05 maggio – Maria nostro stampo divino

“Maria è chiamata da Sant’Agostino, e lo è effettivamente, for­ma Dei, stampo vivente di Dio; questo perché in Lei è stato for­mato il Dio-Uomo, Gesù Cristo, senza che abbia perduto alcun tratto della divinità; e ancora in Lei l’uomo è formato ad im­magine di Dio, nella grazia divina. Tale stampo è divinamente perfetto: chiunque vi è gettato e si lascia formare, acquista tutti i tratti della fisionomia di Cristo il vero Dio, in maniera dolce e proporzionata alla fragilità umana”. S. M. 16

È questo il grande segreto che ogni cristiano dell’era maria­na deve conoscere; è la verità che può cambiare, in poco tempo, la faccia della terra.

Ciascun cristiano, dal momento del Battesimo, è portato nel seno di grazia di Maria, per ricevervi la sua vita divina, la sua configurazione a Cristo. Come l’albero, nella misura in cui cre­sce, ha bisogno di affondare le radici nella terra, così l’anima che vuole crescere in santità, ha bisogno di affondare le radici del suo amore nella Madre divina.

Maria è il grande misericordioso aiuto di Dio, per rifare ma­ternamente nelle anime quanto il peccato ha distrutto. Riconosciamo e accettiamo interamente il piano divino del­la Redenzione, se ne vogliamo comprendere la bellezza e speri­mentarne l’efficacia.

Tu, o Maria, mi restituisci alla vera immagine, tu riformi i miei veri lineamenti ad immagine e somiglianza di Dio. Tu lo fai te­neramente e non ti stanchi mai di venirmi incontro, di prender­mi per mano, di purificare la mia vita perché splenda per la gloria di Dio. Mi getto fiducioso nello stampo divino che tu sei, Madre Celeste, e voglio affondare le mie radici nel tuo Cuore, fonte di ogni felicità.