Convertiti nel tempo favorevole

Dalle «Catechesi» di san Cirillo di Gerusalemme, vescovo
(Catech. I, 2-3. 5-6; PG 33, 371. 375-378)

Convertiti nel tempo favorevole

Se vi è qualcuno schiavo del peccato, si disponga per mezzo della fede a rinascere libero nell’adozione filiale. E dopo aver abbandonato la pessima schiavitù dei peccati e aver conseguita la beata schiavitù del Signore, sia stimato meritevole di ottenere l’eredità del regno celeste. Per mezzo della conversione spogliatevi dell’uomo vecchio che si corrompe dietro i desideri ingannatori, per rivestire l’uomo nuovo che si rinnova conforme alla conoscenza di colui che lo ha creato. Acquistate attraverso la fede il pegno dello Spirito Santo, perché possiate essere accolti nelle dimore eterne. Accostatevi al mistico contrassegno, perché vi si possa distinguere bene fra tutti. Siate annoverati nel gregge di Cristo, santo e ben ordinato, così che posti un giorno alla sua destra possiate ottenere la vita preparata come vostra eredità.
Quelli infatti ai quali rimane ancora attaccata, come fosse una pelle, la ruvidezza dei peccati, prendono posto alla sinistra, per il fatto che non si sono accostati alla grazia di Dio, che viene concessa, per Cristo, nel lavacro di rigenerazione. Certamente non parlo della rigenerazione dei corpi, ma della rinnovata nascita dell’anima. I corpi infatti sono generati per mezzo dei genitori visibili, le anime invece vengono rigenerate attraverso la fede, e infatti: «Lo Spirito soffia dove vuole». Allora, se ne risulterai degno, potrai sentirti dire: «Bene, servo buono e fedele» (Mt 25, 23), sempre che tu sia trovato esente nella coscienza da ogni impurità e simulazione.
Se dunque qualcuno dei presenti pensa di tentare la grazia di Dio, si inganna da se stesso, e ignora il valore delle cose. Procurati, o uomo, un’anima sincera e priva di inganno, per colui che scruta mente e cuore.
Il tempo presente è tempo di conversione. Confessa ciò che hai commesso sia con la parola che con l’azione, sia di notte che di giorno. Convertiti nel tempo favorevole, e nel giorno della salvezza accogli il tesoro celeste.
Ripulisci la tua anfora, perché accolga la grazia in misura più abbondante; infatti la remissione dei peccati viene data a tutti egualmente, invece la partecipazione dello Spirito Santo viene concessa in proporzione della fede di ciascuno. Se hai lavorato poco riceverai poco, se invece avrai fatto molto, molta sarà la mercede. Quanto fai, lo fai per il tuo bene. E’ nel tuo interesse considerare e fare ciò che ti conviene.
Se hai qualcosa contro qualcuno, perdona. Se ti accosti per ricevere il perdono dei peccati, è necessario che anche tu perdoni a chi ha peccato.

Responsorio    Cfr. Pro 28, 13; 1 Gv 1, 9
R. Chi nasconde le proprie colpe non avrà successo. * Chi si confessa peccatore e si astiene dal male, troverà indulgenza.
V. Se riconosciamo i nostri peccati, Dio fedele e giusto ci perdona.
R. Chi si confessa peccatore e si astiene dal male, troverà indulgenza.

“The day will come when they will fast”

Daily Reading & Meditation

Saturday (July 6):  “The day will come when they will fast”
Scripture:  Matthew 9:14-17

14 Then the disciples of John came to him, saying, “Why do we and the Pharisees fast, but your disciples do not fast?” 15 And Jesus said to them, “Can the wedding guests mourn as long as the bridegroom is with them? The days will come, when the bridegroom is  taken away from them, and then they will fast. 16 And no one puts a piece of unshrunk cloth on an old garment, for the patch tears away from the garment, and a worse tear is made.  17 Neither is new wine put into old wineskins; if it is, the skins burst, and the wine is spilled, and the skins are destroyed; but new wine is  put into fresh wineskins, and so both are preserved.”

Meditation: Which comes first, fasting or feasting? The disciples of John the Baptist were upset with Jesus’ disciples because they did not fast. Fasting was one of the three most important religious duties, along with prayer and almsgiving. Jesus gave a simple explanation. There’s a time for fasting and a time for feasting (or celebrating). To walk as a disciple with Jesus is to experience a whole new joy of relationship akin to the joy of the wedding party in celebrating with the groom and bride their wedding bliss.

