APOSTOLATO

APOSTOLATO

«Apri, o Signore, la mia bocca, affinché possa benedire il Tuo Santo Nome. Purifica il mio cuore da cattivi ed inutili pensieri. Illumina la mente, accendimi il cuore, affinché da questa medi­tazione possa ricavare frutti duraturi ed abbondanti per la mia anima. Maria, Madre di grazia, aiuta­mi a diventare un vero amico del Tuo Gesù»!

1° – Tu sei, per la Cresima, un soldato di Gesù e della Chiesa; cioè un apostolo!

Apostolato vuol dire: amare le anime. E’ que­sto l’ideale più grande che deve occupare tutta la tua vita e che tu devi cercare di raggiungere con tutta la tua volontà.

Ci pensi qualche volta, seriamente? Ascolta, e rifletti a questa frase: «Ogni uomo ha un’anima; per ogni anima Gesù ha dato la sua vita!».

Ricordi la parabola del Vangelo, quella della pecorella smarrita?

Guardala, povera pecorella, tra i rovi e le spi­ne… Si è sperduta, ha il vello qua e là chiazzato di sangue, e bela, bela!… e Gesù, il buon Pastore, eccolo, scende fino ad essa, le stende le mani, la libera dalle spine, adagio adagio, per non farle male.

Hai capito? guardati attorno. Quante e quante pecorelle sono fuori, son lontane dall’ovile di Gesù, tra i rovi del peccato, sanguinanti per le piaghe ricevute dal demonio, che belano disperatamente, e aspettano un altro Gesù che le liberi, le salvi!

Sai quante sono?

Ecco le cifre terribili che parlano! In tutto il mondo abbiamo una popolazione di circa sei mi­liardi. Di essi, solo 800 milioni sono cattolici: tutti gli altri (più di un miliardo di infedeli, più di 800 milioni tra Protestanti, Scismatici ed Ebrei, e più di 700 milioni di Musulmani!); cioè:… sono tutti da convertire!…

Tu sai che cos’è un miliardo: mille milioni! Pensa: se tu facessi passare davanti a te tutti questi uomini, a uno a uno, passandone uno al minuto secondo, senza mai fermarsi, ci impieghe­rebbero 53 anni a sfilare!

Ora, se tutti i cattolici si mettessero a convertire i non cattolici, conquistandone una all’anno per ciascuno, tutto il mondo diventerebbe cristiano cattolico!

Quanta responsabilità per tutti!…

2° – Non senti un grande dolore al pensare che così tanti uomini non conoscono ancora Gesù e non Lo amano?

Domanda a Gesù questo amore per le anime! DomandaGli di essere un apostolo fin d’ora! In che modo?

Apostolo è colui che fa conoscere Gesù e Lo fa amare.

Dove?

Dappertutto dove si trova, appena può e come può.

Ma come fare?

Così: pregare tutti i giorni per la conversione dei poveri peccatori e degli infedeli.

Ricordati, soprattutto, che il primo tuo apostolato è il buon esempio.

Tanti tuoi compagni hanno bisogno di vedere come si fa ad essere buoni, in casa, a scuola, in chiesa. Quando ti vedono, dovrebbero poter dire: «Guarda come è ubbidiente, come è studioso, come è buono!».

Questo apostolato dell’esempio è anche il più facile e il più efficace, perché tutti i momenti sono buoni; e perché quando vedono un buon esempio, tutti restano commossi e sono spinti a fare così anche loro.

Comincia subito!

Nella tua giornata, quante volte ti capita di poter fare anche tu… il missionario, di comportarti come un piccolo apostolo! Dire una buona parola, un’esortazione, talora anche una prudente sgridata, imprestare qualche buon libro; fare un atto di carità, aiutare il tuo Parroco a distribuire la stampa cattolica, la propaganda missionaria, e tante altre occasioni che hai di offrirti generosamente!

Quando non puoi far altro, devi saper offrire e pregare per tutti.

C’è una vocazione più grande di questa? Dare anime a Gesù! Non ti pare un ideale immenso? Grandi grazie ti sta preparando Gesù per il tua domani. Intanto, procura di essere sempre più buono, più generoso col Signore. Non dire mai di «no» a Gesù che ti vuole suo apostolo!

PROPOSITO: Quest’oggi, farai la S. Comu­nione per gli infedeli, e offrirai a Gesù tutte le preghiere, i sacrifici e i fioretti per la loro conver­sione e affinché il Signore scelga qualche Missio­nario tra i tuoi compagni. E se scegliesse te?…

«Ti ringrazio caro Gesù, delle buone ispirazioni e grazie concessemi durante la meditazione. Ti presento umilmente il mio proposito affinché mi aiuti a mantenerlo con la Tua santa Grazia. Maria, Mamma di Gesù, San Giuseppe, Angelo mio custode, e miei santi Protettori, fate che possa rimanere sempre amico di Gesù!»

“L’anima non ha guanciale più dol­ce né più soffice per riposarvisi che una buona coscienza”. (S. Gregorio Magno)

“L’obbedienza è la via che comprende tutte le vie della perfezione”. (S. Filippo Neri)

“La religione fu e sarà sempre in ogni tempo la maestra degli uomini; essa contiene una legge così perfetta che sa piegarsi alle vicende dei tempi ed adattarsi all’indole diversa di tutti gli uomini”. (S. Giovanni Bosco)

“Prova a servire il Signore e vedrai quanto è dolce e soave amarlo con tutto il cuore!”. (S. Giovanni Bosco)

«Ti ringrazio caro Gesù, delle buone ispirazioni e grazie concessemi durante la meditazione. Ti presento umilmente il mio proposito affinché mi aiuti a mantenerlo con la Tua santa Grazia. Maria, Mamma di Gesù, San Giuseppe, Angelo mio custode, e miei santi Protettori, fate che possa rimanere sempre amico di Gesù!»