Introduction to The Gospel of Matthew:

The Gospel of the Kingdom of God

Jesus chose one of the unlikeliest of men to be his apostle, Matthew the much hated tax-collector who worked for the Roman empire (Matthew 9:9).  Unlike most of the other apostles who were skillful fishermen, Matthew was skilled with the pen and with giving an account of facts and figures.  Papias, one of the earliest Church historians, records that “Matthew collected the sayings of Jesus in the Hebrew tongue.”  Matthew the evangelist wrote some 1068 verses.  While the evangelist Mark wrote some 661 verses which focus on the “events” of Jesus’ life and ministry, Matthew focuses on the substance of Jesus’ teaching.  When did Matthew write his gospel?  Sometime in the last quarter of the first century, likely between 85 and 105 AD.

Matthew was responsible for the first collection or handbook on the teaching of Jesus.  His account of Jesus’ teaching is arranged in five sections which focus on the kingdom of God: (1) the Sermon on the Mount or the Law of the Kingdom comprise chapters 5-7; (2) his missionary instructions to his disciples on the duties of the leaders of the kingdom in chapter 10;  (3) the Parables of the Kingdom in chapter 13; (4) the themes of “greatness” and “forgiveness” in the kingdom in chapter 18; and (5) the “coming of the King” in chapters 24-25.

Matthew’s gospel is placed first in the canon of the New Testament, not because it was written first, some of Paul’s letter’s and the Gospel of Mark were written before, but because it is a bridge between the Old and New Testament.  The main point and argument of Matthew’s 28 chapters is to convince the Jews that Jesus is their Messiah King, the Anointed One, the Christ, the Son of God and founder of the kingdom of God.  Matthew’s account uses the  word “kingdom” 50 times, and the “kingdom of heaven” 32 times.

Matthew’s account emphasizes Jesus’ kingly rule and divine authority. Jesus says to Peter, “I will give you the keys of the kingdom of heaven, and whatever you bind on earth shall be bound in heaven, and whatever you loose on earth shall be loosed in heaven” (Matthew 16:19).  Jesus’ last words to his apostles also speak about his kingly authority over all:  “All authority in heaven and on earth has been given to me.  Go therefore and make disciples of all nations.. teaching them to observe all that I have commanded you; and lo, I am with you always…” (Matthew 28:18-19)  Matthew uses the word “all” four times in this passage alone. Matthew also shows Jesus’ authority over nature by  his miracles, his authority over sin by forgiving sins, and his authority over death by his resurrection

The Gospel of the Jews

Matthew writes as a Jew to his fellow Jews to present to them the evidence for Jesus’ claim to be the King of the Jews.  He quotes extensively from the Old Testament prophets to show how Jesus fulfilled all that was spoken about the Messiah who would come to establish the reign [or kingdom] of God.  He frequently writes, “as it is written in the prophet…” or “this was done to fulfill what was spoken by the prophets…”  Nine times Matthew refers to Jesus as the “son of David”.  The prophets had fortold that the Messiah would be a direct descent of David.  Matthew’s gospel begins with the genealogy of Jesus, tracing him back to David, King of Israel, and then to Abraham, the first Jew.  Matthew traces Jesus’ lineage through Joseph, his foster father, rather than through Mary, his biological mother [as Luke’s account does].  Matthew, the observant Jew, notes that according to Jewish genealogy, the father’s lineage counted legally for royalty.

“Freely have you received – freely give”

Daily Reading & Meditation

Thursday (July 11):  “Freely have you received – freely give”
Scripture:  Matthew 10:7-15

7 And preach as you go, saying, `The kingdom of heaven is at hand.’ 8 Heal the sick, raise the dead, cleanse lepers, cast out demons. You received without paying, give without pay. 9 Take no gold, nor silver, nor copper in your belts, 10 no bag for your journey, nor two tunics, nor sandals, nor a staff; for the laborer deserves his food. 11 And whatever town or village you enter, find out who is worthy in it, and stay with him until you depart. 12 As you enter the house, salute it. 13 And if the house is worthy, let your peace come upon it; but if it is not worthy, let your peace return to you. 14 And if any one will not receive you or listen to your words, shake off the dust from your feet as you leave that house or town. 15 Truly, I say to you, it shall be more tolerable on the day of judgment for the land of Sodom and Gomorrah than for that town.

Meditation: Do you believe that the Gospel has power to change your life and the lives of others? Jesus gave his disciples a two-fold commission to speak in his name and to act with his power. The core of the Gospel message is quite simple: the kingdom (or reign) of God is imminent! What is the kingdom of God? It is that society of men and women who freely submit to God and who honor him as their Lord and King. In the Lord’s prayer we pray for God to reign in our lives and in our world: May your kingdom come and your will be done on earth as it is in heaven.

Doing the works which Jesus did
Jesus also commissioned his disciples to carry on the works which he did – bringing the healing power and mercy of God to the weary and oppressed. The Gospel has power to set people free from sin, sickness, fear, and oppression. The Lord Jesus will free us from anything that keeps us from loving him and our neighbor with joy and confidence.