A time to rejoice and a time to mourn 
But there also comes a time when the Lord’s disciples must bear the cross of affliction and purification. For the disciple there is both a time for rejoicing in the Lord’s presence and celebrating his goodness and a time for seeking the Lord with humility and fasting and for mourning over sin. Do you take joy in the Lord’s presence with you and do you express sorrow and contrition for your sins?

The closed mind that refuses to learn 
Jesus goes on to warn his disciples about the problem of the “closed mind” that refuses to learn new things. Jesus used an image familiar to his audience – new and old wineskins. In Jesus’ times, wine was stored in wineskins, not bottles. New wine poured into skins was still fermenting. The gases exerted gave pressure. New wine skins were elastic enough to take the pressure, but old wine skins easily burst because they had become hard and had lost their ability to expand and stretch. What did Jesus mean by this comparison? Are we to reject the old in place of the new?

Treasuring the old and new wine of the Holy Spirit 
Just as there is a right place and a right time for fasting and for feasting, so there is a right place for the old as well as the new. Jesus says the kingdom of heaven is like a householder who brings out of his treasure what is new and what is old (Matthew 13:52). How impoverished we would be if we only had the Old Testament or the New Testament books of the Bible, rather than both. The Lord gives us wisdom so we can make the best use of both the old and the new. He doesn’t want us to hold rigidly to the past and to be resistant to the new work of his Holy Spirit in our lives. He wants our minds and hearts to be like new wine skins – open and ready to receive the new wine of the Holy Spirit.Are you eager to grow in the knowledge and understanding of God’s word and plan for your life?

“Lord Jesus, fill me with your Holy Spirit, that I may grow in the knowledge of your great love and truth. Help me to seek you earnestly in prayer and fasting that I may turn away from sin and willfulness and conform my life more fully to your will. May I always find joy in knowing, loving, and serving you.”

Psalm 85:9,11-13

9 Surely his salvation is at hand for those who fear him, that glory may dwell in our land. 
11 Faithfulness will spring up from the ground, and righteousness will look down from the sky. 
12 Yes, the LORD will give what is good, and our land will yield its increase. 
13 Righteousness will go before him, and make his footsteps a way.

Daily Quote from the early church fathers: No need to fast in the presence of the Bridegroom, by Hilary of Poitiers (315-367 AD)

“The Pharisees and John’s disciples were fasting, and the apostles were not. But Jesus answered them in a spiritual way and indicated to John’s disciples that he was a bridegroom. John taught that all hope in life lay in Christ. While he was still preaching, however, his disciples could not be received by the Lord. Up until the time of John, the law and the prophets prevailed, and unless the law came to an end, none of them would subscribe to faith in the gospel. The fact that he said there was no need for his disciples to fast as long as the bridegroom is with them illustrates the joy of his presence and the sacrament of the holy food, which no one need be without while he is present, that is, bearing Christ in the light of the mind. But once he is gone, Jesus says that they will fast, for all those who do not believe that Christ has risen will not have the food of life. By faith in the resurrection, the sacrament of the heavenly bread is received. Whoever is without Christ will be forsaken, fasting from the food of life.” (excerpt from the commentary ON MATTHEW 9.3)

Meditations may be freely reprinted for non-commercial use – please cite: copyright (c) 2019 Servants of the Word, source:  www.dailyscripture.net, author Don Schwager

 

Daily Light on the Daily Path

Psalm 26:3  For Your lovingkindness is before my eyes, And I have walked in Your truth.

Psalm 145:8  The LORD is gracious and merciful; Slow to anger and great in lovingkindness.

Matthew 5:45  so that you may be sons of your Father who is in heaven; for He causes His sun to rise on the evil and the good, and sends rain on the righteous and the unrighteous.

Ephesians 5:1,2  Therefore be imitators of God, as beloved children; • and walk in love, just as Christ also loved you and gave Himself up for us, an offering and a sacrifice to God as a fragrant aroma.

Ephesians 4:32  Be kind to one another, tender-hearted, forgiving each other, just as God in Christ also has forgiven you.

1 Peter 1:22  Since you have in obedience to the truth purified your souls for a sincere love of the brethren, fervently love one another from the heart,

2 Corinthians 5:14  For the love of Christ controls us, having concluded this, that one died for all, therefore all died;

Luke 6:35,36  “But love your enemies, and do good, and lend, expecting nothing in return; and your reward will be great, and you will be sons of the Most High; for He Himself is kind to ungrateful and evil men. • “Be merciful, just as your Father is merciful.

