Gesù eccoti il mio cuore

Affrettati, o Gesù, eccoti il mio cuore.
L’anima mia è povera e nuda di virtù, le paglie di tante mie imperfezioni ti pungeranno e ti faranno piangere. Ma, o mio Signore, è tutto quello che ho.
Mi commuove la tua povertà, mi intenerisce, mi strappa le lacrime.
Gesù abbellisci l’anima mia con la tua presenza, adornala con le tue grazie, brucia queste paglie e cambiale in soffice giaciglio per il tuo santissimo corpo di neonato.
Gesù, ti aspetto. Molti ti rifiutano. Fuori spira un vento glaciale, vieni nel mio cuore.
Sono povero, ma ti riscalderò più che posso. Almeno voglio che ti compiaccia del mio grande desiderio di farti buona accoglienza, di volerti un gran bene, di sacrificarmi per te.