ARTICOLI QUOTIDIANI

“If it is by the Spirit of God that I cast out demons, then the kingdom of God has come upon you”

Scripture:  Matthew 12:22-30

22 Then a blind and dumb demoniac was brought to him, and he healed him, so that the dumb man spoke and saw. 23 And all the people were amazed, and said, “Can this be the Son of David?” 24 But when the Pharisees heard it they said, “It is only by Be-el’zebul, the prince of demons, that this man casts out demons.” 25 Knowing their thoughts, he said to them, “Every kingdom divided against itself is laid waste, and no city or house divided against itself will stand; 26 and if Satan casts out Satan, he is divided against himself; how then will his kingdom stand? 27 And if I cast out demons by Be-el’zebul, by whom do your sons cast them out? Therefore they shall be your judges. 28 But if it is by the Spirit of God that I cast out demons, then the kingdom of God has come upon you. 29 Or how can one enter a strong man’s house and plunder his goods, unless he first binds the strong man? Then indeed he may plunder his house. 30 He who is not with me is against me, and he who does not gather with me scatters.

Meditation:  Which condition is worse — physical blindness or spiritual darkness?  Matthew describes a demonized man who was brought to Jesus so he could be healed.  This man was not just physically unable to see or speak.  He was spiritually oppressed as well.  Fortunately his friends brought him to the one who could set him free from his physical and spiritual affliction. Satan loves to keep people in darkness and in fear.  He will use whatever means possible, whether it be a physical weakness, a mental affliction, some emotional trouble, or an addiction, to lead people into despair and bitterness, so that they end up distrusting God and his love for them.  Jesus has power to set us free from any affliction that might keep us in bondage to fear, sin and despair. Jesus’ ability to set people free from crippling infirmities and from spiritual illness amazed those who witnessed his miracles. No one had done such marvelous works before. When they saw what Jesus did, they openly wondered among themselves if this might be the “Son of David”, a title for the expected Messiah. The Lord wants us to approach him with the same awe and expectant faith as those who brought the “blind and dumb” and the opressed to Jesus.

Why did the religious authorities react so negatively to Jesus’ healings and exorcisms? Where they jealous of his spiritual power and authority? Or did they feel threatened that Jesus was drawing people to himself rather than to them? They were unable to stop or silence Jesus because the crowds held Jesus in great awe and respect.  Some of the religious leaders tried to dismiss Jesus’ authority to perform miracles and exorcisms by claiming that Jesus got his power from Satan rather than from God. This was a serious charge which Jesus could not ignore. Jesus answered their charge with two arguments. There were many exorcists in Palestine in Jesus’ time. So Jesus retorted by saying that they also incriminate their own people (their family members and relatives) who also have power to cast out demons. If they condemn Jesus they also condemn themselves.

In his second argument Jesus asserts that no nation, city, or house divided against itself can survive for long. We have witnessed enough strife, genocide, and civil wars in our own time between peoples and nations who cannot tolerate one another or live peaceably side by side. Strife, prejudice and division inevitably lead to disharmony, hostility, and bitter fighting. Jesus said it would not make any sense for Satan to give anyone else the power and authority to undo the chain of allegiance which his armies give solely to him. If Satan lends his power against his own spiritual forces then he is certainly finished and his army is made weak and powerless.  Jesus makes another simple observation: How can a strong person be defeated except by someone who is stronger? Jesus asserted his authority to cast out demons as a clear demonstration of God’s reign and power to rule in peoples’ lives. God’s power is clearly at work in the exorcisms which Jesus performed and they give evidence that God’s kingdom has come. Do you want to experience the Lord’s victory and protection over sin and oppression in your life? If you obey him and submit to his rule, you will certainly know and experience his kingly peace, presence, and protection.

