SPEAK TO ME OF GOD – 21 – Time of science and time of faith

I report here some Christian maxims about time: sometimes they seem hard and difficult, but in reality they serve to make our life profitable and full of good fruits: do not become impatient and listen to them with love.

Reflect how fleeting the irreparable time is spent and you with it! It is always behind you that presses, and the future makes it past you. The beat of the hour is for you a continuous reminder of the passing of time and of eternity that is approaching. Time passes and never returns. If you employ it badly it is lost forever.

In eternity you will be established in that degree of love that you have achieved over time. For those who deal with the affairs of this world, time is gold, for you who care for God, time is glory that will last forever.

You are a pilgrim towards eternity; walk every day, as long as you have time. Oh, you miserable if you cling to this fleeting life and neglect the eternal!

Recover as much time as possible with a true and perfect love. Now is the time of fatigue that must be a sweet consolation for the love of Jesus crucified.

What will, O Lord, remain in the eternity of this day? Do not let it be lost unnecessarily in the abyss of time, but have an eternal repercussion in your kingdom.

But now it’s time to briefly scrutinize what science and philosophy have understood about time: man asks himself with his little reasoning: what is time?

Great challenge is to understand what we use to call by the term “time”.
For our reality, nothing is more mysterious and elusive than time; it appears to us as the greatest and unstoppable force in the universe, which inexorably accompanies us from the cradle to the grave.

What is time, then? Many philosophers, scientists, poets and artists have tried to give some answers to what is one of the great unsolved questions of man.

In the 7th century, St. Augustine in his Confessions said: “If no one asks me, I know what time is, but if I am asked to explain it, I do not know what to say”.

The well-known contemporary existentialist philosopher Martin Heidegger, when he set about writing an essay on time, stated that he lacked the words to talk about this topic.

Most of us conscious men tend to associate time with the phenomena of change and / or evolution, but perhaps there is something else underneath that escapes us in our hurry to live!

The questions are not lacking. Does time move in one direction, giving rise to a constantly changing present? Does the past still exist? If yes, where did it go? Is the future already determined, and is it waiting for us, even if we don’t know it?

It may seem strange, but classical physics has always tried to avoid this question, leaving rather the arduous task to the philosophers. The reason is probably given by the overwhelming authority of Newton and Einstein for the way they have shaped space, time and motion.

Both built models of the universe of extraordinary clarity, but then, once the structure was made, they didn’t worry too much about the foundations; and this leaves room for potential confusions.

Without a doubt, their theories are full of great truths, but both give time as something taken for granted: it is a brick like space, a primary element.

Einstein even merged it with space to create a four-dimensional “space-time”; in fact one of the great revolutions of modern physics: “relativity”, is completely focused on “Time”.

In “relativity” Einstein had eliminated the more Newtonian concept of absolute space and time, in fact much of our difficulty in understanding the theory of “relativity” comes from human reluctance to recognize that the sense of time, such as that of color , it is just our form of perceiving some things that happen around us.

As there is not really what we call “color” without our eye to receive it, so an instant, an hour a day, are indistinguishable without the events that characterize them; therefore like space we can identify it as a possible order of material objects, so time is identifiable as a possible order of events.

Eistein explained the subjectivity of time with these words: “the experiences of an individual appear to us ordered in a series of individual events, which We remember appearing to be ordered according to the criterion of front and back. Thus, for the individual, there is a subjective time of his own which is not measurable in itself ”.

We can associate numbers and events in such a way that a greater number is associated with a posterior event, rather than anterior, and this continuity can be quantified by means of a clock, which is a tool we use to count the flow of a series of events.

But whatever it is, whether the time is marked by the Bonn clock, your clock, mine, or that of an inhabitant of a planet in the Andromeda galaxy, they are always only all subjective times that conscious beings feel in relation to the environment in which they find themselves living; for example, a patient sitting in a dentist’s chair surely feels differently about the time marked by the Bonn atomic clock, compared to a listener sitting in an armchair while listening to a Mozart symphony.

