SPEAK TO ME OF GOD – 22 – The Presence of God fills our Time

1. For those who want to make a true journey of faith and celebrate life, the most important thing is to let oneself be loved by God; letting yourself be loved by him with that trust that becomes more and more a true trust in him: “Lord I trust you and I entrust myself to you. Transform me into your love; take me as I am and do as you want! ”

2. The conviction of the preciousness of each person in the eyes of God. Let us make our own the sentiments expressed in two psalms:

“It is you who created my entrails and you have woven me into my mother’s breast. I praise you because you have made me a prodigy; your works are wonderful, my soul fully recognizes them “(Ps 139,13-14). “O Lord, our God, how great your name is over the whole earth: your magnificence rises above the heavens … When I look at your skies, the work of your fingers, the moon and the stars that you have fixed, what is the man because you remember him, the son of man to care for him? You really did it little less than a god, you crowned him with glory and honor … O Lord, our God, how great is your name over all the earth! (Psalm 8).

Saint Augustine’s expression is very beautiful: “Amandomi, Dio I create; creating me made me lovable “.

3. Life is and is celebrated only in the context of different relationships: with God, with ourselves, with others and with creation; in fact in the isolation you die. The example of Christ in his relationship with the Father and with himself, in his relationships with humanity as a whole and with creation, is extremely important:

“I am in the Father and the Father is in me” (Jn 14:11). – “As the Father loved me, I too loved you. Remain in my love “(Jn 15: 9). – “Look at the birds of the air: they neither sow nor reap nor gather into barns; yet your heavenly Father feeds them “(Jn 6:26)

4. That God who calls us to live with faith and enthusiasm also gives us the energy to respond to this call: “God did not give us a spirit of timidity, but of fortitude, charity and prudence” (2 Tim 1 , 7).

5. Every person, man or woman, has his own history and responsibility. This belief helps us a lot to overcome the tendency to victimization that seems widespread in our world today. How many people have gone from illusion to delusion and have they paralyzed in it, without listening to the voice of the call to dedication? I don’t answer this question and I don’t judge anyone, because in a person’s life situations that are difficult to manage can arise; but I am convinced that it is only in the context of the dedication that a person overcomes victimhood; it is only in the dedication that a person writes his own story, and writes it in a creative and responsible way.

6. The importance of having a personal experience of the realities of faith, deep in our hearts, remembering the following truth: the most beautiful and important experiences are not in the context of what our senses can control, but are in the our intimate.

The holy Presence of God in our lives, in every moment, is a truth of faith, which can be experienced by each of us.

Some feel it at all times, others only a few times: the important thing is to know that God is always here, with us, and that only we can distance ourselves from Him and not feel it closer to us and in us!

And thus living, our time is enriched and sanctified at every moment by God, and His Holy Spirit guides our steps always, despite our weaknesses and falls.

May the Lord always sanctify our whole life time!

PARLAMI DI DIO – 22 – La Presenza di Dio riempie il nostro Tempo

1. Per chi vuol compiere un vero cammino di fede e celebrare la vita, la cosa più importante è lasciarsi amare da Dio; lasciarsi amare da Lui con quella fiducia che diventa sempre più un vero affidarsi a Lui: “Signore mi fido di te e mi affido a te. Trasformami nel tuo amore; prendimi come sono e fammi come tu vuoi!”

 2. La convinzione della preziosità di ogni persona agli occhi di Dio. Facciamo nostri i sentimenti espressi in due salmi:

 Sei tu che hai creato le mie viscere e mi hai tessuto nel seno di mia madre. Ti lodo perché mi hai fatto come un prodigio; meravigliose sono le tue opere, le riconosce pienamente l’anima mia” (Sal 139,13-14). “O Signore, nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra: sopra i cieli si innalza la tua magnificenza… Quando guardo i tuoi cieli, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissate, che cosa è l’uomo perché di lui ti ricordi, il figlio dell’uomo perché te ne curi? Davvero l’hai fatto poco meno di un dio, di gloria e di onore lo hai coronato… O Signore, nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra! (Salmo 8).

 Bellissima l’espressione di Sant’Agostino: “Amandomi, Dio mi creo; creandomi mi rese amabile”.