What is the point of  Jesus’ grim story (parable) about a strong man’s house being occupied by an evil force? Our foe and the arch-enemy of God, who is called “Satan” and the “father of lies”, is very powerful. Unless we are clothed in God’s strength, we cannot overcome Satan by ourselves. Satan seeks to rule the world in place of God. That is why he uses whatever means he can to get us to obey him rather than God. What does Satan wish to take from us? Our faith and confidence in God and our submission to his kingly rule. Satan can only have power or control over us if we listen to his lies and give in to his will.  Jesus makes it clear that there are no neutral parties in this world. We are either for Jesus or against him, for the kingdom of God or against it. Scripture tells us very clearly that there are ultimately only two kingdoms in opposition to one another – the kingdom of God and the kingdom of darkness under the rule of Satan. If we disregard and disobey God’s word, we open to door to the power of sin and to Satan’s deception and control. If we want to live in freedom from sinful desires and from Satan’s oppression, then our house must be occupied by Jesus where he is enthroned as Lord, Master, Savior, and Shepherd of our soul. Do you know the peace and security of a life fully submitted to God and to his word?

“Lord Jesus, you are my hope, my refuge, and my salvation. Be the ruler of my heart and the master of my home. May there be nothing in my life that is not under your protective care and lordship.”


Go to | Matthew | Mark | Luke | John | Parables of Jesus | Daily Reading & Meditation Index |
 (c) 2004-2010 Don Schwager

“He will not break a bruised reed until he brings justice to victory”

Scripture:  Matthew 12:14-21

14 But the Pharisees went out and took counsel against him, how to destroy  him. 15 Jesus, aware of this, withdrew from there. And many followed him, and he healed them all, 16 and ordered them not to make him known. 17 This was to fulfil what was spoken by the prophet Isaiah: 18 “Behold, my servant whom I have chosen, my beloved with whom my soul is well pleased.  I will put my Spirit upon him, and he shall proclaim justice to the Gentiles.  19 He will not wrangle or cry aloud, nor will any one hear his voice in the streets; 20 he will not break a bruised reed or quench a smoldering wick, till he brings justice to victory; 21 and in his name will the Gentiles hope.”

Meditation: In everyone’s life there are key moments or turning points on which the whole of one’s life hinges.  The mounting confrontation between the Pharisees and Jesus was such a decisive event and crisis. The religious leaders became intolerant because of their prejudice.  Nothing that Jesus would do or say from this point on would be right in their eyes.  They conspired, not simply to oppose Jesus but to eliminate him.  Jesus met this defiance with courage and determination.  He used the crisis to teach his disciples an important lesson for the kingdom way to success and victory.  The only way to glory in God’s kingdom is through the cross.  Jesus quoted from the “Suffering Servant” prophecies of Isaiah to explain how he would accomplish his mission, not through crushing power but through sacrificial service.  In place of a throne he would mount the cross and wear a crown of thorns.  There is no greater proof of God’s love for us.  Jesus died not only for Jew but Gentile as well. Isaiah had prophesied centuries before, that the Messiah would bring justice to the Gentiles.  To the Greek mind, justice involved giving to God and to men that which is their due.  Jesus taught his disciples how to behave towards God and towards others.  Jesus brings justice tempered with divine love. He does not bruise the weak or treat them with contempt, but rather shows understanding.  He does not discourage the fainthearted but gives encouragement and hope.  No matter how hopeless or weak one may be, the Lord Jesus is ever ready to bring his healing love, hope, and encouragement. Do you hope in God and trust in his mercy and justice?

 “Lord,  strengthen me in your love and hope.  Make me an instrument of your hope that I may encourage those who have no hope.”


Go to | Gospel of Matthew | Daily Readings & Meditations | Words of Life |
(c) 2002 Don Schwager

Reaction to Jesus’ words

Daily Reading & Meditation

Gospel Reading:  John 7:40-53

40 When they heard these words, some of the people said, “This is really the prophet.” 41 Others said, “This is the Christ.” But some said, “Is the Christ to come from Galilee? 42 Has not the scripture said that the Christ is descended from David, and comes from Bethlehem, the village where David was?” 43 So there was a division among the people over him. 44 Some of them wanted to arrest him, but no one laid hands on him. 45 The officers then went back to the chief priests and Pharisees, who said to them, “Why did you not bring him?” 46 The officers answered, “No man ever spoke like this man!” 47 The Pharisees answered them, “Are you led astray, you also? 48 Have any of the authorities or of the Pharisees believed in him? 49 But this crowd, who do not know the law, are accursed.” 50 Nicodemus, who had gone to him before, and who was one of them, said to them, 51 “Does our law judge a man without first giving him a hearing and learning what he does?” 52 They replied, “Are you from Galilee too? Search and you will see that no prophet is to rise from Galilee.” 53 They went each to his own house.