Since ancient times two different conceptions of “time” have clashed, for example among the Greek Philosophers, Heraclitus claimed the necessity of the eternal flow of everything, and Parmenides argued instead that time and motion did not exist.

Few thinkers in later times took Parmenides’ ideas seriously, to find one we must get to our times; the English Julian Barbour theorist of astrophysics and of time, who argues in his thesis, that the eternal flow of Heraclitus is nothing but a rooted illusion.

His theory is that the “quantum” universe is static, existing as a series of states independent of time, governed only by their probability of existing.

Barbour says: “our notion of time derives from the observation of these states, time is our pure illusion, since the phenomena from which we deduce its existence are real, but we interpret them wrongly for the reason that the roots of our knowledge are essentially rooted in two theories of physics defined as: classical mechanics, and quantum mechanics, which give a non-holistic view of the whole, and therefore can sometimes even be misleading “.

However the theory closest to the concept of Barbour’s time is certainly quantum mechanics, since it assumes that there is not a single succession of states, but every possible succession of states, and that therefore all the possible events are present at the same time ; it is we with our mind that we decide what state to follow and / or live, while for classical mechanics time is something like an invisible thread on which events are hung in succession.

The new physics vivifies and opens new horizons towards a better understanding about the ancient enigma existing between the concepts of time, free will and determinism; in fact, Eistein’s theory of relativity opens up a vision of a universe extended over time as well as space, without taking away a certain degree of freedom of action; and quantum theory, which gives our mind such an important role, helps us to understand more deeply the question of free will since, in effect, the quantum factor has swept away the old deterministic conception of the universe, according to which everything what we do has been established by universal mechanisms even before we were born.
So what’s behind our concept of Time ????????

***********

Science and philosophy formulate hypotheses. Does time not exist? But for each of us, time is a concrete reality.

How can you deny that time is a wonderful gift from God? We are in a very useful dimension for our progress.

But now it remains to say how concretely to spend time profitably, and to walk in it with God; of this we will talk, God willing, tomorrow.

PARLAMI DI DIO – 21 – Tempo della scienza e tempo della fede

Riporto qui alcune massime cristiane sul tempo: a volte sembrano dure e difficili, ma in realtà servono a rendere la nostra vita proficua e ricca di buoni frutti: non spazientirti e ascoltale con amore.

Rifletti come trascorre fugace l’irreparabile tempo e tu con lui! È sempre alle tue spalle che incalza, e il futuro te lo rende passato. Il batter dell’ora sia per te un continuo richiamo del tempo che passa e dell’eternità che si avvicina. Il tempo passa e non torna più. Se lo impieghi male è perduto per sempre.

Nell’eternità sarai stabilito in quel grado di amore che avrai raggiunto nel tempo. Per chi si occupa degli affari di questo mondo il tempo è oro, per te che ti occupi di Dio il tempo è gloria che durerà in eterno.

Sei pellegrino verso l’eternità; cammina ogni giorno, finché hai tempo. Oh, te miserabile se ti aggrappi a questa fuggevole vita e trascuri l’eterna!

Ricupera, per quanto è possibile, il tempo perduto con un vero e perfetto amore. Ora è il tempo della fatica che ti deve essere dolce consolazione per amore di Gesù crocifisso.

Che rimarrà, o Signore, nell’eternità di questa giornata? Fa’ che non vada perduta inutilmente nell’abisso del tempo, ma abbia una ripercussione eterna nel tuo regno.

Ma ora è tempo di scrutare brevemente quello che scienza e filosofia hanno capito del tempo: l’uomo si chiede con il suo piccolo raziocinio: che cos’è il tempo?

