Alla ricerca dell’amore

L’Amore del Padre è inalterabile, non subisce variazioni come le su­bisce l’amore umano.

L’intensità del suo Amore è così grande che non si può misurare, ma possiamo almeno un poco sperimentarlo in Lui.

  1. Paolo parlava della bellezza, dell’ampiezza, dell’altezza e della profondità di questo Amore. Come può l’uomo vivere senza l’Amore di Dio?

L’uomo non solo lo deve vivere, ma lo deve continuamente ricercare, lo deve possedere e, una volta avutolo, lo deve donare agli altri.

E’ troppo poco quello che noi facciamo per avere il suo Amore; spes­se volte lo dimentichiamo. Invece molto, molto dobbiamo lavorare ed operare per corrispondere all’Amore del Padre.

Ciò non è facile! Il nostro orgoglio, il nostro egoismo intralciano que­sta ricerca e molti sono i nostri sbagli.

Ma noi ad ogni costo dobbiamo possedere questo Amore e pienamen­te viverlo, così da poter dire come l’Apostolo Paolo: “Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me”.

Gli sforzi per arrivare a tanto sono molto faticosi perché si tratta di ri­nunciare con determinazione al peccato: lo dobbiamo sconfiggere.

Il peccato è causa di dolore ed infine di morte eterna. L’uomo non de­ve morire alla grazia, non deve rendere vano per sè il Sacrificio di Ge­sù sulla Croce, ma, attraverso la conversione e la Grazia Santificante che gli viene donata, deve rivivere e ritornare ad essere più che mai fi­glio del Padre che ci ama con Amore Paterno e Materno.

Questo sta ad indicarci quale Amore Sublime ha per noi il Padre!

Avanziamo verso di Lui tenendoci per mano. Dobbiamo aiutarci e so­stenerci in questo nostro cammino, amandoci scambievolmente come Lui ci ha esortato a fare.

Gesù ha vissuto come noi, sperimentando come noi la sofferenza, il dolore e la morte, ottenendo per tutti noi la Salvezza Eterna.

Quindi il dolore deve essere sublimato nell’amore che ci porta Luce, Pace e Gioia. Questo il Padre vuole da tutti noi. Sofferenza, dolore ed amore convivono l’uno con l’altro, ma è l’amore che vince perché è stato sublimato dalla Croce di Gesù.