Old Testament Reading: Jeremiah 11:18-20

The LORD made it known to me and I knew; then you showed me their evil deeds. 19 But I was like a gentle lamb led to the slaughter. I did not know it was against me they devised schemes, saying, “Let us destroy the tree with its fruit, let us cut him off from the land of the living, that his name be remembered no more.” 20 But, O LORD of hosts, who judges righteously, who tries the heart and the mind, let me see your vengeance upon them, for to you have I committed my cause.

Meditation: When resistance and opposition to God’s word rears its head how do you respond? With fear and doubt? Or with faith and courage? The prophet Jeremiah was opposed by his own people because the words he spoke in God’s name did not sit right with them. They plotted to silence him and to “cut him off from the land of the living” (Jeremiah 11:19).  Jeremiah responded with meekness and prophetic insight “like a gentle lamb led to the slaughter” (Jeremiah 11:18).

Are you willing to take a stand for the Lord Jesus?
No one can be indifferent for long when confronted with Jesus and his claim to be the Messiah and Savior of the world. Jesus’ message and the miraculous signs he performed caused division for many in Israel. Some believed he was a prophet, some the Messiah, and some believed he was neither. The reaction of the armed officers was bewildered amazement. They went to arrest him and returned empty-handed because they never heard anyone speak as he did. The reaction of the chief priests and Pharisees was contempt. The reaction of Nicodemus was timid. His heart told him to defend Jesus, but his head told him not to take the risk.

Who is Jesus for you? And are you ready to give him your full allegiance? There will often come a time when we have to take a stand for the Lord Jesus and for the truth of the Gospel – the good news of God’s kingdom and the free gift of salvation which Jesus came to bring us. To stand for Jesus and his kingdom may provoke mockery and opposition. It may even entail suffering and hardship – such as the loss of job, reputation, or life.The Lord Jesus richly rewards those who suffer for his name’s sake.

Costly grace versus cheap grace
There are fundamentally only two choices that determine the course of our lives and the final destiny that awaits us: the choice to live for God’s kingdom of peace, joy, and righteousness or the pursuit of the world’s kingdom which stands in opposition to God’s authority and commandments. We can choose to obey God’s word and believe in his promise of blessing or we can choose to follow the voice of those who promise success and happiness apart from God’s truth and laws. The costly grace and freedom – which the Lord Jesus offers to those who embrace the cross for his sake – leads to joy and blessing in this life as well as the promise of eternal happiness with God. Cheap grace – which tries to bypass the cross for the sake of being my own master and the ruler of my own destiny – leads to emptiness and endless futility. Who do you choose to be the master and ruler of your life and destiny?

“Lord Jesus, your Gospel brings joy and freedom. May I be loyal to you always, even though it produce a cross on earth, that I may share in your crown of victory for all eternity”.

Psalm 7:1-2,  8b-11

1 O Lord my God, in you I take refuge; save me from all my pursuers, and deliver me,
2 lest like a lion they rend me, dragging me away, with none to rescue.
8b judge me, O LORD, according to my righteousness and according to the integrity that is in me.
9 O let the evil of the wicked come to an end, but establish the righteous, you who try the minds and hearts, righteous God.
10 My shield is with God, who saves the upright in heart.
11 God is a righteous judge, and a God who has indignation every day.

A Daily Quote for Lent: Not be walking but by loving, by Augustine of Hippo, 354-430 A.D.

“We approach God not by walking but by loving. The purer our love for him toward whom we are striving, the more present to us will he be. To him, therefore, who is everywhere present and everywhere whole, we must proceed not by our feet but by our moral virtues – judged not by the object of our knowledge but by the object of our love.” (excerpt from Letter 155,13)

Meditations may be freely reprinted for non-commercial use. Cite copyright & source: www.dailyscripture.net
author Don Schwager (c) 2017 Servants of the Word