 

Grande sfida è capire ciò che noi usiamo chiamare con il termine di “tempo”.
Per la nostra realtà nulla ci è più misterioso e sfuggente del tempo; esso ci appare come la forza più grande ed inarrestabile dell’universo, che ci accompagna inesorabilmente dalla culla alla tomba.

Che cos’è dunque il tempo? Molti filosofi, scienziati, poeti e artisti hanno cercato di dare una qualche risposta a quello che è uno dei grandi interrogativi irrisolti dell’uomo.

Nel VII secolo Sant’Agostino nelle Sue Confessioni diceva: “Se nessuno me lo chiede, so cos’è il tempo, ma se mi si chiede di spiegarlo, non so cosa dire”.

Il noto filosofo esistenzialista contemporaneo Martin Heidegger, allorché si accinse a scrivere un saggio sul tempo, affermò che gli mancavano le parole per poter parlare di questo argomento.

La maggior parte di noi uomini coscienti tende ad associare il tempo ai fenomeni di cambiamento e/o evoluzione, ma sotto c’è forse dell’altro, che nella nostra fretta di vivere ci sfugge!

Le domande non mancano. Il tempo si muove in una sola direzione, dando vita a un presente in costante cambiamento? Il passato esiste ancora? Se si, dov’è finito? Il futuro è già determinato, e ci aspetta, anche se non lo conosciamo?

Può sembrare strano, ma la fisica classica ha sempre cercato di evitare questa domanda, lasciando piuttosto l’arduo compito ai filosofi. Il motivo è probabilmente dato dalla schiacciante autorevolezza di Newton ed Einstein per il modo con cui hanno plasmato lo spazio, il tempo ed il moto.

Entrambi hanno costruito modelli dell’universo di straordinaria chiarezza, ma poi, una volta fatta la struttura, non si sono preoccupati eccessivamente delle fondamenta; e questo lascia spazio a potenziali confusioni.

Senza alcun dubbio, le loro teorie sono piene di grandi verità, ma tutt’e due danno il tempo come qualcosa di scontato: è un mattone al pari dello spazio, un elemento primario.

Einstein lo ha addirittura fuso con lo spazio per creare uno “spazio-tempo” a quattro dimensioni; infatti una delle grandi rivoluzioni della fisica moderna:“la relatività”, è completamente imperniata sul “Tempo”.

Nella “relatività” Einstein aveva eliminato il concetto più Newtoniano di spazio e tempo assoluti, infatti gran parte della difficoltà nostra a comprendere la teoria della “relatività”, proviene dalla riluttanza umana a riconoscere che il senso del tempo, come ad esempio quello del colore, è solo una nostra forma di percepire alcune cose che ci succedono attorno.

Come non esiste in realtà ciò che noi definiamo “colore” senza il nostro occhio per recepirlo, così un istante, un’ora un giorno, sono indistinguibili senza gli avvenimenti che li caratterizzano; quindi come lo spazio possiamo identificarlo come un possibile ordine di oggetti materiali, così il tempo è identificabile come un possibile ordine di avvenimenti.

Eistein spiegava la soggettività del tempo con queste parole: “le esperienze di un individuo ci appaiono ordinate in una serie di singoli avvenimenti, che Noi ricordiamo apparire ordinati secondo il criterio di anteriore e posteriore. Esiste quindi per l’individuo un tempo suo proprio soggettivo che in se stesso non è misurabile”.

Noi possiamo associare numeri ed eventi in modo tale che un numero maggiore sia associato ad un avvenimento posteriore, piuttosto che anteriore, e questa continuità possiamo quantificarla per mezzo di un orologio, che è uno strumento nostro utilizzato per contare lo scorrere di una serie di avvenimenti; per cui, mentre noi svolgiamo il nostro lavoro quotidiano, l’orologio atomico di Bonn tiene il tempo terrestre.