Sharing generously what God has given to each one of us
Jesus said to his disciples: Freely you have received, freely give. What they have received from Jesus they must now pass on to others without expecting a favor in return, whether it be in the form of a gift or payment. They must show by their attitude that their first interest is in serving God, not receiving material gain. They must serve without guile, full of charity and peace, and simplicity. They must give their full attention to the proclamation of God’s kingdom and not be diverted by other lesser things. They must  travel light – only take what was essential and leave behind whatever would distract them – in order to concentrate on the task of speaking the word of God. They must do their work, not for what they can get out of it, but for what they can give freely to others, without expecting special privileges or reward. “Poverty of spirit” frees us from greed and preoccupation with possessions and makes ample room for God’s provision. The Lord wants his disciples to be dependent on him and not on themselves.

Support the work of the Gospel with your resources
Secondly, Jesus said: the worker deserves his sustenance. Here we see a double-truth: the worker of God must not be overly-concerned with material things, but the people of God must never fail in their duty to give the worker of God what he or she needs to sustain themselves in the Lord’s service. Do you pray for the work of the Gospel and do you support it with your material and financial resources?

Jesus ends his instructions with a warning: If people reject God’s invitation and refuse his word, then they bring judgment and condemnation on themselves. When God gives us his word there comes with it the great responsibility to respond. Indifference will not do. We are either for or against God in how we respond to his word. God gives us his word that we may have life – abundant life in him. He wills to work in and through each of us for his glory. God shares his word with us and he commissions us to speak it boldly and simply to others. Do you witness the truth and joy of the Gospel by word and example to those around you?

“Lord Jesus, may the joy and truth of the Gospel transform my life that I may witness it to those around me. Grant that I may spread your truth and your light wherever I go.”

Psalm 80:1-3, 15-17

1 Give ear, O Shepherd of Israel, you who lead Joseph like a flock!  You who are enthroned upon the cherubim, shine forth
2 before Ephraim and Benjamin and Manasseh! Stir up your might, and come to save us!
3 Restore us, O God; let your face shine, that we may be saved!
15 the stock which your right hand planted.
16 They have burned it with fire, they have cut it down; may they perish at the rebuke of your countenance!
17 But let your hand be upon the man of your right hand, the son of man whom you have made strong for yourself!

Daily Quote from the early church fathersThe gift of power to reign with the Lord, by Hilary of Poitiers (315-367 AD)

“All the power possessed by the Lord is bestowed upon the apostles! Those who were prefigured in the image and likeness of God in Adam have now received the perfect image and likeness of Christ. They have been given powers in no way different from those of the Lord. Those once earthbound now become heaven-centered. They will proclaim that the kingdom of heaven is at hand, that the image and likeness of God are now appropriated in the company of truth, so that all the holy ones who have been made heirs of heaven may reign with the Lord. Let them cure the sick, raise the dead, cleanse the lepers and cast out devils. Whatever impairment Adam’s body had incurred from being goaded on by Satan, let the apostles wipe away through their sharing in the Lord’s power. And that they may fully obtain the likeness of God according to the prophecy in Genesis, they are ordered to give freely what they freely have received (Matthew 10:8). Thus a gift freely bestowed should be freely dispensed.” (excerpt from commentary ON MATTHEW 10.4)

Meditations may be freely reprinted for non-commercial use – please cite: copyright (c) 2019 Servants of the Word, source:  www.dailyscripture.net, author Don Schwager

 

Catechesi sul “Padre nostro”: 13. Come noi li rimettiamo ai nostri debitori

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Oggi completiamo la catechesi sulla quinta domanda del “Padre nostro”, soffermandoci sull’espressione «come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori» (Mt 6,12). Abbiamo visto che è proprio dell’uomo essere debitore davanti a Dio: da Lui abbiamo ricevuto tutto, in termini di natura e di grazia. La nostra vita non solo è stata voluta, ma è stata amata da Dio. Davvero non c’è spazio per la presunzione quando congiungiamo le mani per pregare. Non esistono nella Chiesa “self made man”, uomini che si sono fatti da soli. Siamo tutti debitori verso Dio e verso tante persone che ci hanno regalato condizioni di vita favorevoli. La nostra identità si costruisce a partire dal bene ricevuto. Il primo è la vita.

Chi prega impara a dire “grazie”. E noi ci dimentichiamo tante volte di dire “grazie”, Siamo egoisti. Chi prega impara a dire “grazie” e chiede a Dio di essere benevolo con lui o con lei. Per quanto ci sforziamo, rimane sempre un debito incolmabile davanti a Dio, che mai potremo restituire: Egli ci ama infinitamente più di quanto noi lo amiamo. E poi, per quanto ci impegniamo a vivere secondo gli insegnamenti cristiani, nella nostra vita ci sarà sempre qualcosa di cui chiedere perdono: pensiamo ai giorni trascorsi pigramente, ai momenti in cui il rancore ha occupato il nostro cuore e così via. Sono queste esperienze, purtroppo non rare, che ci fanno implorare: “Signore, Padre, rimetti a noi i nostri debiti”. Chiediamo così perdono a Dio.

