La perfezione dell’amore

Chi ci potrà distaccare dall’Amore del Padre? La fame, la malattia, l’indigenza, la guerra?

Nessuno ci potrà allontanare dal suo Amore.

Noi abbiamo valore davanti al Padre perchè siamo stati fatti a sua Im­magine e Somiglianza. Non solo per questo, ma tutto diventa puro, santo e vero nella misura in cui noi viviamo e partecipiamo al suo A­more, donandolo.

Non è forse vero che ogni uomo è un chiamato, un predestinato? Cer­to che è vero perchè Dio ci ha fatti per essere conformi a Lui e nulla ha tralasciato affinchè noi diventassimo perfetti in Lui.

Questa perfezione non ci viene data così a buon mercato, ma dobbia­mo conquistarla nel compiere un cammino che può essere quello del buon cristiano. Tuttavia non dobbiamo fermarci, ma andare oltre per scoprire in profondità l’Amore di Dio.

Alle volte viviamo nella superficialità, ci accontentiamo di quel poco che facciamo e non ci accorgiamo che siamo fermi, che non progre­diamo perchè non vogliamo impegnarci più di quel tanto. Coltiviamo quel piccolo nostro orticello senza sconfinare, senza anda­re oltre per vivere pienamente, anche su questa terra, l’Amore di Dio.

Dio si dona totalmente, ma è anche esigente con noi, vuole sempre qualcosa di più. Nel cammino che dobbiamo percorrere questo “di più” deve essere attinto alla Fonte dell’Amore che è il suo Sacro Cuore: “Venite a Me voi tutti che siete affaticati e oppressi ed lo vi ri­storerò”. È questo il ristoro che l’anima incamminata verso il suo Dio deve cercare e trovare.

Possiamo immaginare di poter vivere in un deserto senza avere ac­qua? No, non è possibile! Arderemmo dalla sete, invocheremmo per pietà un poco di acqua dal cielo.

Così deve essere la nostra anima, nella continua sete di Dio. Arsa da questa sete, l’anima Lo cerca, Lo vuole, Lo raggiunge dopo un cam­mino faticoso. Allora si ristora, beve, beve a sazietà. Con quell’Acqua non avrà più sete, prenderà vigore, colore, profumo; ritornerà a vi­vere!

L’uomo ha bisogno di quest’Acqua, come ne aveva bisogno la samarita­na che al pozzo aveva incontrato Gesù, la Vera Acqua, la Vera Fonte del­la Grazia.

Per capire questo Mistero d’Amore è necessario vivere in Lui ogni gior­no, cercarLo ed amarLo, ma nel contempo lasciarsi trovare da Lui per­chè anche Gesù ci cerca continuamente, vuole attirarci a Sè.

Beato l’uomo che a Lui si affida ed in Lui confida.

Beato l’uomo che si lascia immergere nella Sapienza Divina.

Gesù è Fonte d’Amore, di Speranza, di Luce. Gesù è il Buon Pastore. Lasciamoci da Lui trovare; non rinneghiamo il suo Amore di Padre.