Ma comunque sia, che il tempo sia segnato dall’orologio di Bonn, dal vostro, dal mio, o quello di un abitante di un pianeta della galassia di Andromeda, sono sempre solamente tutti tempi soggettivi che gli esseri coscienti avvertono in relazione all’ambiente in cui si trovano a vivere; ad esempio un paziente seduto sulla poltrona di un dentista avverte sicuramente in modo diverso il tempo scandito dall’orologio atomico di Bonn, rispetto ad un ascoltatore seduto in poltrona mentre ascolta una sinfonia di Mozart.

Sin dai tempi più antichi due concezioni diverse del “tempo” si sono scontrate, per esempio tra i Filosofi Greci, Eraclito sosteneva la necessità dell’eterno scorrere di tutto, e Parmenide sosteneva invece che il tempo ed il moto non esistessero.

Ben pochi pensatori nelle epoche successive presero sul serio le idee di Parmenide, per trovarne uno bisogna arrivare sino ai tempi nostri; l’Inglese Julian Barbour teorico di astrofisica e del tempo, il quale sostiene nella sua tesi, che l’eterno fluire di Eraclito non è che una Nostra radicata illusione.

La sua teoria è che l’universo “quantico” sia statico, esistente come una serie di stati indipendenti dal tempo, governati solo dalla loro probabilità di esistere.

Dice Barbour: “la nostra nozione di tempo deriva dall’osservazione di questi stati, il tempo è una nostra pura illusione, in quanto che i fenomeni dai quali deduciamo la sua esistenza sono reali, ma Noi li interpretiamo in modo sbagliato per il motivo che le radici del nostro sapere affondano essenzialmente ad oggi in due teorie di fisica definite come: meccanica classica, e meccanica quantistica, che danno una visione non olistica del Tutto, e quindi a volte possono anche risultare fuorvianti”.

Comunque la teoria più vicina al concetto del tempo di Barbour sicuramente è la meccanica quantistica, in quanto essa presume che non ci sia una singola successione di stati, ma ogni possibile successione di stati, e che quindi tutti i possibili avvenimenti siano presenti nello stesso tempo; siamo noi con la nostra mente che decidiamo che stato seguire e/o vivere, mentre per la meccanica classica il tempo è qualcosa come un invisibile filo sul quale vengono appesi in successione gli avvenimenti.

La nuova fisica vivifica ed apre nuovi orizzonti verso una miglior comprensione circa l’antico enigma esistente tra i concetti di tempo, libero arbitrio e determinismo; infatti la teoria della relatività di Eistein ci apre una visione di un universo esteso nel tempo oltre che nello spazio, senza toglierci una certa qual libertà d’azione; e la teoria dei quanti, che attribuisce alla nostra mente un ruolo così importante, ci aiuta a capire più a fondo la questione del libero arbitrio poichè, in effetti, il fattore quantico ha spazzato via la vecchia concezione deterministica dell’universo, secondo cui tutto ciò che facciamo è stato prestabilito dai meccanismi universali prima ancora della nostra nascita.
Dunque che cosa c’è dietro il nostro concetto di Tempo????????

 

Scienza e filosofia formulano ipotesi. Il tempo non esiste? Ma per ciascuno di noi il tempo è una realtà concreta.

Come si può negare che il tempo è un meraviglioso dono di Dio? Siamo in una dimensione utilissima per il nostro progresso.

Ma ora resta da dire come in concreto impiegare il tempo in modo proficuo, e camminare in esso con Dio; di questo parleremo, se Dio vuole, domani.

Lettura del giorno

Questa pagina dà quattro brani – uno dai libri storici, uno dagli scritti, uno dai profeti e uno dal Nuovo Testamento. Fanno parte di uno schema per leggere tutta la Bibbia in un anno. Puoi anche ricevere un messaggio di posta elettronica ogni giorno con la lettura del giorno, oppure inserire la lettura del giorno nel tuo sito.