 

Egli è il nostro Dio e noi il popolo del suo pascolo

Le parole che abbiamo cantato contengono la nostra pubblica professione che siamo gregge di Dio: «Riconoscete che il Signore è Dio, egli ci ha fatti e noi siamo suoi» (Sal 99, 3). Egli è il nostro Dio; «noi il popolo del suo pascolo, il gregge che egli conduce» (Sal 94, 7). I pastori, che sono uomini, non hanno fatto loro le pecore che posseggono, non hanno creato le pecore che pascolano. Invece il Signore Dio nostro, perché è Dio e creatore, si è procurato il gregge che egli possiede e che porta al pascolo. Né un altro ha creato quello che egli pasce, né un altro pasce quello che egli ha creato.
Poiché abbiamo proclamato in questo salmo che siamo suo gregge, popolo del suo pascolo, pecore delle sue mani, ascoltiamo quello che egli dice a noi come al suo gregge. Altre volte parlava ai pastori. Ora invece parla al
gregge. In quelle sue parole noi ascoltavamo con tremore, voi con sicurezza. Perciò che cosa scaturirà da queste parole di oggi? Forse che la situazione si rovescerà e noi ascolteremo con sicurezza, e voi con tremore? Niente affatto. Innanzi tutto perché, anche se siamo pastori, il pastore ascolta con tremore non soltanto quanto viene rivolto ai pastori, ma anche ciò che viene indirizzato al gregge. Chi ascolta con indifferenza ciò che riguarda le pecore, dimostra di non avere alcuna preoccupazione del gregge. Secondariamente già abbiamo esposto alla vostra carità due punti che devono essere attentamente considerati: che cioè siamo anche cristiani, oltre ad essere capi. Per il fatto che siamo cristiani, anche noi facciamo parte del gregge con voi. Perciò sia che il Signore parli ai pastori, sia che parli al gregge, noi dobbiamo ascoltare tutto il suo insegnamento con tremore, e la preoccupazione non deve allontanarsi dai nostri cuori.
E allora, fratelli, ascoltiamo come il Signore riprenda le pecore cattive e che cosa prometta alle sue pecore. Dice: «Voi, mie pecore» (Ez 34, 31). Fratelli, quale grande gioia essere il gregge di Dio! E’ un fatto che genera grande gaudio anche in mezzo alle lacrime e alle tribolazioni di questa terra. Infatti colui al quale è stato detto: «Tu che pasci Israele», è il medesimo di cui si afferma: «Non si addormenterà, non prenderà sonno il custode di Israele» (Sal 120, 4). Egli dunque vigila sopra di noi quando noi vegliamo, vigila anche quando noi dormiamo. Perciò se un gregge umano si ritiene sicuro sotto un pastore umano, quanto maggiore deve essere la nostra sicurezza allorché è Dio che ci pasce! E non soltanto perché ci pasce, ma anche perché ci ha creato.
A voi che siete mio gregge queste cose dice il Signore Dio: Ecco, io giudico tra pecora e pecora, e tra arieti e capri (cfr. Ez 34, 17). Che cosa fanno qui nel gregge di Dio i capri? Negli stessi pascoli, presso le medesime fonti? Anche quegli intrusi destinati alla sinistra si sono mescolati agli eletti, destinati alla destra. Ma ora vengono tollerati, poi, però, saranno separati. E qui si esercita la pazienza delle pecore a somiglianza della pazienza di Dio. Da lui infatti verrà operata quella separazione che porterà gli uni alla sinistra, e gli altri alla destra.

Responsorio    Gv 10, 27-28; Ez 34, 15
R. Le mie pecore ascoltano la mia voce: io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna: * non andranno mai perdute e nessuno le rapirà dalla mia mano.
V. Io stesso condurrò le mie pecore al pascolo e le farò riposare.
R. non andranno mai perdute e nessuno le rapirà dalla mia mano.

Daily Reflection

Jesus wants his followers to be united. So many of them today are divided. What can we learn about the unity Jesus desires from these readings?

