CONSIDERAZIONE I – RITRATTO D’UN UOMO DA POCO TEMPO PASSATO ALL’ALTRA VITA

PUNTO I

Considera che sei terra, ed in terra hai da ritornare. Ha da venire un giorno che hai da morire e da trovarti a marcire in una fossa, dove sarai coverto da’ vermi. «Operimentum tuum erunt vermes» (Is. 14. 11). A tutti ha da toccare la stessa sorte, a nobili ed a plebei, a principi ed a vassalli. Uscita che sarà l’anima dal corpo con quell’ultima aperta di bocca, l’anima anderà alla sua eternità, e ‘l corpo ha da ridursi in polvere. «Auferes spiritum eorum, et in pulverem revertentur» (Ps. 103. 29).

Immaginati di veder una persona, da cui poco fa sia spirata l’anima. Mira in quel cadavere, che ancora sta sul letto, il capo caduto sul petto: i capelli scarmigliati ed ancor bagnati dal sudor della morte: gli occhi incavati, le guance smunte, la faccia in color di cenere, la lingua e le labbra in color di ferro, il corpo freddo e pesante. Chi lo vede s’impallidisce e trema. Quanti alla vista di un parente o amico defunto hanno mutato vita e lasciato il mondo!

Maggior orrore dà poi il cadavere, quando principia a marcire. Non saranno passate ancora 24 ore ch’è morto quel giovine, e la puzza si fa sentire. Bisogna aprir le finestre e bruciar molto incenso, anzi procurare che presto si mandi alla chiesa, e si metta sotto terra, acciocché non ammorbi tutta la casa. E l’essere stato quel corpo d’un nobile, o d’un ricco non servirà che per mandare un fetore più intollerabile. «Gravius foetent divitum corpora», dice un autore.

Ecco dove è arrivato quel superbo, quel disonesto! Prima accolto e desiderato nelle conversazioni, ora diventato l’orrore e l’abbominio di chi lo vede. Ond’è che s’affrettano i parenti a farlo cacciar di casa, e si pagano i facchini, acciocché chiuso in una cassa lo portino a buttarlo in una sepoltura. Prima volava la fama del suo spirito, della sua garbatezza, delle sue belle maniere e delle sue lepidezze; ma tra poco ch’è morto, se ne perde la memoria. «Periit memoria eorum cum sonitu» (Ps. 9. 7).

Al sentir la nuova della sua morte altri dice: Costui si facea onore; altri: Ha lasciata bene accomodata la casa; altri se ne rammaricano, perché il defunto recava loro qualche utile; altri se ne rallegrano, perché la sua morte loro giova. Del resto, tra poco tempo da niuno più se ne parlerà. E sin dal principio i parenti più stretti non vogliono sentirne più parlare, affinché non si rinnovi loro la passione. Nelle visite di condoglienze si parla d’altro; e se taluno esce a parlar del defunto, dice il parente: Per carità non me lo nominate più.

Pensate che siccome voi avete fatto nella morte de’ vostri amici e congiunti, così gli altri faranno di voi. Entrano i vivi a far comparsa nella scena e ad occupare i beni e i posti de’ morti; e de’ morti niente o poco si fa più stima o menzione. I parenti a principio resteranno afflitti per qualche giorno, ma tra poco si consoleranno con quella porzione di robe, che sarà loro toccata; sicché tra poco più presto si rallegreranno della vostra morte; e in quella medesima stanza, dove voi avrete spirata l’anima, e sarete stato giudicato da Gesu-Cristo,11 si ballerà, si mangerà, si giuocherà e riderà come prima; e l’anima vostra dove allora starà?

Affetti e preghiere

O Gesù mio Redentore, vi ringrazio che non mi avete fatto morire, quando io stava in disgrazia vostra. Da quanti anni io meriterei di star nell’inferno! S’io moriva in quel giorno, in quella notte, che ne sarebbe di me per tutta l’eternità? Signore, ve ne ringrazio. Io accetto la mia morte in soddisfazione de’ miei peccati; e l’accetto secondo il modo che a Voi piacerà di mandarmela; ma giacché mi avete aspettato sinora, aspettatemi un altro poco. «Dimitte me, ut plangam paululum dolorem meum» (Iob. 10. 20). Datemi tempo da piangere l’offese che v’ho12 fatte, prima che mi abbiate a giudicare.

Io non voglio più resistere alle vostre voci. Chi sa, se queste parole che ho lette, sono l’ultima chiamata per me! Confesso che non merito pietà: Voi tante volte mi avete perdonato, ed io ingrato ho ritornato ad offendervi. «Cor contritum, et humiliatum Deus non despicies» (Ps. 50). Signore, giacché Voi non sapete disprezzare un cuore, che si umilia e si pente, ecco il traditore che pentito a Voi ricorre. «Ne proiicias me a facie tua». Per pietà non mi discacciate. Voi avete detto: «Eum, qui venit ad me, non eiiciam foras» (Io. 6. 37). È vero ch’io v’ho oltraggiato più degli altri, perché più degli altri sono stato da Voi favorito di lumi e di grazie; ma il sangue che avete sparso per me mi dà animo, e mi offerisce il perdono, s’io mi pento. Sì, mio sommo bene, che mi pento con tutta l’anima di avervi disprezzato. Perdonatemi, e datemi la grazia di amarvi per l’avvenire. Basta quanto vi ho offeso. La vita, che mi resta, no, Gesù mio, non la voglio più spendere ad offendervi; voglio spenderla solo a piangere sempre i disgusti, che vi ho dati, e ad amarvi con tutto il cuore, o Dio degno d’infinito amore.

O Maria, speranza mia, pregate Gesù per me.