Un pane che mi ha fatto pensare a Te, Signore

don Andrea Ferraroni, Servire, rivista Scout per educatori, 3/2014, p. 51

Un pezzo di pane mangiato in fretta: chissà perché, ma mi ha fatto pensare a te, Signore.
Tu che del pane hai fatto il segno e lo strumento della tua presenza vera in mezzo a noi!
Forse perché come prete ti incontro spesso nel Pane di vita, ma forse perché insieme al sale quel pane era l’unico compagno di strada.
Un pane silenzioso e anche un po’… ingombrante! In tasca non ci stava, dovevo per forza tenerlo in mano, infarinandomi le dita.
Un pane per camminare, un pane per resistere, un pane per sostenere il silenzio e per farmi pregare.
Un pane che non si può buttare, questo lo sanno tutti! Va condiviso e mangiato!
Il pane mi ha portato a te, Signore, a te che sei compagno silenzioso del cammino.
A te che a volte sei ingombrante, sembri avere delle pretese da me e mi fai protestare.
A te che accetti di essere mangiato in quel tuo offrirti ogni giorno.
Perdona la mia fretta, Signore, la mia avidità, come la mia superficialità.
Insegnami il tuo stile. Del pane donami la bontà, l’umiltà, la disponibilità a lasciarmi spezzare in infinita pazienza. con speranza certa che la carità rimane per sempre e dona al mondo nuova bellezza. Amen.

In cerca di pane

don Primo Mazzolari

Cristo, oggi sono in cerca di pane,
il mio pane quotidiano,
quello che serve per la fame di oggi,
per passare di là oggi,
per avere la forza di remare
sotto la tempesta di oggi.
Il pane che non ha profumo se non di sudore,
il pane che non ha gusto, se non di vita,
il pane che fa stare in piedi,
che serve a camminare,
a remare, a vangare,
a combattere con fede, a morire in pace.
…”in principio era la Parola”
e la parola è il pane quotidiano
per ogni uomo che viene al mondo.

Si faccia avanti chi crede

Una domenica mattina, mentre stava per iniziare la Messa, in una piccola chiesa al confine tra il Venezuela e la Colombia, fecero irruzione una banda di guerriglieri armati fino ai denti. Tra lo sgomento generale, afferrarono il sacerdote e lo trascinarono fuori dalla chiesa facendo chiaramente capire che lo avrebbero giustiziato.

Poi il capo della banda rientrò in chiesa tra il terrore generale, dicendo ad alta voce: “Si faccia avanti chiunque crede veramente in queste stupidaggini della religione che vi insegna questo prete.”

La paura si leggeva sul viso sbiancato di tutti i presenti. Ci fu un lungo silenzio pieno di tensione. Poi, un giovane trentenne si fece avanti e davanti allo capo dei guerriglieri orgogliosamente disse: “Io amo Gesù”. Fu subito trascinato con rudezza fuori della chiesa.

Nel frattempo, altre 14 persone di varie età, si fecero avanti e davanti al capo della banda professarono la loro fede in Gesù. Uno dopo l’altro, anch’essi furono trascinati in malo modo fuori dalla chiesa, facendo presagire ai presenti la stessa sorte che sarebbe toccata al sacerdote. Passarono pochi attimi e i presenti sentirono il crepitare delle mitragliatrici.

Assicuratosi che non c’era più nessuno in chiesa desideroso di farsi identificare come cristiano, il capo dei guerriglieri, con fare sdegnato ordinò ai presenti di uscire immediatamente dalla chiesa.

Appena passata la soglia della chiesa si accorsero che il sacerdote e gli altri trascinati fuori a forza, erano sani e in piedi fuori della porta. A quest’ultimi, il capo dei guerriglieri ordinò di rientrare e di continuare la loro liturgia mentre a tutti gli altri disse in maniera sprezzante: “Non vi permettete assolutamente di rientrare in chiesa fino a quando non avrete il coraggio di morire per la vostra fede”.

Detto questo, il gruppo sparì nella giungla con la stessa rapidità con la quale aveva fatto irruzione in chiesa.