 3. La vita è e viene celebrata solo nel contesto delle diverse relazioni: con Dio, con noi stessi, con gli altri e col creato; infatti nell’isolamento si muore. L’esempio di Cristo nella sua relazione col Padre e con se stesso, nelle sue relazioni con l’umanità intera e col creato, è estremamente importante:

 Io sono nel Padre e il Padre è in me” (Gv 14,11). – “Come il Padre ha amato me, anch’io ho amato voi. Rimanete nel mio amore” (Gv 15,9). – “Guardate gli uccelli del cielo: non seminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre” (Gv 6,26)

 4. Quel Dio che ci chiama a vivere con fede ed entusiasmo, ci dà anche l’energia per rispondere a tale chiamata: “Dio non ci ha dato uno spirito di timidezza, ma di fortezza, di carità e di prudenza” (2Tim 1,7).

 5. Ogni persona, uomo o donna, ha la propria storia e la propria responsabilità. Questa convinzione ci aiuta molto a superare la tendenza al vittimismo che sembra molto diffusa nel nostro mondo d’oggi. Quante persone sono passate dall’illusione alla delusione e in essa si sono fermate paralizzate, senza ascoltare la voce della chiamata alla dedizione? Non rispondo a questa domanda e non giudico nessuno, perché nella vita di una persona possono sorgere situazioni difficili da gestire; però sono convinto che è solo nel contesto della dedizione che una persona supera il vittimismo; è solo nella dedizione che una persona scrive la propria storia, e la scrive in modo creativo e responsabile.

 6. L’importanza di avere un’esperienza personale delle realtà della fede, nel profondo del nostro cuore, ricordando la seguente verità: le esperienze più belle e più importanti non sono nel contesto di ciò che i nostri sensi possono controllare, ma sono nel nostro intimo.

La santa Presenza di Dio nella nostra vita, in ogni istante, è una verità di fede, che può essere sperimentata da ciascuno di noi.

Alcuni la sentono in ogni momento, altri solo alcune volte: l’importante è sapere che Dio è sempre qui, con noi, e che solo noi ci possiamo allontanare da Lui e non sentirlo più vicino a noi e in noi!

E così vivendo, il nostro tempo viene impreziosito e santificato in ogni istante da Dio, e il Suo Spirito Santo guida i nostri passi sempre, nonostante le nostre debolezze e cadute.

Possa il Signore santificare sempre tutto il nostro tempo di vita!

SPEAK TO ME OF GOD – 21 – Time of science and time of faith

I report here some Christian maxims about time: sometimes they seem hard and difficult, but in reality they serve to make our life profitable and full of good fruits: do not become impatient and listen to them with love.

Reflect how fleeting the irreparable time is spent and you with it! It is always behind you that presses, and the future makes it past you. The beat of the hour is for you a continuous reminder of the passing of time and of eternity that is approaching. Time passes and never returns. If you employ it badly it is lost forever.

In eternity you will be established in that degree of love that you have achieved over time. For those who deal with the affairs of this world, time is gold, for you who care for God, time is glory that will last forever.

You are a pilgrim towards eternity; walk every day, as long as you have time. Oh, you miserable if you cling to this fleeting life and neglect the eternal!

Recover as much time as possible with a true and perfect love. Now is the time of fatigue that must be a sweet consolation for the love of Jesus crucified.

What will, O Lord, remain in the eternity of this day? Do not let it be lost unnecessarily in the abyss of time, but have an eternal repercussion in your kingdom.

But now it’s time to briefly scrutinize what science and philosophy have understood about time: man asks himself with his little reasoning: what is time?

Great challenge is to understand what we use to call by the term “time”.
For our reality, nothing is more mysterious and elusive than time; it appears to us as the greatest and unstoppable force in the universe, which inexorably accompanies us from the cradle to the grave.

What is time, then? Many philosophers, scientists, poets and artists have tried to give some answers to what is one of the great unsolved questions of man.

In the 7th century, St. Augustine in his Confessions said: “If no one asks me, I know what time is, but if I am asked to explain it, I do not know what to say”.

The well-known contemporary existentialist philosopher Martin Heidegger, when he set about writing an essay on time, stated that he lacked the words to talk about this topic.

Most of us conscious men tend to associate time with the phenomena of change and / or evolution, but perhaps there is something else underneath that escapes us in our hurry to live!

The questions are not lacking. Does time move in one direction, giving rise to a constantly changing present? Does the past still exist? If yes, where did it go? Is the future already determined, and is it waiting for us, even if we don’t know it?

It may seem strange, but classical physics has always tried to avoid this question, leaving rather the arduous task to the philosophers. The reason is probably given by the overwhelming authority of Newton and Einstein for the way they have shaped space, time and motion.

Both built models of the universe of extraordinary clarity, but then, once the structure was made, they didn’t worry too much about the foundations; and this leaves room for potential confusions.

Without a doubt, their theories are full of great truths, but both give time as something taken for granted: it is a brick like space, a primary element.