A pensarci bene, l’invocazione poteva anche limitarsi a questa prima parte; sarebbe stata bella. Invece Gesù la salda con una seconda espressione che fa tutt’uno con la prima. La relazione di benevolenza verticale da parte di Dio si rifrange ed è chiamata a tradursi in una relazione nuova che viviamo con i nostri fratelli: una relazione orizzontale. Il Dio buono ci invita ad essere tutti quanti buoni. Le due parti dell’invocazione si legano insieme con una congiunzione impietosa: chiediamo al Signore di rimettere i nostri debiti, i nostri peccati, “come” noi perdoniamo i nostri amici, la gente che vive con noi, i nostri vicini, la gente che ci ha fatto qualcosa di non bello.

Ogni cristiano sa che esiste per lui il perdono dei peccati, questo lo sappiamo tutti: Dio perdona tutto e perdona sempre. Quando Gesù racconta ai suoi discepoli il volto di Dio, lo tratteggia con espressioni di tenera misericordia. Dice che c’è più gioia nei cieli per un peccatore che si pente, piuttosto che per una folla di giusti che non hanno bisogno di conversione (cfr Lc 15,7.10). Nulla nei Vangeli lascia sospettare che Dio non perdoni i peccati di chi è ben disposto e chiede di essere riabbracciato.

Ma la grazia di Dio, così abbondante, è sempre impegnativa. Chi ha ricevuto tanto deve imparare a dare tanto e non trattenere solo per sé quello che ha ricevuto. Chi ha ricevuto tanto deve imparare a dare tanto. Non è un caso che il Vangelo di Matteo, subito dopo aver regalato il testo del “Padre nostro”, tra le sette espressioni usate si soffermi a sottolineare proprio quella del perdono fraterno: «Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe» (Mt 6,14-15). Ma questo è forte! Io penso: alcune volte ho sentito gente che ha detto: “Io non perdonerò mai quella persona! Quello che mi hanno fatto non lo perdonerò mai!”. Ma se tu non perdoni, Dio non ti perdonerà. Tu chiudi la porta. Pensiamo, noi, se siamo capaci di perdonare o se non perdoniamo. Un prete, quando ero nell’altra diocesi, mi ha raccontato angosciato che era andato a dare gli ultimi sacramenti ad un’anziana che era in punto di morte. La povera signora non poteva parlare. E il sacerdote le dice: “Signora, lei si pente dei peccati?”. La signora ha detto di sì; non poteva confessarli ma ha detto di sì. È sufficiente. E poi ancora: “Lei perdona gli altri?”. E la signora, in punto di morte ha detto: “No”. Il prete è rimasto angosciato. Se tu non perdoni, Dio non ti perdonerà. Pensiamo, noi che stiamo qui, se noi perdoniamo o se siamo capaci di perdonare. “Padre, io non ce la faccio, perché quella gente me ne ha fatte tante”. Ma se tu non ce la fai, chiedi al Signore che ti dia la forza per farcela: Signore, aiutami a perdonare. Ritroviamo qui la saldatura tra l’amore per Dio e quello per il prossimo. Amore chiama amore, perdono chiama perdono. Ancora in Matteo troviamo una parabola intensissima dedicata al perdono fraterno (cfr 18,21-35). Ascoltiamola.

C’era un servo che aveva contratto un debito enorme con il suo re: diecimila talenti! Una somma impossibile da restituire; non so quanto sarebbe oggi, ma centinaia di milioni. Però succede il miracolo, e quel servo riceve non una dilazione di pagamento, ma il condono pieno. Una grazia insperata! Ma ecco che proprio quel servo, subito dopo, si accanisce contro un suo fratello che gli deve cento denari – piccola cosa -, e, pur essendo questa una cifra accessibile, non accetta scuse né suppliche. Perciò, alla fine, il padrone lo richiama e lo fa condannare. Perché se non ti sforzi di perdonare, non verrai perdonato; se non ti sforzi di amare, nemmeno verrai amato.

Gesù inserisce nei rapporti umani la forza del perdono. Nella vita non tutto si risolve con la giustizia. No. Soprattutto laddove si deve mettere un argine al male, qualcuno deve amare oltre il dovuto, per ricominciare una storia di grazia. Il male conosce le sue vendette, e se non lo si interrompe rischia di dilagare soffocando il mondo intero.

Alla legge del taglione – quello che tu hai fatto a me, io lo restituisco a te, Gesù sostituisce la legge dell’amore: quello che Dio ha fatto a me, io lo restituisco a te! Pensiamo oggi, in questa settimana di Pasqua tanto bella, se io sono capace di perdonare. E se non mi sento capace, devo chiedere al Signore che mi dia la grazia di perdonare, perché è una grazia il saper perdonare.