Se ti accusassero di essere cristiano, troverebbero delle prove contro di te? (Dietrich Bonhoeffer)

Indicheranno al mio popolo ciò che è sacro e ciò che è profano

LIBRO DEL PROFETA EZECHIELE – 44

1Mi condusse poi alla porta esterna del santuario rivolta a oriente; essa era chiusa. 2Il Signore mi disse: «Questa porta rimarrà chiusa: non verrà aperta, nessuno vi passerà, perché c’è passato il Signore, Dio d’Israele. Perciò resterà chiusa. 3Ma il principe, in quanto principe, siederà in essa per cibarsi davanti al Signore; entrerà dal vestibolo della porta e di lì uscirà».
4Poi mi condusse per la porta settentrionale, davanti al tempio. Guardai, ed ecco, la gloria del Signore riempiva il tempio. Caddi con la faccia a terra 5e il Signore mi disse: «Figlio dell’uomo, sta’ attento, osserva bene e ascolta quanto io ti dirò sui regolamenti riguardo al tempio e su tutte le sue leggi; sta’ attento a come si entra nel tempio da tutti gli accessi del santuario.6Riferirai a quei ribelli, alla casa d’Israele: Così dice il Signore Dio: Troppi sono stati per voi gli abomini, o casa d’Israele! 7Avete introdotto figli stranieri, non circoncisi di cuore e non circoncisi di carne, perché stessero nel mio santuario e profanassero il mio tempio, mentre mi offrivate il mio cibo, il grasso e il sangue, infrangendo così la mia alleanza con tutti i vostri abomini. 8Non vi siete presi voi la cura delle mie cose sante ma, al vostro posto, avete affidato loro la custodia del mio santuario. 9Così dice il Signore Dio: Nessuno straniero, non circonciso di cuore, non circonciso di carne, entrerà nel mio santuario, nessuno di tutti gli stranieri che sono in mezzo ai figli d’Israele.
10Anche i leviti, che si sono allontanati da me nel traviamento d’Israele e hanno seguito i loro idoli, sconteranno la propria iniquità; 11serviranno nel mio santuario come guardie delle porte del tempio e come servi del tempio; sgozzeranno gli olocausti e le vittime per il popolo e staranno davanti ad esso pronti al suo servizio. 12Poiché l’hanno servito davanti ai suoi idoli e sono stati per la casa d’Israele occasione di peccato, perciò io ho alzato la mano su di loro – oracolo del Signore Dio – ed essi sconteranno la loro iniquità. 13Non si avvicineranno più a me per esercitare il sacerdozio e per accostarsi a tutte le mie cose sante e santissime, ma sconteranno la vergogna e gli abomini che hanno compiuto. 14Affido loro la custodia del tempio e ogni suo servizio e qualunque cosa da compiere in esso.
15I sacerdoti leviti figli di Sadoc, che hanno osservato le prescrizioni del mio santuario quando i figli d’Israele si erano allontanati da me, si avvicineranno a me per servirmi e staranno davanti a me per offrirmi il grasso e il sangue. Oracolo del Signore Dio. 16Essi entreranno nel mio santuario e si avvicineranno alla mia tavola per servirmi e custodiranno le mie prescrizioni.
17Quando entreranno dalle porte del cortile interno, indosseranno vesti di lino; non porteranno alcun indumento di lana, durante il loro servizio alle porte del cortile interno e nel tempio. 18Porteranno in capo turbanti di lino e avranno calzoni di lino sui fianchi: non si cingeranno con indumenti che fanno sudare. 19Quando usciranno nel cortile esterno verso il popolo, si toglieranno le vesti con le quali hanno officiato e le deporranno nelle stanze del santuario: indosseranno altre vesti per non comunicare con esse la consacrazione al popolo. 20Non si raderanno il capo né si lasceranno crescere la chioma, ma avranno i capelli normalmente tagliati. 21Nessun sacerdote berrà vino quando dovrà entrare nel cortile interno. 22Non prenderanno in sposa una vedova né una ripudiata, ma solo una vergine della stirpe d’Israele: potranno sposare però una vedova, se è la vedova di un sacerdote. 23Indicheranno al mio popolo ciò che è sacro e ciò che è profano, e gli insegneranno ciò che è impuro e ciò che è puro. 24Nelle liti essi saranno i giudici e decideranno secondo le mie norme. In tutte le mie feste osserveranno le mie leggi e i miei regolamenti e santificheranno i miei sabati. 25Nessuno di essi si avvicinerà a un cadavere per non rendersi impuro, ma potrà rendersi impuro per il padre, la madre, un figlio, una figlia, un fratello o una sorella non maritata: 26dopo essersi purificato, gli si conteranno sette giorni 27e quando egli rientrerà nel luogo santo, nel cortile interno per servire nel santuario, offrirà il suo sacrificio per il peccato. Oracolo del Signore Dio.
28Essi non avranno alcuna eredità: io sarò la loro eredità. Non sarà dato loro alcun possesso in Israele: io sono il loro possesso. 29Saranno loro cibo le oblazioni, i sacrifici per il peccato, i sacrifici di riparazione; apparterrà loro quanto è stato votato allo sterminio in Israele. 30La parte migliore di tutte le vostre primizie e ogni specie di tributo da voi offerto apparterranno ai sacerdoti: così darete al sacerdote le primizie dei vostri macinati, per far scendere la benedizione sulla vostra casa. 31I sacerdoti non mangeranno la carne di alcun animale morto di morte naturale o sbranato, di uccelli o di altri animali.

