Cercare

Marina Guarino, Vertigine, ed. Rupe Mutevole, 2010

Nelle pieghe dei giorni
anche quelli di un rigido inverno
sta una bellezza quotidiana.

Puoi scoprirla se posi gli oggetti da lavoro
se non consumi il tempo in tangenziale
a imprecare su chi non spinge l’acceleratore.

Uno sguardo è un contatto d’anime
un abbraccio che annulla le distanze
ogni volto è un pezzo di storia
una tavola apparecchiata di delizie.

Se lentamente si spegne lo sguardo
l’insidia del nulla agguanta il cuore
e il silenzio si fa arido, se l’occhio
non vede l’invisibile dentro le forme
e le figure a cercare una risposta.