Dio dona ad ogni cristiano la grazia di scrivere una storia di bene nella vita dei suoi fratelli, specialmente di quelli che hanno compiuto qualcosa di spiacevole e di sbagliato. Con una parola, un abbraccio, un sorriso, possiamo trasmettere agli altri ciò che abbiamo ricevuto di più prezioso. Qual è la cosa preziosa che noi abbiamo ricevuto? Il perdono, che dobbiamo essere capaci di dare anche agli altri.

MESSAGGI DA MEDJUGORJE

Messaggio del 25 gennaio 2018 Commento

Cari figli! Questo tempo sia per voi il tempo della preghiera affinché lo Spirito Santo, attraverso la preghiera, discenda su di voi e vi doni la conversione. Apritei vostri cuori e leggete la Sacra Scrittura affinché, attraverso le testimonianze, anche voi possiate essere più vicini a Dio. Figlioli, cercate soprattutto Dio e lecose di Dio e lasciate alla terra quelle della terra, perché Satana vi attira alla polvere e al peccato. Voi siete invitati alla santità e siete creati per il Cielo.Cercate, perciò, il Cielo e le cose celesti. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

 

Messaggio del 25 febbraio 2018 Commento

Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti ad aprirvi e a vivere i comandamenti che Dio vi ha dato affinché, attraverso i sacramenti, vi guidino sulla viadella conversione. Il mondo e le tentazioni del mondo vi provano; voi, figlioli, guardate le creature di Dio che nella bellezza e nell’umiltà Lui vi ha dato, edamate Dio, figlioli, sopra ogni cosa e Lui vi guiderà sulla via della salvezza. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

 

Messaggio del 25 marzo 2018 Commento

Cari figli! Vi invito a stare con me nella preghiera, in questo tempo di grazia, in cui le tenebre lottano contro la luce. Figlioli, pregate, confessatevi ed iniziateuna vita nuova nella grazia. Decidetevi per Dio e Lui vi guiderà verso la santità e la croce sarà per voi segno di vittoria e di speranza. Siate fieri di esserebattezzati e siate grati nel vostro cuore di far parte del piano di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Testimonianza: Mons. Domenico Pecile, Vicario della Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma

Mons. Domenico Pecile, Vescovo Emerito di Latina, attualmente Vicario della Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma, è venuto in pellegrinaggio privato a Medjugorje nell’Agosto 2005. E’ stato ordinato Vescovo nel 1984 ed è Emerito dal 1998. Questa è la sua testimonianza:

“Ho sentito parlare di Medjugorje per la prima volta all’inizio delle apparizioni della Madonna. Fin dall’inizio ero interessato positivamente a questi eventi. In generale, riguardo a questo tipo di eventi, la mia attitudine personale è sempre venire e vedere personalmente, osservare l’evento. Così, alcuni anni dopo l’inizio delle apparizioni a Medjugorje, sono venuto qui con altre due persone. Mi sono presentato come Vescovo solo al Parroco di Medjugorje. Ho concelebrato insieme agli altri Sacerdoti, come uno di loro. Questa mia prima visita a Medjugorje è rimasta impressa nel mio cuore. Qualcosa dentro di me mi diceva che era impossibile che questi eventi non fossero autentici. Ho avuto l’opportunità… di tornare due anni fa.

Nella storia della Chiesa la Madonna è intervenuta molte volte perché‚ lei ama l’umanità… e perché‚ Dio stesso l’ha mandata per ricordarci il Suo Amore. Ho sentito profondamente in me, specialmente durante la mia seconda visita due anni fa, precisamente questo: l’amore di Dio! Gesù Cristo è colui che manda la Madonna. Gesù che lei chiama suo Figlio. A volte, mi piacerebbe dire al Signore: “Signore, vieni tu stesso a noi!”. Ma lui manda la Madonna. In un certo senso noi siamo più aperti e più pronti ad accogliere lei. Ci sentiamo meno distanti da lei, perché‚ lei non è soltanto nostra Madre, ma anche nostra Sorella. A causa della mia responsabilità… come Vescovo della Chiesa Cattolica, sono venuto personalmente per vedere se questo evento è reale, se è accettabile. Dalla prima volta che sono venuto a Medjugorje la mia convinzione è che questi eventi sono autentici.

Medjugorje è una realtà. Io lo vedo come un luogo che ha ricevuto un grande dono. La Madonna viene qui, come è venuta in tanti altri posti e forse in futuro lei andrà… in qualche altro posto. Non è ‚ strano ‚ misterioso che la Madonna appaia. Lei appare sempre per aiutarci a tornare a Dio. Questa volta, qui a Medjugorje, la Madonna viene in un modo molto potente, un modo particolare, diverso dalle altre sue venute. E’ impossibile non vedere qui il Signore nostro Dio. Impossibile! Sono venuto qui per pregare la Madonna, per sentire la sua presenza, non solo perché‚ ne sento il bisogno, ma perché‚ questo mi da una consolazione sul cammino, una forza per continuare, per camminare con una ragione in più con la convinzione che Dio veramente ama tutti noi.

