E Beata Colei che ha creduto

Valentino Salvoldi

Vergine beata, che cosa provasti alla sconcertante richiesta di diventare la madre del Salvatore?

Forse udisti solo una voce interiore, una chiamata ad abbandonarti totalmente alla volontà del Padre. E a Lui, pure turbata, desti il tuo assenso, Tu, la Donna del “sì”.

Maria, vedesti solo porte chiudersi al tuo passaggio, quando cercavi un luogo in cui dare alla luce la Luce del mondo e, fiduciosa, continuasti a credere, Tu, la Donna fedele all’eterna Parola.

Profuga, nella straziante fuga verso l’Egitto, quanti dubbi dovesti scacciare, contemplando il bambino Gesù tra le tue braccia: “Ma Tu, figlio mio, sei Dio o pericolosa pietra d’inciampo?”. Tu, Donna beata perché hai creduto.

E quando al tempio, dopo tre giorni di penosa ricerca, trovasti Gesù – un po’ trasgressivo e misterioso come tutti gli adolescenti -, di fronte al dolore di Giuseppe e tuo, pur non comprendendo, continuasti a credere che era Dio Colui che quasi ti sfidava: “Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?”.

…Ed eccolo al Giordano, in fila con i peccatori a farsi battezzare in remissione dei peccati: “Ma Gesù è Dio o uno dei tanti peccatori?”, ti sarai chiesta. Tormento scacciato con un atto di fede nella misteriosa volontà divina.

La tua fede operò il miracolo dell’acqua cambiata in vino, a Cana di Galilea, dopo aver perdonato parole dure come pietre: “Ti emoi kai soi gunai?” (“Che cosa tra me e te, donna?”). Povera Vergine Maria, chiamata “donna” e non “Mamma”!

Tu accettasti che Gesù indirizzasse ad altri – agli ascoltatori della Parola – la lode rivolta a te per averlo generato. Così pure non ti lamentasti quando rifiutò di darti udienza: “Chi è mia madre?”, o forse ti sentisti doppiamente madre per aver concepito la Parola nel tuo cuore, prima di concepirla nella carne?

Vergine addolorata ai piedi della croce, accettasti di “privarti” di una maternità divina, di “perdere” un così grande Figlio, per diventare madre di chi stava ammazzando il tuo Signore, il tuo Dio, l’unico tuo sostegno e conforto, l’unico tuo grande Amore.

E in Lui credesti quando te lo depositarono, morto, tra le braccia. Un Dio morto?…

Nel supremo dei dolori, solo il mistero di Dio poteva illuminare il mistero della sofferenza che, come trivella, perforava il tuo cuore alla ricerca dell’acqua viva, la grazia, fulgida luce che dissipa le tenebre della morte con il fulgore della resurrezione.

E nell’alba radiosa del primo giorno della settimana, il Risorto, forse, venne a ringraziare te, Donna del sabato santo, per aver tenuta viva la fede dei discepoli, per averli aiutati a credere e a sperare. Forse ti ringraziò con le sublimi parole di Elisabetta: “Beata te che hai creduto”.

A te, Donna che ascolta, crede e si abbandona totalmente al Mistero; a te, Donna il cui latte è diventato il sangue di Dio, nel suo e tuo Figlio, Gesù; a te, Donna che danzi cantando il “Magnificat” e hai il privilegio di sentirti chiamare “Mamma” dal Salvatore del mondo; a te, che pure io invoco come “Madre mia e mia fiducia”, chiedo il dono di credere come Tu hai creduto. La fede dilati gli orizzonti della speranza e si consumi nell’amore, affinché, quando busserò alla porta del paradiso, Tu mi corra incontro gioiosa, rivolgendo pure a me l’entusiastico encomio: “Beato te che hai creduto”.