Einstein even merged it with space to create a four-dimensional “space-time”; in fact one of the great revolutions of modern physics: “relativity”, is completely focused on “Time”.

In “relativity” Einstein had eliminated the more Newtonian concept of absolute space and time, in fact much of our difficulty in understanding the theory of “relativity” comes from human reluctance to recognize that the sense of time, such as that of color , it is just our form of perceiving some things that happen around us.

As there is not really what we call “color” without our eye to receive it, so an instant, an hour a day, are indistinguishable without the events that characterize them; therefore like space we can identify it as a possible order of material objects, so time is identifiable as a possible order of events.

Eistein explained the subjectivity of time with these words: “the experiences of an individual appear to us ordered in a series of individual events, which We remember appearing to be ordered according to the criterion of front and back. Thus, for the individual, there is a subjective time of his own which is not measurable in itself ”.

We can associate numbers and events in such a way that a greater number is associated with a posterior event, rather than anterior, and this continuity can be quantified by means of a clock, which is a tool we use to count the flow of a series of events.

But whatever it is, whether the time is marked by the Bonn clock, your clock, mine, or that of an inhabitant of a planet in the Andromeda galaxy, they are always only all subjective times that conscious beings feel in relation to the environment in which they find themselves living; for example, a patient sitting in a dentist’s chair surely feels differently about the time marked by the Bonn atomic clock, compared to a listener sitting in an armchair while listening to a Mozart symphony.

Since ancient times two different conceptions of “time” have clashed, for example among the Greek Philosophers, Heraclitus claimed the necessity of the eternal flow of everything, and Parmenides argued instead that time and motion did not exist.

Few thinkers in later times took Parmenides’ ideas seriously, to find one we must get to our times; the English Julian Barbour theorist of astrophysics and of time, who argues in his thesis, that the eternal flow of Heraclitus is nothing but a rooted illusion.

His theory is that the “quantum” universe is static, existing as a series of states independent of time, governed only by their probability of existing.

Barbour says: “our notion of time derives from the observation of these states, time is our pure illusion, since the phenomena from which we deduce its existence are real, but we interpret them wrongly for the reason that the roots of our knowledge are essentially rooted in two theories of physics defined as: classical mechanics, and quantum mechanics, which give a non-holistic view of the whole, and therefore can sometimes even be misleading “.

However the theory closest to the concept of Barbour’s time is certainly quantum mechanics, since it assumes that there is not a single succession of states, but every possible succession of states, and that therefore all the possible events are present at the same time ; it is we with our mind that we decide what state to follow and / or live, while for classical mechanics time is something like an invisible thread on which events are hung in succession.

The new physics vivifies and opens new horizons towards a better understanding about the ancient enigma existing between the concepts of time, free will and determinism; in fact, Eistein’s theory of relativity opens up a vision of a universe extended over time as well as space, without taking away a certain degree of freedom of action; and quantum theory, which gives our mind such an important role, helps us to understand more deeply the question of free will since, in effect, the quantum factor has swept away the old deterministic conception of the universe, according to which everything what we do has been established by universal mechanisms even before we were born.
So what’s behind our concept of Time ????????

***********

Science and philosophy formulate hypotheses. Does time not exist? But for each of us, time is a concrete reality.

How can you deny that time is a wonderful gift from God? We are in a very useful dimension for our progress.

But now it remains to say how concretely to spend time profitably, and to walk in it with God; of this we will talk, God willing, tomorrow.

PARLAMI DI DIO – 21 – Tempo della scienza e tempo della fede

Riporto qui alcune massime cristiane sul tempo: a volte sembrano dure e difficili, ma in realtà servono a rendere la nostra vita proficua e ricca di buoni frutti: non spazientirti e ascoltale con amore.

Rifletti come trascorre fugace l’irreparabile tempo e tu con lui! È sempre alle tue spalle che incalza, e il futuro te lo rende passato. Il batter dell’ora sia per te un continuo richiamo del tempo che passa e dell’eternità che si avvicina. Il tempo passa e non torna più. Se lo impieghi male è perduto per sempre.

Nell’eternità sarai stabilito in quel grado di amore che avrai raggiunto nel tempo. Per chi si occupa degli affari di questo mondo il tempo è oro, per te che ti occupi di Dio il tempo è gloria che durerà in eterno.

Sei pellegrino verso l’eternità; cammina ogni giorno, finché hai tempo. Oh, te miserabile se ti aggrappi a questa fuggevole vita e trascuri l’eterna!

Ricupera, per quanto è possibile, il tempo perduto con un vero e perfetto amore. Ora è il tempo della fatica che ti deve essere dolce consolazione per amore di Gesù crocifisso.