Seleziona la versione da usare: 

Lettura del 7/11

2Cronache 4-5

4:1 Salomone fece l’altare di bronzo lungo venticinque cubiti, largo venticinque e alto dieci. 2 Fece la vasca di metallo fuso del diametro di dieci cubiti, rotonda, alta cinque cubiti; ci voleva una corda di trenta cubiti per cingerla. 3 Sotto l’orlo, per l’intera circonferenza, la circondavano animali dalle sembianze di buoi, dieci per cubito, disposti in due file e fusi insieme con la vasca. 4 Questa poggiava su dodici buoi: tre guardavano verso settentrione, tre verso occidente, tre verso meridione e tre verso oriente. La vasca vi poggiava sopra e le loro parti posteriori erano rivolte verso l’interno. 5 Il suo spessore era di un palmo; il suo orlo era come l’orlo di un calice a forma di giglio. Conteneva tremila bat.
6 Fece anche dieci recipienti per la purificazione ponendone cinque a destra e cinque a sinistra; in essi si lavava quanto si adoperava per l’olocausto. La vasca serviva alle abluzioni dei sacerdoti.
7 Fece dieci candelabri d’oro, secondo la forma prescritta, e li pose nella navata: cinque a destra e cinque a sinistra.
8 Fece dieci tavoli e li collocò nella navata, cinque a destra e cinque a sinistra.
9 Fece il cortile dei sacerdoti, il gran cortile e le porte di detto cortile, che rivestì di bronzo. 10 Collocò la vasca dal lato destro, a sud-est.
11 Curam fece le caldaie, le palette e gli aspersori. Egli portò a termine il lavoro, eseguito nel tempio per il re Salomone: 12 le due colonne, i due globi dei capitelli sopra le colonne, i due reticolati per coprire i globi dei capitelli sopra le colonne, 13 le quattrocento melagrane per i due reticolati, due file di melagrane per ogni reticolato per coprire i due globi dei capitelli sopra le colonne, 14 le dieci basi e i dieci recipienti sulle basi, 15 l’unica vasca e i dodici buoi sotto di essa, 16 le caldaie, le palette, i forchettoni e tutti gli accessori che Curam-Abi fece di bronzo splendido per il re Salomone per il tempio. 17 Il re li fece fondere nella valle del Giordano, nella fonderia, fra Succot e Zereda. 18 Salomone fece tutti questi oggetti in grande quantità da non potersi calcolare il peso del bronzo.
19 Salomone fece tutti gli oggetti destinati al tempio: l’altare d’oro e le tavole, su cui si ponevano i pani dell’offerta, 20 i candelabri e le lampade d’oro da accendersi, come era prescritto, di fronte alla cella, 21 i fiori, le lampade e gli spegnitoi d’oro, di quello più raffinato, 22 i coltelli, gli aspersori, le coppe e i bracieri d’oro fino. Quanto alle porte del tempio, i battenti interni verso il Santo dei santi e i battenti della navata del tempio erano d’oro.

