano riparo e calore chi ha sofferto il gelo e l’indifferenza,
il grazie perché Gesù buon pastore ha fasciato e guarito le mie piaghe, amandomi.

La porta santa di San Pietro e tutte le porte sante del mondo saranno Cristo.
Se passando ci sentiremo lavati, purificati e convertiti per essere pietre vive.
Se sentiremo l’abbraccio del Cristo, il suo calore, la sua pazzia d’amore per noi.
Saremo porta e via dove i fratelli troveranno la pace nell’unica porta del cuore di Dio.