Che rimarrà, o Signore, nell’eternità di questa giornata? Fa’ che non vada perduta inutilmente nell’abisso del tempo, ma abbia una ripercussione eterna nel tuo regno.

Ma ora è tempo di scrutare brevemente quello che scienza e filosofia hanno capito del tempo: l’uomo si chiede con il suo piccolo raziocinio: che cos’è il tempo?

 

Grande sfida è capire ciò che noi usiamo chiamare con il termine di “tempo”.
Per la nostra realtà nulla ci è più misterioso e sfuggente del tempo; esso ci appare come la forza più grande ed inarrestabile dell’universo, che ci accompagna inesorabilmente dalla culla alla tomba.

Che cos’è dunque il tempo? Molti filosofi, scienziati, poeti e artisti hanno cercato di dare una qualche risposta a quello che è uno dei grandi interrogativi irrisolti dell’uomo.

Nel VII secolo Sant’Agostino nelle Sue Confessioni diceva: “Se nessuno me lo chiede, so cos’è il tempo, ma se mi si chiede di spiegarlo, non so cosa dire”.

Il noto filosofo esistenzialista contemporaneo Martin Heidegger, allorché si accinse a scrivere un saggio sul tempo, affermò che gli mancavano le parole per poter parlare di questo argomento.

La maggior parte di noi uomini coscienti tende ad associare il tempo ai fenomeni di cambiamento e/o evoluzione, ma sotto c’è forse dell’altro, che nella nostra fretta di vivere ci sfugge!

Le domande non mancano. Il tempo si muove in una sola direzione, dando vita a un presente in costante cambiamento? Il passato esiste ancora? Se si, dov’è finito? Il futuro è già determinato, e ci aspetta, anche se non lo conosciamo?

Può sembrare strano, ma la fisica classica ha sempre cercato di evitare questa domanda, lasciando piuttosto l’arduo compito ai filosofi. Il motivo è probabilmente dato dalla schiacciante autorevolezza di Newton ed Einstein per il modo con cui hanno plasmato lo spazio, il tempo ed il moto.

Entrambi hanno costruito modelli dell’universo di straordinaria chiarezza, ma poi, una volta fatta la struttura, non si sono preoccupati eccessivamente delle fondamenta; e questo lascia spazio a potenziali confusioni.

Senza alcun dubbio, le loro teorie sono piene di grandi verità, ma tutt’e due danno il tempo come qualcosa di scontato: è un mattone al pari dello spazio, un elemento primario.

Einstein lo ha addirittura fuso con lo spazio per creare uno “spazio-tempo” a quattro dimensioni; infatti una delle grandi rivoluzioni della fisica moderna:“la relatività”, è completamente imperniata sul “Tempo”.

Nella “relatività” Einstein aveva eliminato il concetto più Newtoniano di spazio e tempo assoluti, infatti gran parte della difficoltà nostra a comprendere la teoria della “relatività”, proviene dalla riluttanza umana a riconoscere che il senso del tempo, come ad esempio quello del colore, è solo una nostra forma di percepire alcune cose che ci succedono attorno.

Come non esiste in realtà ciò che noi definiamo “colore” senza il nostro occhio per recepirlo, così un istante, un’ora un giorno, sono indistinguibili senza gli avvenimenti che li caratterizzano; quindi come lo spazio possiamo identificarlo come un possibile ordine di oggetti materiali, così il tempo è identificabile come un possibile ordine di avvenimenti.

Eistein spiegava la soggettività del tempo con queste parole: “le esperienze di un individuo ci appaiono ordinate in una serie di singoli avvenimenti, che Noi ricordiamo apparire ordinati secondo il criterio di anteriore e posteriore. Esiste quindi per l’individuo un tempo suo proprio soggettivo che in se stesso non è misurabile”.

Noi possiamo associare numeri ed eventi in modo tale che un numero maggiore sia associato ad un avvenimento posteriore, piuttosto che anteriore, e questa continuità possiamo quantificarla per mezzo di un orologio, che è uno strumento nostro utilizzato per contare lo scorrere di una serie di avvenimenti; per cui, mentre noi svolgiamo il nostro lavoro quotidiano, l’orologio atomico di Bonn tiene il tempo terrestre.

Ma comunque sia, che il tempo sia segnato dall’orologio di Bonn, dal vostro, dal mio, o quello di un abitante di un pianeta della galassia di Andromeda, sono sempre solamente tutti tempi soggettivi che gli esseri coscienti avvertono in relazione all’ambiente in cui si trovano a vivere; ad esempio un paziente seduto sulla poltrona di un dentista avverte sicuramente in modo diverso il tempo scandito dall’orologio atomico di Bonn, rispetto ad un ascoltatore seduto in poltrona mentre ascolta una sinfonia di Mozart.

