E’ giunta la mia ora?

Giuseppe Impastato S.I.

Ho detto a tanti: “Io vi battezzo”,
vi immergo nella fornace d’amore
della vita di Dio.
Ho consegnato loro il tuo nome,
li ho inseriti nella tua famiglia
con la dignità di figli,
li ho resi tuoi profeti sacerdoti e re.

Ho versato lacrime gioiose
con i miei fratelli che lontano da te
avevano sperato grandezza e dignità.
Ho parlato loro del tuo amore
e ho osato dire: “Io ti assolvo”,
ti rinnovo, ti rendo puro,
ti ridò dignità novità freschezza.

Mi hanno dato del pane e del vino;
collocàtili sul tuo altare
tremando ho detto: “Dio eterno,
è tuo corpo questo pane,
è tuo sangue questo vino”.
Venite a Gesù, voi affamati di eternità,
voi che anelate a trasformarvi in Dio.

Anch’io cerco te, Dio, mio tutto.
Non è giunta l’ora tanto agognata
che tu mi immerga nel tuo amore?
Attendo con ansia che tu mi dica:
“Figlio mio amato!”
Desidero il tuo abbraccio,
bramo contemplarti goderti toccarti
sentire il brivido di essere tuo, mio Dio.