Il vero Amore

L’uomo necessita dell’Amore del Padre, lo deve sperimentare, lo de­ve coltivare e far crescere nel suo cuore, abbandonandosi totalmente ed umilmente a questo Amore.

Come può l’uomo agire, lavorare, pensare, meditare e decidere se nel suo cuore non vi è l’Amore Santo e Puro del Padre? Come può vive­re in pace e portare pace?

L’uomo, troppo spesso, confonde l’amore umano con quello Divino e ne fa triste esperienza quando nel suo vivere umano non si accorge di abbandonare l’Amore Divino.

L’uomo da sè non può fare nulla, non è in grado di conoscere il Vole­re del Padre nei suoi riguardi. Allora diventa materiale, superficiale, si lascia sedurre dal male che lo fa peccare.

Il bene dell’uomo è l’amore e la pace. Per questo Gesù si è lasciato crocifiggere, perchè l’uomo potesse sperimentare la Vera Pace, il Ve­ro Amore, la Vera Compassione che provengono dal Cuore del Padre.

Se l’uomo non si lascia convertire, se non vuole cambiare, cammina nel­la via del male che lo porterà alla disperazione e alla perdizione eterna. Il male produce la morte; l’Amore è sorgente di vita.

Dobbiamo lasciarci attrarre dalla chiamata del Padre, dobbiamo la­sciarci condurre da Lui verso la Gioia, l’Amore e la Pace.

Questo è il fine ultimo della nostra vita, il traguardo che ogni uomo deve raggiungere.

Solo l’Amore è Fonte di Grazia e di Benedizione ed è solo con l’A­more che riusciremo a presentarci in Grazia davanti a Dio, l’Onnipo­tente, l’Eterno, l’Altissimo.

Beato l’uomo che vive e muore nel Signore. Lui lo accoglierà, lo farà sedere accanto a sè. L’uomo, pur essendo servo inutile, si accorgerà che nell’avere posseduto sin da quaggiù sulla terra l’Amore di Dio, è arrivato alla meta ed alla gioia che non avrà mai fine.