Sin dai tempi più antichi due concezioni diverse del “tempo” si sono scontrate, per esempio tra i Filosofi Greci, Eraclito sosteneva la necessità dell’eterno scorrere di tutto, e Parmenide sosteneva invece che il tempo ed il moto non esistessero.

Ben pochi pensatori nelle epoche successive presero sul serio le idee di Parmenide, per trovarne uno bisogna arrivare sino ai tempi nostri; l’Inglese Julian Barbour teorico di astrofisica e del tempo, il quale sostiene nella sua tesi, che l’eterno fluire di Eraclito non è che una Nostra radicata illusione.

La sua teoria è che l’universo “quantico” sia statico, esistente come una serie di stati indipendenti dal tempo, governati solo dalla loro probabilità di esistere.

Dice Barbour: “la nostra nozione di tempo deriva dall’osservazione di questi stati, il tempo è una nostra pura illusione, in quanto che i fenomeni dai quali deduciamo la sua esistenza sono reali, ma Noi li interpretiamo in modo sbagliato per il motivo che le radici del nostro sapere affondano essenzialmente ad oggi in due teorie di fisica definite come: meccanica classica, e meccanica quantistica, che danno una visione non olistica del Tutto, e quindi a volte possono anche risultare fuorvianti”.

Comunque la teoria più vicina al concetto del tempo di Barbour sicuramente è la meccanica quantistica, in quanto essa presume che non ci sia una singola successione di stati, ma ogni possibile successione di stati, e che quindi tutti i possibili avvenimenti siano presenti nello stesso tempo; siamo noi con la nostra mente che decidiamo che stato seguire e/o vivere, mentre per la meccanica classica il tempo è qualcosa come un invisibile filo sul quale vengono appesi in successione gli avvenimenti.

La nuova fisica vivifica ed apre nuovi orizzonti verso una miglior comprensione circa l’antico enigma esistente tra i concetti di tempo, libero arbitrio e determinismo; infatti la teoria della relatività di Eistein ci apre una visione di un universo esteso nel tempo oltre che nello spazio, senza toglierci una certa qual libertà d’azione; e la teoria dei quanti, che attribuisce alla nostra mente un ruolo così importante, ci aiuta a capire più a fondo la questione del libero arbitrio poichè, in effetti, il fattore quantico ha spazzato via la vecchia concezione deterministica dell’universo, secondo cui tutto ciò che facciamo è stato prestabilito dai meccanismi universali prima ancora della nostra nascita.
Dunque che cosa c’è dietro il nostro concetto di Tempo????????

 

Scienza e filosofia formulano ipotesi. Il tempo non esiste? Ma per ciascuno di noi il tempo è una realtà concreta.

Come si può negare che il tempo è un meraviglioso dono di Dio? Siamo in una dimensione utilissima per il nostro progresso.

Ma ora resta da dire come in concreto impiegare il tempo in modo proficuo, e camminare in esso con Dio; di questo parleremo, se Dio vuole, domani.

SPEAK TO ME OF GOD – 20 – The torrent of lost time

Remember every day that those who grant you in the morning, do not promise you in the evening, and by granting you in the evening they do not promise you in the morning.

You have to leave this world and you don’t know when; don’t wait for that time you’re not sure you have; seek instead to treasure the present time.

The Lord has measured your days (cf. Ps 39, 6). Every day that passes is a day less that separates you from the departure from this earthly exile for the heavenly homeland.

Perhaps you spend so much time on material interests, and find so little of it to heal your soul and enrich it with merit. O laziness and foolishness of the human heart that is so anxious to buy worldly goods and lose time, the most precious treasure it can dispose of on earth!

I give you my testimony, telling you that I bitterly regret so many years of my life spent without God, or away from Him.

And even now, what has been the use of so many days spent in the forgetting of God, and filled with futile and vain things, which seemed to me urgent and important.

If I could, I would like to go back and do everything again, but I can’t, nobody can: only the memory remains of lost time, like a dry leaf that can no longer be used for anything.

Sometimes I say to myself that God, in His goodness, will take into account in some way even the lost time, for my salvation, as a father looks at his son who is playing with hours and hours with thousands of useless things.

But then I tell myself that this is not safe, and that there is so much witness against it in Scripture and in all the saints.

Certainly the lost time will at least be useful to gain experience and to mature: but how many years: so many, so many years thrown away, while the thought of the holy Presence of the Lord is Life, for me and for you, and for everyone.