Gradualmente ho conosciuto tutti i veggenti. La mia impressione è che queste persone abbiano ricevuto un grande dono, ma non lo mettono in mostra. Sono semplici, persone normali come chiunque altro. Bisogna parlare con loro per capire che hanno ricevuto una grazia speciale e ciò mi piace molto. Quando sono venuto per la prima volta a Medjugorje ho incontrato Jakov, il più giovane di loro. Ho parlato con lui nel giardino vicino alla sua casa. Ho visto questo giovane semplice, gli ho fatto alcune domande e lui mi ha risposto. Qualcuno potrebbe forse dire che lui non ha nessuna educazione superiore, ma io ho visto il contrario: è stato molto preciso nelle sue risposte, confessando la sua fede e custodendo nel suo cuore il dono che ha ricevuto, senza metterlo in mostra in nessun modo particolare. Ho avuto la stessa impressione ogni volta che ho incontrato qualcuno di loro. Parlano con grande chiarezza. Hanno grandi doni nei loro cuori. E’ impossibile per noi anche solo immaginare cosa c’è nei loro cuori, nelle loro vite, e tutto è così semplice. Secondo la mia opinione, proprio questa è la cosa più forte. Ho l’impressione che Dio voglia che loro compiano la missione che lui chiede loro, senza metterlo in mostra esteriormente. Loro sono nostri fratelli, persone come ognuno di noi ed essi non mettono in mostra il dono speciale che Dio ha dato solo a loro. Si sentono semplicemente portatori di un messaggio, un messaggio di cui anche loro stessi hanno bisogno. Ecco come li vedo.

Negli altri luoghi di pellegrinaggio dove la Madonna è apparsa sono avvenuti alcuni miracoli e questo è meraviglioso. Ma qui, per un tempo così lungo, la Madonna sta dando messaggi, sta continuando a parlare. Vorrei dire che qui la Madonna continua a parlare all’umanità…. Non lo sta facendo dal pulpito ma come una Madre. Coloro che vogliono ascoltare e obbedire ascoltano, coloro che non vogliono non ascoltano. La Madonna sta continuando a parlare qui. Penso che questo sia perché‚ il tempo nel quale viviamo è potente e importante come nessun altro tempo prima. Nel nostro tempo la Madonna sta osservando come Madre, sta guardando la nostra realtà… e viene per aiutarci a pensare di nuovo al nostro cammino di vita e al mondo in cui viviamo.

Quando leggiamo i messaggi, possiamo discernere se ci possono aiutare, se sono in armonia con l’insegnamento della Chiesa Cattolica. Ora, questo è perfetto! I messaggi sono semplici, così che tutti possono capirli e sono perfettamente in accordo con la verità del Vangelo e l’insegnamento della Chiesa.

I pellegrini che vengono a Medjugorje non vengono a fare una visita, ma a incontrare la Madonna che parla loro attraverso i suoi messaggi. La Madonna parla ai loro cuori se essi sono aperti ad ascoltare in preghiera. Se preghi qui, se vieni qui in silenzio e tenti di capire la tua vita, se preghi e approfondisci la tua vita Cristiana, accade qualcosa di grande e di buono per l’umanità.

In questi giorni, ero molto gioioso e glorificavo Dio. Ho gioito specialmente ascoltando le Confessioni. A Medjugorje ascoltare le Confessioni è un’esperienza straordinaria. Qui sta accadendo qualcosa di speciale, è differente da qualsiasi altro posto. I penitenti sono coscienti dei loro peccati. Sono coscienti del fatto che il peccato è il vero male del mondo e non è così facile giungere a tale comprensione. Questo è uno dei più bei frutti di Medjugorje.

Nelle Celebrazioni Eucaristiche ho visto qualcosa di straordinario: i pellegrini erano attenti, concentrati, anche se la Santa Messa veniva celebrata nel salone delle conferenze. Niente li poteva distrarre, sperimentavano qualcosa di profondo dentro di loro. La presenza del mistero può quasi essere percepita anche nell’aria qui. Anche negli altri luoghi i fedeli vanno in Chiesa, ma li si vede parlare. Ma non Qui! Qui sono attenti. In tutte le nostre Chiese del mondo, dovrebbe essere come qui a Medjugorje.

Sono anche andato a un’apparizione con Ivan. Come parlare di questo? Non è facile. Non so. Dicevo alla Madonna: “Tu sei qui e questo è sufficiente per me!”.