5:1 Fu ultimato così quanto Salomone aveva disposto per il tempio. Allora Salomone fece portare gli oggetti consacrati da Davide suo padre e depositò l’argento, l’oro e ogni arredo nel tesoro del tempio.
2 Salomone allora convocò in assemblea a Gerusalemme gli anziani di Israele e tutti i capitribù, i principi dei casati israeliti, per trasportare l’arca dell’alleanza del Signore dalla città di Davide, cioè da Sion. 3 Si radunarono presso il re tutti gli Israeliti per la festa che cadeva nel settimo mese. 4 Quando furono giunti tutti gli anziani di Israele, i leviti sollevarono l’arca. 5 Trasportarono l’arca e la tenda del convegno e tutti gli oggetti sacri che erano nella tenda; li trasportarono i sacerdoti e i leviti. 6 Il re Salomone e tutta la comunità di Israele, convenuta presso di lui, immolavano davanti all’arca pecore e buoi, da non potersi contare né calcolare per il gran numero. 7 I sacerdoti introdussero l’arca dell’alleanza del Signore al suo posto nella cella del tempio, nel Santo dei santi, sotto le ali dei cherubini. 8 Difatti i cherubini stendevano le ali sopra l’arca; essi coprivano l’arca e le sue stanghe dall’alto. 9 Le stanghe erano più lunghe, per questo le loro punte si prolungavano oltre l’arca verso la cella, ma non si vedevano di fuori; così è fino ad oggi. 10 Nell’arca non c’era nulla se non le due tavole, che Mosè vi pose sull’Oreb, le tavole dell’alleanza conclusa dal Signore con gli Israeliti quando uscirono dall’Egitto.
11 Ora avvenne che, usciti i sacerdoti dal Santo – tutti i sacerdoti presenti infatti si erano santificati senza badare alle classi – 12 mentre tutti i leviti cantori, cioè Asaf, Eman, Idutun e i loro figli e fratelli, vestiti di bisso, con cembali, arpe e cetre stavano in piedi a oriente dell’altare e mentre presso di loro 120 sacerdoti suonavano le trombe, 13 avvenne che, quando i suonatori e i cantori fecero udire all’unisono la voce per lodare e celebrare il Signore e il suono delle trombe, dei cembali e degli altri strumenti si levò per lodare il Signore perché è buono, perché la sua grazia dura sempre, allora il tempio si riempì di una nube, cioè della gloria del Signore. 14 I sacerdoti non riuscivano a rimanervi per il loro servizio a causa della nube, perché la gloria del Signore aveva riempito il tempio di Dio.

Proverbi 24:23-34

23 Anche queste sono parole dei saggi.
Aver preferenze personali in giudizio non è bene.
24 Se uno dice all’empio: «Tu sei innocente»,
i popoli lo malediranno, le genti lo esecreranno,
25 mentre tutto andrà bene a coloro che rendono giustizia,
su di loro si riverserà la benedizione.
26 Dà un bacio sulle labbra
colui che risponde con parole rette.
27 Sistema i tuoi affari di fuori
e fatti i lavori dei campi
e poi costruisciti la casa.
28 Non testimoniare alla leggera contro il tuo prossimo
e non ingannare con le labbra.
29 Non dire: «Come ha fatto a me così io farò a lui,
renderò a ciascuno come si merita».
30 Sono passato vicino al campo di un pigro,
alla vigna di un uomo insensato:
31 ecco, ovunque erano cresciute le erbacce,
il terreno era coperto di cardi
e il recinto di pietre era in rovina.
32 Osservando, riflettevo
e, vedendo, ho tratto questa lezione:
33 un po’ dormire, un po’ sonnecchiare,
un po’ incrociare le braccia per riposare
34 e intanto viene passeggiando la miseria
e l’indigenza come un accattone.

Gioele 3

1 Dopo questo,
io effonderò il mio spirito
sopra ogni uomo
e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie;
i vostri anziani faranno sogni,
i vostri giovani avranno visioni.
2 Anche sopra gli schiavi e sulle schiave,
in quei giorni, effonderò il mio spirito.
3 Farò prodigi nel cielo e sulla terra,
sangue e fuoco e colonne di fumo.
4 Il sole si cambierà in tenebre
e la luna in sangue,
prima che venga il giorno del Signore,
grande e terribile.
5 Chiunque invocherà il nome del Signore
sarà salvato,
poiché sul monte Sion e in Gerusalemme
vi sarà la salvezza, come ha detto il Signore,
anche per i superstiti che il Signore avrà chiamati.