In the first reading we see the Sadducees and Pharisees divided by different beliefs. To the Sadducees, there were no spiritual beings and no resurrection of the body. Pharisees believed otherwise. Can people be united in their faith who believe such radically different things? Probably not. Every Sunday we Catholics recite the Nicene Creed. It states the basics of our faith. Can people who do not believe in the consubstantiality of the Father and the Son be united with those of us who confess this truth? Probably not. There is not likely to be unity where the most basic teachings of the faith are affirmed by some and denied by others. This does not imply any animosity between the sides; it’s simply a fact that there is not going to be unity between them.

People who agree on certain teachings can be divided because of personal animosity or bad attitudes. In the first reading, two groups disagreed over doctrine and this led to such hatred that a person in the middle could be torn to shreds. This almost happened to the apostle. However, I have known people who disagreed over almost nothing but were divided in spite of everything they agreed upon. Actually, the word “heretic” originally referred to people who were divisive because of their attitude. It later came to be used for someone who divided the Church because of their false teaching. Arius may have actually been a nice guy but he was a heretic because his false teaching about Jesus divided the Church for hundreds of years. On the other hand, can you be a thoroughly orthodox Catholic, one who believes absolutely everything the Church teaches, and be a heretic? We have all probably known people like that. They are orthodox in their beliefs but poison wherever they go. They will divide anything and everything in their path.

Jesus teaches us something else about unity, too. He wants his disciples to be one even as he and the Father are one. Now, the Son and the Father are one God but they are also unique. They are two separate persons within the Trinity. Do you have to be like me for us to have unity? Or, can we be one in faith, and yet each of us our unique selves? Unity implies many things but not uniformity. Disciples of Jesus are not made with a cookie cutter.

Jesus wants the world to know that he was sent by God, the Father. He states fairly clearly that this will not happen if his disciples are divided. Unity of believers is a powerful statement to the world that Jesus brings the love of God. So, I am challenged to learn the teachings of Jesus and his Church. I am also challenged to dwell in God’s love so that I will not be a poison in the midst of the people of God. When we all grow in this way, Jesus says that the world will know that he was sent to the world by his Father. The proof of it will be in their midst in the form of loving, united, followers of his.

Catechesi sul “Padre nostro”: 7. Padre che sei nei cieli

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

L’udienza di oggi si sviluppa in due posti. Prima ho fatto l’incontro con i fedeli di Benevento, che erano in San Pietro, e adesso con voi. E questo è dovuto alla delicatezza della Prefettura della Casa Pontificia che non voleva che voi prendeste freddo: ringraziamo loro, che hanno fatto questo. Grazie.

Proseguiamo le catechesi sul “Padre nostro”. Il primo passo di ogni preghiera cristiana è l’ingresso in un mistero, quello della paternità di Dio. Non si può pregare come i pappagalli. O tu entri nel mistero, nella consapevolezza che Dio è tuo Padre, o non preghi. Se io voglio pregare Dio mio Padre incomincio il mistero. Per capire in che misura Dio ci è padre, noi pensiamo alle figure dei nostri genitori, ma dobbiamo sempre in qualche misura “raffinarle”, purificarle. Lo dice anche il Catechismo della Chiesa Cattolica, dice così: «La purificazione del cuore concerne le immagini paterne e materne, quali si sono configurate nella nostra storia personale e culturale, e che influiscono sulla nostra relazione con Dio» (n. 2779).

Nessuno di noi ha avuto genitori perfetti, nessuno; come noi, a nostra volta, non saremo mai genitori, o pastori, perfetti. Tutti abbiamo difetti, tutti. Le nostre relazioni di amore le viviamo sempre sotto il segno dei nostri limiti e anche del nostro egoismo, perciò sono spesso inquinate da desideri di possesso o di manipolazione dell’altro. Per questo a volte le dichiarazioni di amore si tramutano in sentimenti di rabbia e di ostilità. Ma guarda, questi due si amavano tanto la settimana scorsa, oggi si odiano a morte: questo lo vediamo tutti i giorni! E’ per questo, perché tutti abbiamo radici amare dentro, che non sono buone e alle volte escono e fanno del male.

Ecco perché, quando parliamo di Dio come “padre”, mentre pensiamo all’immagine dei nostri genitori, specialmente se ci hanno voluto bene, nello stesso tempo dobbiamo andare oltre. Perché l’amore di Dio è quello del Padre “che è nei cieli”, secondo l’espressione che ci invita ad usare Gesù: è l’amore totale che noi in questa vita assaporiamo solo in maniera imperfetta. Gli uomini e le donne sono eternamente mendicanti di amore, – noi siamo mendicanti di amore, abbiamo bisogno di amore – cercano un luogo dove essere finalmente amati, ma non lo trovano. Quante amicizie e quanti amori delusi ci sono nel nostro mondo; tanti!