Fonte: http://www.medjugorje.hr

Gesù Cristo nato dalla stirpe di Davide secondo la carne

Dal libro «Sulla predestinazione dei santi» di sant’Agostino, vescovo
(Cap. 15, 30-31; PL 44, 981-983)

Gesù Cristo nato dalla stirpe di Davide secondo la carne
Fulgidissima luce di predestinazione e di grazia è lo stesso Salvatore, «il Mediatore fra Dio e gli uomini, l’uomo Cristo Gesù» (1 Tm 2, 5). Con quali suoi meriti antecedenti di opere e di fede la natura umana presente in lui ha fatto sì che raggiungesse tale grado? Mi venga data una risposta, per favore. Quell’uomo assunto dal Verbo coeterno al Padre nell’unità della persona, come ha meritato di essere il Figlio unigenito di Dio? Quale sua opera buona qualsiasi precedette? Che cosa ha compiuto prima, che cosa ha creduto, che cosa ha chiesto, per arrivare a questa ineffabile grandezza? Forse che il Verbo, creando e assumendo l’uomo, dal momento in cui cominciò ad esistere, quell’uomo stesso non cominciò ad essere l’unico Figlio di Dio?
Sia per noi ben chiaro che è nel nostro capo, Cristo, che si trova la sorgente della grazia, da cui essa si diffonde per tutte le sue membra, secondo la capacità di ciascuno. Per mezzo di quella grazia ogni uomo diviene cristiano all’inizio della fede, e fu pure per quella grazia, che quell’uomo, fin dall’inizio, è diventato Cristo. Questo è rinato dallo stesso Spirito, dal quale è nato quell’altro. Colui che opera in noi la remissione dei peccati è quel medesimo Spirito che preservò quell’altro da ogni peccato. Certamente Dio seppe in precedenza ciò che avrebbe compiuto.  Quindi la predestinazione dei santi è quella che ebbe il suo massimo splendore nel Santo dei santi. Chi interpreta giustamente le parole della verità, come può negare questa dottrina? Infatti noi sappiamo che lo stesso Signore della gloria, in quanto il Figlio di Dio si è fatto uomo, fu predestinato.
Gesù dunque è stato predestinato. Egli che doveva diventare figlio di Davide secondo la carne, è stato predestinato ad essere, nella potenza, Figlio di Dio secondo lo Spirito di santità. Ecco perché è nato dallo Spirito Santo e dalla Vergine Maria. E questa è stata appunto l’impresa singolare dell’uomo, impresa compiuta ineffabilmente dal Dio Verbo, in modo che fosse davvero e propriamente chiamato al tempo stesso Figlio di Dio e Figlio dell’uomo: figlio dell’uomo per la natura umana assunta, Figlio di Dio perché chi l’assumeva era il Dio Unigenito; perché non si credesse ad una quaternità invece che alla Trinità.
Questa sublimazione così grande, eccelsa e somma della natura umana fu predestinata in modo che non potesse essere più alta. Così, d’altra parte, la divinità non poté abbassarsi di più per noi, che con l’assumere la natura umana insieme alla debolezza della carne fino alla morte di croce. Quindi come egli solo fu predestinato ad essere nostro capo, così siamo stati predestinati in molti ad essere sue membra. Perciò tacciano qui i meriti che sono andati perduti per colpa di Adamo, e regni la grazia di Dio che domina per opera di Gesù Cristo nostro Signore, unico Figlio di Dio, unico Signore. Chiunque avrà scoperto che la generazione singolare del nostro capo è dovuta ai suoi meriti precedenti, cerchi pure di scoprire in noi sue membra i precedenti meriti dello stesso capo, ai quali è dovuta la rigenerazione moltiplicata.

Responsorio   Cfr. Gal 4, 4-5; Ef 2, 4; Rm 8, 3
R. Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, * per riscattare coloro che erano sotto la legge.
V. Per il grande amore con il quale ci ha amati, Dio mandò il proprio Figlio in una carne simile a quella del peccato,
R. per riscattare coloro che erano sotto la legge.

L’importanza del perdono nel matrimonio cristiano

La convivenza con il proprio compagno di vita non è sempre rose e fiori, questo si sa. Quando si decide di vivere un rapporto di coppia si deve essere pronti a cercare nel sostegno cristiano un amico e un conforto nei momenti più difficili ma anche nella quotidianità.

“Non tramonti il sole sopra la vostra ira”

La Bibbia dice “Non tramonti il sole sopra la vostra ira”, questo infatti è un importante “consiglio” da assumere tra i coniugi o tra due persone che si amano.

  • Se c’è stata qualche tensione o discussione, è molto importante non mettersi mai a dormire senza prima aver chiarito la questione.
  • Il vero cristiano non giudica o non sta fermo ad aspettare poiché non ritiene di avere alcuna colpa nella discussione.
  • Il vero cristiano fa il primo passo, ammette la sua parte di colpa e si pone in modo positivo verso il proprio compagno, aprendo al dialogo, al confronto e al chiarimento.

