9 – NDE – una brteve intervista al prof. Enrico Facco

In questo video Enrico Facco (vedasi sopra, post n.7), specialista in neurologia e professore di anestesia e rianimazione presso l’Università di Padova, spiega per sommi capi il fenomeno esperienze di premorte, partendo da un caposaldo fondamentale: La realtà è molto diversa da come ci appare” (minuto 5,02 del video). La disamina delle esperienze di premorte (che nel video inizia dal minuto 9,30 in poi) inizia partendo da un ulteriore caposaldo: La parapsicologia esiste solo in quanto riflesso di un pregiudizio culturale, perché i fatti possono essere o veri, o falsi: non sono parapsicologici o convenzionali. Se sono falsi, è inutile scomodare una disciplina per metterceli dentro; se sono veri, dobbiamo solo capirne le leggi, e questo fa parte della scienza.  Dopo avere esposto la fenomenologia NDE, e avere osservato che le tesi sostenute dalla scienza ufficiale, sia quelle psicologiche (aspettativa dell’aldilà) sia quelle meccaniche (danni cerebrali), non sono in grado di fornirne una spiegazione esaustiva, conclude: abbiamo un contatto molto labile con la realtà, e la vediamo solo da un punto di vista molto provvisorio e molto parziale“.

Col che resta chiaro che caratteristica principale della posizione del Facco è un approccio di ricerca, che in quanto tale si pone in netto conflitto con le posizioni dogmatiche dello scientismo, intese a minimizzare il fenomeno prospettandone eziologie che, come via via si vedrà in seguito, vengono dimostrate insoddisfacenti, o addirittura in qualche caso tanto supponenti quanto del tutto infondate, perché semplicistiche e disinformate.