65 – Il Canone della Sacra Scrittura

Fin dall’inizio i cristiani nelle loro assemblee leggono gli scritti dell’Antico Testamento, in cui si è sedimentata l’esperienza religiosa d’Israele. Ad essi via via si affiancano gli scritti di origine apostolica, che vanno a costituire il Nuovo Testamento. Alcuni accenni, presenti nei documenti stessi, attestano questo processo di formazione. Nella Lettera ai Colossesi si incontra questo invito: «Quando questa lettera sarà stata letta da voi, fate che venga letta anche nella Chiesa dei Laodicesi e anche voi leggete quella inviata ai Laodicesi» (Col 4,16). E in un altro scritto del Nuovo Testamento troviamo questa esortazione: «La magnanimità del Signore nostro giudicatela come salvezza, come anche il nostro carissimo fratello Paolo vi ha scritto, secondo la sapienza che gli è stata data; così egli fa in tutte le lettere, in cui tratta di queste cose. In esse ci sono alcune cose difficili da comprendere e gli ignoranti e gli instabili le travisano, al pari delle altre Scritture, per loro propria rovina» (2Pt 3,15-16).
A poco a poco si forma la raccolta di libri che costituiscono la Bibbia cristiana, accostando alla Legge, ai Profeti e agli altri scritti dell’Antico Testamento i testi del Nuovo Testamento, cioè i Vangeli, gli Atti, le Lettere e l’Apocalisse. Successivamente, anche per respingere le infiltrazioni dell’eresia, viene ufficialmente fissato l’elenco completo, o “canone”, dei libri sacri, riconosciuti dalla fede di tutta la Chiesa come propria regola suprema. Infine, nel secolo XVI, il concilio di Trento, prendendo posizione di fronte ai dubbi e alle negazioni emerse nel contesto della Riforma protestante, pone su questo argomento il sigillo della sua definizione.

.

Elenco dei libri sacri
  L’Antico Testamento comprende 46 libri: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio, Giosuè, Giudici, Rut, i due libri di Samuele, i due libri dei Re, i due libri delle Cronache, Esdra e Neemìa, Tobia, Giuditta, Ester, i due libri dei Maccabei, Giobbe, i Salmi, i Proverbi, il Qoèlet, il Cantico dei cantici, la Sapienza, il Siracide, Isaia, Geremia, le Lamentazioni, Baruc, Ezechiele, Daniele, Osea, Gioele, Amos, Abdia, Giona, Michea, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malachìa. Il Nuovo Testamento comprende 27 libri: i Vangeli di Matteo, di Marco, di Luca e di Giovanni, gli Atti degli apostoli, le Lettere di Paolo ai Romani, la prima e la seconda ai Corinzi, ai Galati, agli Efesini, ai Filippesi, ai Colossesi, la prima e la seconda ai Tessalonicesi, la prima e la seconda a Timoteo, a Tito, a Filemone, la Lettera agli Ebrei, la Lettera di Giacomo, la prima e la seconda Lettera di Pietro, le tre Lettere di Giovanni, la Lettera di Giuda e l’Apocalisse.