It is a form of idleness the distance from God, which can also exist among a thousand occupations: I do not say that we can always think of Him, but we can always know why we act, and if we act for God.

When thought and action are not directed to the Lord, even in an implicit form, time passes and is lost, and with it the wonderful treasure that contains every moment is also lost and lost.

Holy Spirit, from today I consecrate myself to you: guide me, speak to me and support me in every moment of my life, and imprint of your sweetest Love every thought and action that I perform: that I never abandon you again!

My Jesus, correct me, reinvigorate me, you guide my existence, you who make every little field flower grow for one of your purposes: that my life will no longer pass as an impetuous torrent rushing downstream, but like a great river that you make your way to the sea of ​​your glory!

PARLAMI DI DIO – 20 – Il torrente del tempo perduto

Ricordati ogni giorno che chi ti concede la mattina, non ti promette la sera, e concedendoti la sera non ti promette la mattina.

Devi lasciare questo mondo e non sai quando; non aspettare quel tempo che non sei sicuro di avere; cerca invece di far tesoro del tempo presente.

Il Signore ha misurato i tuoi giorni (cf Sal 39, 6). Ogni giorno che passa è un giorno di meno che ti separa dalla partenza da questo esilio terreno per la patria celeste.

Forse spendi tanto tempo per gli interessi materiali, e ne trovi tanto poco per curare la tua anima e arricchirla di meriti. O indolenza e stoltezza del cuore umano che tanto si affanna per acquistare i beni terreni e perde il tempo, il tesoro più prezioso di cui può disporre sulla terra!

Ti do la mia testimonianza, dicendoti che rimpiango amaramente tanti anni della mia vita passati senza Dio, o lontano da Lui.

E anche ora, a che cosa sono serviti tanti giorni trascorsi nella dimenticanza di Dio, e riempiti di cose futili e vane, che mi sembravano urgenti e importanti.

Se potessi, vorrei tornare indietro per rifare tutto, ma non posso, nessuno lo può: del tempo perduto rimane solo il ricordo, come una foglia secca che non può servire più a nulla.

A volte mi dico che Dio, nella Sua bontà, terrà conto in qualche modo anche del tempo perduto, per la mia salvezza, come un padre guarda il figlio che si trastulla per ore e ore con mille cose inutili.

Ma poi mi dico che questo non è sicuro, e che contro vi sono tante testimonianza della Scrittura e di tutti i santi.

Certo il tempo perduto sarà almeno servito a fare esperienza e a maturare: ma quanti anni: tanti, tanti anni buttati al vento, mentre ilpensiero della santa Presenza del Signore è la Vita, per me e per te, e per tutti.

E’ una forma di ozio la lontananza da Dio, che può esserci anche tra mille occupazioni: non dico che si possa sempre pensare a Lui, ma si può sempre sapere perché si agisce, e per chi si agisce.

Quando il pensiero e l’azione non sono diretti al Signore, anche in forma implicita, il tempo passa e si perde, e con lui passa e va perduto anche il tesoro meraviglioso che contiene ogni istante.

Spirito Santo, io da oggi mi consacro a te: guidami, parlami e sorreggimi in ogni istante della mia vita, e impronta del tuo dolcissimo Amore ogni pensiero e azione che io compio: che io non ti abbandoni mai più!

Gesù mio, correggimi, rinvigoriscimi, guida tu la mia esistenza, tu che fai crescere ogni fiorellino di campo per un tuo scopo: la mia vita non trascorra più come un torrente impetuoso che si precipita a valle, ma come un grande fiume che tu dirigi verso il mare della tua Gloria!

SPEAK TO ME OF GOD – 19 – There is a time for everything

It is madness, having to live so little time, to employ it in vain things. Of all the time you’ve been given, you will be asked how it was used on judgment day.

There is no price that equals the value of time. Time is a treasure that is found only in this life. We find ourselves in a very useful space of time to progress and improve ourselves, purifying our whole being. Don’t waste time. There is nothing more precious; but unfortunately nothing is more overlooked.

At the time of death, how much you will wish to have that time that you are now losing! The days of salvation pass and no longer return. “My son, take care of time” (Sir 4, 20).

Today you have the chance to do good; will you still have it tomorrow? What you can do today is not to postpone it until tomorrow because today it would pass in vain for you.

Truly time is a precious gift which, if well employed, leads us to full Happiness: let us face it with seriousness and respect.

But there is one thing to understand: there is a time for everything, because there is a time to exercise every virtue: we must always love, but infinite are the forms of love, and many are the events of our life that require different virtues.