Gesù e il perdono

Questo, d’altronde, è quello che insegna Gesù: essere pronti a perdonare e dimenticare le offese che accadono nella convivenza quotidiana, sia in famiglia che nel lavoro. È proprio dal vostro modo di reagire in queste circostanze, che si misura la vostra spiritualità: dovete riuscire a mettere a tacere l’ira e la tensione che si prova in quel momento e a rispondere attraverso un gesto di chiarimento e perdono, come l’abbraccio ad esempio.

Gesù ha perdonato tutti noi, il suo perdono è un dono per noi tutti, e allo stesso modo, diventa un dono per chi si è comportato male nei nostri confronti.

È attraverso il perdono che si dimostra di amare Gesù, dimenticando gli errori dei nostri amici e restando umili nel riconoscere i nostri debiti nei confronti del Signore.

Il perdono è un atto d’amore, poiché bisogna perdonare anche chi sbaglia, e chi in quel momento non si rende conto della sofferenza che causa agli altri.

Dopo una discussione o un litigio, se ci sembra di non riuscire a trovare la forza di perdonare, chiediamo aiuto a Gesù, attraverso la preghiera, poiché senza il suo Cuore, è impossibile perdonare in modo cristiano.
Tutto si può superare insieme a Gesù, invochiamo sempre il suo aiuto per provare a convertire quella persona e per ricevere la capacità di perdonare.

Per riuscire a perdonare bisogna essere umili, senza pregiudizi, giusti. Solo in questo modo si possono discolpare i difetti altrui, mentre coloro che hanno un animo superbo, cercano sempre di individuare i difetti e le debolezze degli altri per giudicarli e in questo modo, non riescono a mantenere una corretta vita spirituale.

perdono-cristiano-in-amore-2
Il perdono lascia il posto alla tenerezza

Il pensiero di Papa Francesco

Anche Papa Francesco ha parlato più volte dell’importanza del saper perdonare. Papa Francesco, infatti, in più occasioni chiarisce il pensiero di Gesù, spiegando che tutti gli uomini possono sbagliare e vivere nel peccato, ma che non bisogna aver vergogna di ammettere lo sbaglio, perché il Signore è sempre pronto a perdonarci se noi siamo in grado di perdonare gli altri.

Infatti, ecco le sue parole: “Ogni gesto di perdono ripara la casa dalle crepe e rinsalda le sue mura. Se impariamo a chiederci subito scusa e a donarci il reciproco perdono, guariscono le ferite, il matrimonio si irrobustisce, e la famiglia diventa una casa sempre più solida, che resiste alle scosse delle nostre piccole e grandi cattiverie”.

E ancora, continua il Papa: “Oggi vorrei sottolineare questo aspetto: che la famiglia è una grande palestra di allenamento al dono e al perdono reciproco, senza il quale nessun amore può durare a lungo.

Senza donarsi e senza perdonarsi l’amore non rimane, non dura. Non si può vivere senza perdonarsi o almeno non si può vivere bene, specialmente in famiglia.

Ogni giorno ci facciamo dei torti l’uno con l’altro. Dobbiamo mettere in conto questi sbagli, dovuti alla nostra fragilità e al nostro egoismo.

Quello che però ci viene chiesto è di guarire subito le ferite che ci facciamo, di ritessere immediatamente i fili che rompiamo nella famiglia. Se aspettiamo troppo, tutto diventa più difficile. E c’è un segreto semplice per guarire le ferite e per sciogliere le accuse: non lasciar finire la giornata senza chiedersi scusa, senza fare la pace tra marito e moglie, tra genitori e figli, tra fratelli e sorelle… tra nuora e suocera.

  • Se impariamo a chiederci subito scusa e a donarci il reciproco perdono, guariscono le ferite, il matrimonio si irrobustisce, e la famiglia diventa una casa sempre più solida, che resiste alle scosse delle nostre piccole e grandi cattiverie. Non è necessario fare un grande discorso, è sufficiente una carezza ed è finito tutto, e ricomincia.

Ecco il bellissimo pensiero di Papa Francesco sull’importanza del perdono nella vita di coppia. Mettiamo, dunque, da parte l’orgoglio, poiché ci isola e ferisce la coppia, allontanandola.

Imparare ad esercitarsi al perdono anche in tutti gli altri rapporti di famiglia e tra amici

Il vero perdono senza mezze misure

Saper chiedere perdono ci fa essere coscienti della sofferenza che abbiamo procurato alla persona amata, e allo stesso tempo, coscienti dell’importanza di salvare la nostra relazione di coppia.

Quando si perdona, lo si fa per davvero, senza compromessi o ripensamenti, perché si perdona con il cuore e con la grazia di Gesù.

Se riuscirete a perdonare davvero, vi sentirete bene con voi stessi e felici, sentirete la pace e la gioia nel vostro cuore.

  • Un altro aspetto importante del perdono è il dimenticare: non bisogna perdonare e poi, far riemergere tutti i vecchi litigi nelle nuove discussioni. Quando si perdona, si deve dimenticare, chiudere in modo definitivo quella situazione e non utilizzarla mai più, altrimenti non è perdono vero.
  • Non dimenticate di invocare sempre l’aiuto di Gesù nella preghiera per riuscire a perdonare, anche e sopratutto nelle situazioni che vi sembrano più difficili.

