Vivere nell’amore

L’Amore di Dio rimane, non muore mai. Quando questo Amore lambisce il nostro cuore, la sua azione rimane in noi: ci conforta, ci solleva, ci fortifica e ci incoraggia.

L’Amore si dilata in noi, va oltre le nostre umane capacità e si inse­risce perfettamente nella nostra vita quotidiana.

Questo amore si apre verso gli altri nell’attenzione, nella generosità, nell’accoglienza e nel far rivivere ciò che il dolore molte volte può spegnere.

Quando l’uomo è nel dolore e lo accetta dalle Mani di Dio, geme e soffre sicuramente, ma se ha in sé l’amore, riesce a vincere ed a su­perare quei momenti difficili, anche i momenti drammatici o tragici della morte.

L’amore porta l’uomo a capire che non è solo, ma che Dio cammina con Lui, anche in modo misterioso, difficilmente esprimibile, per­chè nell’uomo, inconsciamente, si sviluppano energie nuove che lo rendono forte e capace di accettare il dolore con amore e di offrirlo a Dio.

I Santi hanno compiuto fino in fondo questo cammino, lo hanno vis­suto e mai si sono sottratti all’Amore Divino che li coinvolgeva nel Mistero Salvifico di Dio, cioè nel Mistero della Vita Eterna.

Il Mistero di Dio è coinvolgente per noi nella misura in cui noi vo­gliamo veramente viverlo con intensità durante il nostro cammino terreno.

La pienezza dell’Amore di Dio ci rende forti, coraggiosi e responsa­bili nelle scelte che dobbiamo fare per vivere la nostra vita secondo il Progetto di Dio.

Senza tutto questo le difficoltà ci pongono di fronte alla nostra inca­pacità e la nostra esistenza si perde, si vanifica.

Vivere nell’Ottica Divina ci permette di raggiungere ciò che è lo scopo della nostra vita, il nostro fine ultimo: DIO.

Guarda al Signore, anima mia, guarda al suo Amore!

Vivilo, è tuo perchè il Signore te lo vuole donare!

Sono i momenti migliori per un dialogo aperto con Lui che ci vuole ad ogni costo salvare.

La nostra vita in Dio ci porta a rimanere in Lui in ogni circostanza, per la sua Grazia che ci santifica.