Scripture shows us this way, this reality, and it would be foolish not to follow it. A famous passage from the Book of Ecclesiastes, which is part of the Old Testament, shows us this complexity of human life:

“Everything has its moment, and every event has its time under the sky.

There is a time to be born and a time to die,
a time to plant and a time to eradicate what has been planted.
A time to kill and a time to cure,
a time to demolish and a time to build.
A time to cry and a time to laugh,
a time to mourn and a time to dance.
A time to throw stones and a time to collect them,
a time to embrace and a time to refrain from hugging.
A time to search and a time to lose,
a time to preserve and a time to throw away.
A time to tear and a time to sew,
a time to keep quiet and a time to talk.
A time to love and a time to hate,
a time for war and a time for peace.
What is the benefit of those who work hard?

I have considered the occupation that God has given to men so that they may labor. He made everything beautiful in his time; moreover, it has placed in their hearts the duration of the times, without however being able to find the reason for what God does from the beginning to the end “.

But then is it time in our power, or are we at the mercy of time? Also how to discern and choose the right time for each of our actions? There is a precise answer to these questions, and we will see it later.

PARLAMI DI DIO – 19 – C’è un tempo per ogni cosa

È follia, dovendo vivere così poco tempo, impiegarlo in cose vane. Di tutto il tempo che ti è stato dato, ti verrà chiesto conto nel giorno del giudizio come l’hai impiegato.

Non c’è prezzo che uguagli il valore del tempo. Il tempo è un tesoro che si trova solo in questa vita. Ci troviamo in uno spazio di tempo utilissimo per progredire e migliorarci, purificando tutto il nostro essere. Non sciupare il tempo. Non v’è nulla di più prezioso; ma purtroppo nulla vi è di più trascurato.

Al momento della morte, quanto desidererai avere quel tempo che ora vai perdendo! Passano i giorni della salvezza e più non fan ritorno. «Figlio mio, abbi cura del tempo» (Sir 4, 20).

Oggi hai la possibilità di fare del bene; l’avrai ancora domani? Quello che puoi fare oggi non rimandarlo a domani perché quest’oggi passerebbe invano per te.

Veramente il tempo è un dono prezioso che, se bene impiegato, ci porta alla Felicità piena: affrontiamolo con serietà e rispetto.

Ma c’è una cosa da comprendere: c’è un tempo per ogni cosa, perché c’è un tempo per esercitare ogni virtù: bisogna amare sempre, ma infinite sono le forme dell’amore, e moltissimi sono gli avvenimenti della nostra vita che richiedono virtù diverse.

La Scrittura ci indica questa via, questa realtà, e sarebbe sciocco non seguirla. Un famoso passo del Libro di Qoelet, che fa parte dell’Antico Testamento, ci indica questa complessità della vita umana:

Tutto ha il suo momento, e ogni evento ha il suo tempo sotto il cielo.

C’è un tempo per nascere e un tempo per morire,
un tempo per piantare e un tempo per sradicare quel che si è piantato.
Un tempo per uccidere e un tempo per curare,
un tempo per demolire e un tempo per costruire.
Un tempo per piangere e un tempo per ridere,
un tempo per fare lutto e un tempo per danzare.
Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli,
un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.
Un tempo per cercare e un tempo per perdere,
un tempo per conservare e un tempo per buttar via.
Un tempo per strappare e un tempo per cucire,
un tempo per tacere e un tempo per parlare.
Un tempo per amare e un tempo per odiare,
un tempo per la guerra e un tempo per la pace.
Che guadagno ha chi si dà da fare con fatica?

Ho considerato l’occupazione che Dio ha dato agli uomini perché vi si affatichino. Egli ha fatto bella ogni cosa a suo tempo; inoltre ha posto nel loro cuore la durata dei tempi, senza però che gli uomini possano trovare la ragione di ciò che Dio compie dal principio alla fine”.

Ma allora è il tempo in nostro potere, o siamo noi in balia del tempo? Inoltre come discernere e scegliere il tempo giusto per ogni nostra azione? A queste domande c’è una risposta precisa, e la vedremo più avanti.

SPEAK TO ME OF GOD – 18 – God gave us TIME, this treasure

It seems to you that the portion of time you are called to live in your generation must be eternal; but seen from the fortress of eternity it is only one of the many moments that make up time.

In this life we ​​live in the illusion of eternity: the present appears to us eternal, substantial, and we do not feel the rush of time in ourselves. But when the day ends, we must see that today has passed like a breath, and that there is no certainty of tomorrow.

Blessed are you if you live this moment in the light of the eternal! Every moment of your life is actually rich in eternity. Every day is a gift from God.

