Apertura del cuore all’amore

Ogni cuore deve fare spazio all’amore. Se l’amore non c’è allora c’è sofferenza e dolore perché i sentimenti di odio, di invidia, di gelosia hanno il sopravvento e l’uomo non può agire secondo il Volere del Signore il Quale è Amore, solo Amore.

Senza l’amore non potremo avere la pace, la concordia, la fratellan­za, ma nel mondo ci saranno guerre, conflitti di ogni genere, violen­ze inaudite.

Quanto Amore Gesù ci vuole donare! Ma se siamo ripiegati su noi stessi non possiamo accoglierlo ed avere da Dio quelle grazie che ci portano a divenire veri figli del Padre nostro Celeste che ad ogni co­sto ci vuole salvare.

Quando il cuore umano si apre all’Amore di Dio, allora questo A­more diviene dono, gioia, speranza perché solo l’amore sa sviluppa­re in noi sentimenti di pace, di gioia, di carità fraterna.

L’amore rasserena, infonde coraggio, fiducia, redime l’uomo ren­dendolo capace di adeguarsi al Progetto di Dio che corrisponde alla sua perfetta felicità.

Siamo tutti chiamati da Dio a praticare sempre il comandamento dell’amore: “Amatevi gli uni gli altri come lo ho amato voi”. L’imperativo di Dio è: amatevi, sostenetevi, soccorretevi, aiutatevi! Ogni gesto sia accompagnato dall’amore che ci è stato da Lui dona­to.

Il Padre ha sacrificato il suo Divin Figlio per poter salvare tutti gli uomini, ma chi non L’ha accolto, non Lo accoglie e non L’acco­glierà avrà rifiutato l’Amore Divino.

Dio non si impone, ma ci lascia liberi di scegliere fra il bene e il ma­le. L’uomo spesse volte sceglie il male dal quale proviene il dolore per sé e per gli altri.

L’uomo è stato destinato al Regno di Dio per vivere la stessa Vita di Dio. Questa unione fra Dio e l’uomo ci fa suoi figli per grazia, ci fa felici per sempre.

L’uomo è chiamato da Dio per nome e, degnamente, Lo deve testi­moniare, consapevole che nel giorno in cui avrà termine la sua vita su questa terra, Dio Padre lo giudicherà sull’amore.

Il Padre Misericordioso parla al nostro cuore e ci dona la tenerezza del suo Amore.