Non lasciate che, dopo un litigio, a vincere sia il risentimento, perché il risentimento provoca di nuovo risentimento.
Dopo un litigio, abbracciate il vostro compagno perché un abbraccio può cancellare ogni risentimento e dare nuova forza al vostro rapporto. Quando abbracciamo comunichiamo al nostro partner il desiderio di ricostruire il rapporto, con più forza e voglia di prima, per cui abbracciamoci il più possibile, e facciamolo portando sempre nel cuore l’amore e la fede di Gesù.

 

 Lettere Paoline – Romani  Rm 5,15  

Ma il dono di grazia non è come la caduta: se infatti per la caduta di uno solo morirono tutti, molto di..

 Lettere Paoline – Romani  Rm 11,6  

E se lo è per grazia, non lo è per le opere; altrimenti la grazia non sarebbe più grazia

 Lettere Paoline – 1 Corinzi 1Cor 15,10  

Per grazia di Dio però sono quello che sono, e la sua grazia in me non è stata vana; anzi ho faticato..

 Altre Lettere – Ebrei  Eb 4,16  

Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, per ricevere misericordia e trovare grazia ed essere aiutati al momento opportuno…

 Altre Lettere – Giacomo  Gc 4,6  

Ci dà anzi una grazia più grande; per questo dice: Dio resiste ai superbi; agli umili invece dà la sua..

 Altre Lettere – 1 Pietro  1Pt 4,10  

Ciascuno viva secondo la grazia ricevuta, mettendola a servizio degli altri, come buoni amministratori di una multiforme..

 Lettere Paoline – Romani  Rm 5,16  

E non è accaduto per il dono di grazia come per il peccato di uno solo: il giudizio partì da un solo atto per la condanna,..

 Lettere Paoline – 2 Timoteo 2Tm 1,9  

.. alle nostre opere, ma secondo il suo proposito e la sua graziagrazia che ci è stata data in Cristo Gesù fin dall`eternità,..

 Libri Sapienziali – Salmi  Sal 113,9  

.. al tuo nome dà gloria,per la tua fedeltà, per la tua grazia. Ma al tuo nome dà gloria, per la tua fedeltà, per la..

 Libri Sapienziali – Siracide Sir 26,15  

Grazia su grazia è una donna pudica, non si può valutare il peso di un`anima modesta. 

 Libri Storici – Tobia  Tb 8,17  

.. compassione dei due figli unici. Concedi loro, Signore, grazia e salvezza e falli giungere fino al termine della loro..

 Pentateuco – Esodo  Es 33,13  

Ora, se davvero ho trovato grazia ai tuoi occhi, indicami la tua via, così che io ti conosca, e trovi grazia ai tuoi occhi;..

 Pentateuco – Esodo  Es 33,19  

.. e proclamerò il mio nome: Signore, davanti a te. Farò grazia a chi vorrò far grazia e avrò misericordia di chi vorrò..

 Vangeli – Giovanni  Gv 1,16  

Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia

 Altre Lettere – Ebrei  Eb 2,9  

.. onore a causa della morte che ha sofferto, perché per la grazia di Dio egli sperimentasse la morte a vantaggio di tutti. Perché..

 Altre Lettere – Ebrei  Eb 10,29  

.. un giorno santificato e avrà disprezzato lo Spirito della grazia

 Altre Lettere – Ebrei  Eb 12,15  

vigilando che nessuno venga meno alla grazia di Dio. Non spunti né cresca alcuna radice velenosa in mezzo a voi, così che molti ne..

 Altre Lettere – Ebrei  Eb 12,28  

.. in eredità un regno incrollabile, conserviamo questa grazia e per suo mezzo rendiamo a Dio un culto gradito a lui,..

 Altre Lettere – Ebrei  Eb 13,24  

.. capi e tutti i santi. Vi salutano quelli d`Italia. La grazia sia con tutti voi. 

 Altre Lettere – Ebrei  Eb 13,9  

.. è bene che il cuore venga rinsaldato per mezzo della grazia, non di cibi che non hanno mai recato giovamento a coloro..

 Altre Lettere – Giuda  Gd 1,4  

.. – empi che trovano pretesto alla loro dissolutezza nella grazia del nostro Dio, rinnegando il nostro unico padrone e signore..

We believe that God is going to move mightily in your life as others from around the world pray in agreement with your request!

O most holy heart of Jesus, fountain of every blessing, I adore you, I love you, and with lively sorrow for my sins I offer you this poor heart of mine. Make me humble, patient, pure and wholly obedient to your will. Grant, Good Jesus, that I may live in you and for you. Protect me in the midst of danger. Comfort me in my afflictions. Give me health of body, assistance in my temporal needs, your blessing on all that I do, and the grace of a holy death. Amen.