Time comes from eternity, and therefore brings with it the image of the future world. As a gift of God, it can be filled with holy works, and then it loses its ephemeral and transient connotation.

Time is the minute you have, make it rich in meaning and value. You walk in time more than in space. Time is a spectator of your life, see that you do not become your accuser.

As a gift of God, time has its own reality: we can shape it, and put vain things or valuable things into it: we can value it with love, with patience, with benevolence, and with all virtues.

Perhaps we would feel the weight of the time given to us every morning and behave in a way worthy of this gift! Instead the strength of habits makes us drag the minutes and hours in a completely human way, not caring for reality.

The holy presence of God fills our time, and we assimilate our life to ourselves. At the morning awakening we begin to be satisfied with His Face, as much as we can in this fleeting life.

This is the great secret: without God, time has human characteristics, and brings with it consummation and death, while with God it is clothed from the moment of immortality.

If we live in the presence of the Lord, time will never end for us, and bodily death will open the golden door to us, a marvelous door that will introduce us to a happy eternity.

God did not create anything that cannot be transformed by Him: by giving us time he gave us the possibility of sin and repentance, of error and correction, of misleading and reconciliation: what counts for Him and for us is the happy ending!

Come on, brother! In this race through time we fix our gaze on Jesus, author and finisher of faith, and, following in His footsteps, we walk behind Him: He alone knows how we must spend our time, day by day.

Let us not be discouraged in falls, for He raises those who have fallen and strengthens the faltering foot: let us behave with humility and dignity: we are Sons of God, Sons in the Son, and for us time is the blessed way that leads to Life!

PARLAMI DI DIO – 18 – Dio ci ha donato il TEMPO, questo tesoro

A te pare che debba essere eterna la porzione di tempo che sei chiamato a vivere nella tua generazione; ma vista dalla rocca dell’eternità è solo uno dei tanti istanti di cui si compone il tempo.

In questa vita viviamo nell’illusione dell’eternità: il presente ci appare eterno, sostanziale, e non avvertiamo in noi stessi il correre del tempo. Ma quando il giorno finisce, dobbiamo constatare che l’oggi è passato come un soffio, e che non c’è certezza del domani.

Beato te se vivrai questo istante alla luce dell’eterno! Ogni istante della tua vita è in realtà ricco di eternità. Ogni giorno è un dono di Dio.

Il tempo deriva dall’eternità, e perciò porta con sé l’immagine del mondo futuro. Come dono di Dio, esso può essere riempito di opere sante, e allora perde la sua connotazione di effimero e passeggero.

Il tempo è il minuto che hai, rendilo ricco di un significato e di un valore. Cammini nel tempo più che nello spazio. Il tempo è spettatore della tua vita, vedi che non diventi tuo accusatore.

Come dono di Dio, il tempo possiede una sua realtà: noi lo possiamo plasmare, e immettere in esso cose vane oppure cose di pregio: possiamo valorizzarlo con l’amore, con la pazienza, con la benevolenza, e con tutte le virtù.

Magari noi sentissimo ogni mattina il peso del tempo che ci è donato, e ci comportassimo in modo degno di questo dono! Invece la forza delle abitudini ci fa trascinare i minuti e le ore in modo del tutto umano, non curanti della realtà.

La santa presenza di Dio riempia il nostro tempo, e assimili a sé la nostra vita. Al risveglio mattutino incominciamo a saziarci del Suo Volto, per quanto ci è possibile in questa vita fugace.

Questo è il grande segreto: senza Dio il tempo ha caratteristiche umane, e porta con sé consumazione e morte, mentre con Dio si riveste fin da ora di immortalità.

Se viviamo alla presenza del Signore, il tempo per noi non finirà mai, e la stessa morte corporale ci spalancherà la porta d’oro, una porta meravigliosa che ci introdurrà in una eternità felice.

Dio non ha creato nulla che non possa essere trasformato da Lui: donandoci il tempo ci ha dato la possibilità del peccato e del pentimento, dell’errore e della correzione, del traviamento e della riconciliazione: quello che conta per Lui e per noi è il lieto fine!

Coraggio, fratello! In questa corsa attraverso il tempo fissiamo la sguardo su Gesù, autore e perfezionatore della fede, e, seguendo le Sue orme, camminiamo dietro a Lui: Lui solo sa come dobbiamo impiegare il nostro tempo, giorno per giorno.

Non scoraggiamoci nelle cadute, perché Egli rialza chi è caduto e rende saldo il piede che vacilla: comportiamoci con umiltà e dignità: siamo Figli di Dio, Figli nel Figlio, e per noi il tempo è la beata via che conduce alla Vita!