Il dio greco dell’amore, nella mitologia, è quello più tragico in assoluto: non si capisce se sia un essere angelico oppure un demone. La mitologia dice che è figlio di Poros e di Penía, cioè della scaltrezza e della povertà, destinato a portare in sé stesso un po’ della fisionomia di questi genitori. Di qui possiamo pensare alla natura ambivalente dell’amore umano: capace di fiorire e di vivere prepotente in un’ora del giorno, e subito dopo appassire e morire; quello che afferra, gli sfugge sempre via (cfr Platone, Simposio, 203). C’è un’espressione del profeta Osea che inquadra in maniera impietosa la congenita debolezza del nostro amore: «Il vostro amore è come una nube del mattino, come la rugiada che all’alba svanisce» (6,4). Ecco che cos’è spesso il nostro amore: una promessa che si fatica a mantenere, un tentativo che presto inaridisce e svapora, un po’ come quando al mattino esce il sole e si porta via la rugiada della notte.

Quante volte noi uomini abbiamo amato in questa maniera così debole e intermittente. Tutti ne abbiamo l’esperienza: abbiamo amato ma poi quell’amore è caduto o è diventato debole. Desiderosi di voler bene, ci siamo poi scontrati con i nostri limiti, con la povertà delle nostre forze: incapaci di mantenere una promessa che nei giorni di grazia ci sembrava facile da realizzare. In fondo anche l’apostolo Pietro ha avuto paura e ha dovuto fuggire. L’apostolo Pietro non è stato fedele all’amore di Gesù. Sempre c’è questa debolezza che ci fa cadere. Siamo mendicanti che nel cammino rischiano di non trovare mai completamente quel tesoro che cercano fin dal primo giorno della loro vita: l’amore.

Però, esiste un altro amore, quello del Padre “che è nei cieli”. Nessuno deve dubitare di essere destinatario di questo amore. Ci ama. “Mi ama”, possiamo dire. Se anche nostro padre e nostra madre non ci avessero amato – un’ipotesi storica –, c’è un Dio nei cieli che ci ama come nessuno su questa terra ha mai fatto e potrà mai fare. L’amore di Dio è costante. Dice il profeta Isaia: «Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se costoro si dimenticassero, io invece non ti dimenticherò mai. Ecco, sulle palme delle mie mani ti ho disegnato» (49,15-16). Oggi è di moda il tatuaggio: “Sulle palme delle mie mani ti ho disegnato”. Ho fatto un tatuaggio di te sulle mie mani. Io sono nelle mani di Dio, così, e non posso toglierlo. L’amore di Dio è come l’amore di una madre, che mai si può dimenticare. E se una madre si dimentica? “Io non mi dimenticherò”, dice il Signore. Questo è l’amore perfetto di Dio, così siamo amati da Lui. Se anche tutti i nostri amori terreni si sgretolassero e non ci restasse in mano altro che polvere, c’è sempre per tutti noi, ardente, l’amore unico e fedele di Dio.

Nella fame d’amore che tutti sentiamo, non cerchiamo qualcosa che non esiste: essa è invece l’invito a conoscere Dio che è padre. La conversione di Sant’Agostino, ad esempio, è transitata per questo crinale: il giovane e brillante retore cercava semplicemente tra le creature qualcosa che nessuna creatura gli poteva dare, finché un giorno ebbe il coraggio di alzare lo sguardo. E in quel giorno conobbe Dio. Dio che ama.

L’espressione “nei cieli” non vuole esprimere una lontananza, ma una diversità radicale di amore, un’altra dimensione di amore, un amore instancabile, un amore che sempre rimarrà, anzi, che sempre è alla portata di mano. Basta dire “Padre nostro che sei nei Cieli”, e quell’amore viene.

Pertanto, non temere! Nessuno di noi è solo. Se anche per sventura il tuo padre terreno si fosse dimenticato di te e tu fossi in rancore con lui, non ti è negata l’esperienza fondamentale della fede cristiana: quella di sapere che sei figlio amatissimo di Dio, e che non c’è niente nella vita che possa spegnere il suo amore appassionato per te.