Giovanni 19:17-42

17 Essi allora presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Gòlgota, 18 dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall’altra, e Gesù nel mezzo. 19 Pilato compose anche l’iscrizione e la fece porre sulla croce; vi era scritto: «Gesù il Nazareno, il re dei Giudei». 20 Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove fu crocifisso Gesù era vicino alla città; era scritta in ebraico, in latino e in greco. 21 I sommi sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato: «Non scrivere: il re dei Giudei, ma che egli ha detto: Io sono il re dei Giudei». 22 Rispose Pilato: «Ciò che ho scritto, ho scritto».
23 I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascun soldato, e la tunica. Ora quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima a fondo. 24 Perciò dissero tra loro: Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca. Così si adempiva la Scrittura:
Si son divise tra loro le mie vesti
e sulla mia tunica han gettato la sorte
.
E i soldati fecero proprio così.
25 Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. 26 Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». 27 Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.
28 Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: «Ho sete». 29 Vi era lì un vaso pieno d’aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. 30 E dopo aver ricevuto l’aceto, Gesù disse: «Tutto è compiuto!». E, chinato il capo, spirò.
31 Era il giorno della Preparazione e i Giudei, perché i corpi non rimanessero in croce durante il sabato (era infatti un giorno solenne quel sabato), chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe e fossero portati via. 32 Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe al primo e poi all’altro che era stato crocifisso insieme con lui. 33 Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, 34 ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua.
35 Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera e egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. 36 Questo infatti avvenne perché si adempisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso37 E un altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto.
38 Dopo questi fatti, Giuseppe d’Arimatèa, che era discepolo di Gesù, ma di nascosto per timore dei Giudei, chiese a Pilato di prendere il corpo di Gesù. Pilato lo concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Gesù. 39 Vi andò anche Nicodèmo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e portò una mistura di mirra e di aloe di circa cento libbre. 40 Essi presero allora il corpo di Gesù, e lo avvolsero in bende insieme con oli aromatici, com’è usanza seppellire per i Giudei. 41 Ora, nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora deposto. 42 Là dunque deposero Gesù, a motivo della Preparazione dei Giudei, poiché quel sepolcro era vicino.

Reflection 311: The Truth of Humility

Reflection 311: The Truth of Humility

The glorious virtue of humility must be understood, continually pondered and continually embraced.  What is humility?  It is nothing other than knowing the truth about yourself, believing that truth and living in accord with that truth.  Only you and God know the depths of your conscience.  Human opinion matters little.  Some may offer false judgments of you presuming your pride or another sin.  And at other times some may speak words of flattery, exaggerating your virtue from impure motives.  Neither false criticism nor words of flattery foster humility because they both have as their intention something other than the truth.  Some holy souls may even seek to misrepresent the truth of who they are by either exaggerating their holiness or by misrepresenting their misery so as to gain the praise or sympathy of others.  But, again, humility has as its goal the truth of who we are.  Seek to know and believe the full truth of your life, and then seek to live that truth openly and honestly.  This purity of intention will allow your true self to emerge, and through this humble act the Lord will shine forth from your soul (See Diary #1502-1503).

Ponder today the truth of who you are.  Seek complete honesty in regard to your actions and your intentions.  Understand yourself and seek to know yourself as God knows you.  Doing this will foster great humility.  As you grow in humility, see also the truth of God and His greatness.  Humbly acknowledge all that God does for you.  Seeing God at work within you and honestly expressing this with gratitude will allow Him to shine forth beautifully for all to see.  This is truth and this is humility.

Lord, I desire to know the truth of who I am.  I seek this truth and desire to allow it to shine forth with honesty and integrity.  I pray also that I see Your greatness and acknowledge Your workings in my life.  You are glorious, dear Lord.  May this truth shine forth.  Jesus, I trust in You.

Help with Depression

Help with Depression

O Christ Jesus,

when all is darkness
and I feel my weakness and helplessness,
give me a sense of Your presence,
Your love, and Your strength.
Help me to have perfect trust
in Your protecting love
and strengthening power,
so that nothing may frighten or worry me,
for, living close to You,
I shall see Your hand,

Your purpose, Your will through all things.

Amen.

 By Saint Ignatius of Loyola