Peace in overcoming the world

Daily Reading & Meditation

 Monday (June 3): Peace in overcoming the world”
Scripture: John 16:29-33

29 His disciples said, “Ah, now you are speaking plainly, not in any figure! 30 Now we know that you know all things, and need none to question you; by this we believe that you came from God.” 31 Jesus answered them, “Do you now believe? 32 The hour is coming, indeed it has come, when you will be scattered, every man to his home, and will leave me alone; yet I am not alone, for  the Father is with me. 33 I have said this to you, that in me you may have peace. In the world you have tribulation; but be of good cheer, I have overcome the world.”

Meditation: How did the disciples come to believe that Jesus is truly the Son of God sent from the eternal Father in heaven? When Jesus taught his disciples he often spoke in parables – using short stories and vivid images which expressed in picture language what God’s kingdom is like and how God’s power can change and transform our lives to be like him. These stories were intended to make his disciples reflect and think through the inner spiritual truths he wanted them to understand and accept.

The Lord Jesus gives hope and strength to those who believe in him and trust in his word
Now Jesus begins to speak more plainly to the disciples about the mission and purpose for which he was sent into the world – not to condemn the world but through love to redeem it (John 3:16). The disciples professed their belief in Jesus that he truly came from God and taught as one who possessed full knowledge of God. Jesus’ response showed that he fully knew and understood them very well. Jesus could read their hearts like an open book. He knew their weaknesses as well as their strengths.

Where do you place your trust and confidence?
In spite of their confident faith, Jesus warned his disciples that they would be put to the test and would fail. He knew they would desert him in his hour of trial when he would be arrested and condemned to death on the cross. Such knowledge of their faltering loyalty could have easily led to bitterness and rejection on his part. Jesus met the injury of betrayal and abandonment with supreme love and earnest prayer for his disciples (Luke 22:32; John 17:15). “He loved them to the very end” (John 13:1) – even when they had left him to die alone on the cross.

God’s peace dwells with those who trust in him alone
Jesus reassures them of his peace, unfailing love, and victory over the world which is in opposition to God’s reign. Jesus speaks the same reassuring words of enduring love, faithfulness, and victory to his followers today. “I will never fail you nor forsake you.” While we may forget the Lord and fail him, he will never forget us nor fail to come to our aid. When you are put to the test do you seek the Lord Jesus and place your trust in his help and mercy?

The Holy Spirit fills us with expectant faith, persevering hope, and unfailing love
While we cannot avoid all pain and suffering which may come our way in this life, the Lord Jesus assures us that he has overcome the world and all that would seek to keep us from his saving help and healing presence. He promises to guide us safely through any trial or hardship we may have to undergo for his sake. The Lord Jesus gives us the gift of his Holy Spirit who strengthens us with faith, courage, and perseverance to stay the course which he has set for us. The Holy Spirit fills us with a living hope in the power of Christ’s resurrection (1 Peter 1:3) and reassures our heart with a confident trust in God’s abiding presence.

Nothing can separate us from the love of Christ and the victory he has won for us (Romans 8:35-39). The Holy Spirit gives us the strength and courage we need to overcome every adversity and to persevere with faith and hope in God. Do you believe in the power of Christ’s love for you and in the victory he has won for you through his death and resurrection?

“Lord Jesus, help me to trust in your unwavering love and saving help, especially when I meet adversities, trials, and temptations. Give me your peace when I am troubled and let me know the joy of your victory over sin and death.”

Psalm 68:2-6a
2 As smoke is driven away, so drive them away; as wax melts before fire, let the wicked perish before God!
3 But let the righteous be joyful; let them exult before God;  let them be jubilant with joy!
4 Sing to God, sing praises to his name; lift up a song to him who rides upon the clouds;  his name is the LORD, exult before him!
5 Father of the fatherless and protector of widows is God in his holy habitation.
6 God gives the desolate a home to dwell in; he leads out the prisoners to prosperity.

Daily Quote from the early church fathersIn Christ we have peace, by Augustine of Hippo, 354-430 A.D.

“When [Jesus] says, ‘These things have I spoken to you, that in me you might have peace,’ he refers not only to what he has just said but also to what he had said all along, either from the time that he first had disciples, or since the supper, when he began this long and wonderful discourse… He declares this to be the object of his whole discourse, that is, that in him they might have peace. And this peace will have no end but is itself the end of every godly action and intention.” (excerpt from TRACTATES ON THE GOSPEL OF JOHN 104.1.15)

Meditations may be freely reprinted for non-commercial use – please cite: copyright (c) 2019 Servants of the Word, source: www.dailyscripture.net, author Don Schwager