Lo spirito mi prese e mi condusse nel cortile interno: ecco, la gloria del Signore riempiva il tempio

LIBRO DEL PROFETA EZECHIELE – 43

1Mi condusse allora verso la porta che guarda a oriente 2ed ecco che la gloria del Dio d’Israele giungeva dalla via orientale e il suo rumore era come il rumore delle grandi acque e la terra risplendeva della sua gloria. 3La visione che io vidi era simile a quella che avevo visto quando andai per distruggere la città e simile a quella che avevo visto presso il fiume Chebar. Io caddi con la faccia a terra. 4La gloria del Signore entrò nel tempio per la porta che guarda a oriente.
5Lo spirito mi prese e mi condusse nel cortile interno: ecco, la gloria del Signore riempiva il tempio. 6Mentre quell’uomo stava in piedi accanto a me, sentii che qualcuno entro il tempio mi parlava 7e mi diceva: «Figlio dell’uomo, questo è il luogo del mio trono e il luogo dove posano i miei piedi, dove io abiterò in mezzo ai figli d’Israele, per sempre. E la casa d’Israele, il popolo e i suoi re, non profaneranno più il mio santo nome con le loro prostituzioni e con i cadaveri dei loro re e con le loro stele, 8collocando la loro soglia accanto alla mia soglia e i loro stipiti accanto ai miei stipiti, con un semplice muro fra me e loro; hanno profanato il mio santo nome con tutti gli abomini che hanno commesso, perciò li ho distrutti con ira. 9Ma d’ora in poi essi allontaneranno da me le loro prostituzioni e i cadaveri dei loro re e io abiterò in mezzo a loro per sempre.
10Tu, figlio dell’uomo, descrivi questo tempio alla casa d’Israele, perché arrossiscano delle loro iniquità; ne misurino la pianta 11e, se si vergogneranno di quanto hanno fatto, manifesta loro la forma di questo tempio, la sua disposizione, le sue uscite, i suoi ingressi, tutti i suoi aspetti, tutti i suoi regolamenti, tutte le sue forme e tutte le sue leggi: mettili per iscritto davanti ai loro occhi, perché osservino tutte queste leggi e tutti questi regolamenti e li mettano in pratica. 12Questa è la legge del tempio: alla sommità del monte, tutto il territorio che lo circonda è santissimo; ecco, questa è la legge del tempio».
13Queste sono le misure dell’altare in cubiti, ciascuno di un cubito e un palmo. La base era di un cubito di altezza per un cubito di larghezza: il suo bordo intorno era un palmo. Tale lo zoccolo dell’altare. 14Dalla base che posava a terra fino alla piattaforma inferiore vi erano due cubiti di altezza e un cubito di larghezza: dalla piattaforma piccola alla piattaforma più grande vi erano quattro cubiti di altezza e un cubito di larghezza. 15Il focolare era di quattro cubiti e sul focolare vi erano quattro corni. 16Il focolare era dodici cubiti di lunghezza per dodici di larghezza, cioè quadrato. 17La piattaforma superiore era un quadrato di quattordici cubiti di lunghezza per quattordici cubiti di larghezza, con un orlo intorno di mezzo cubito, e la base, intorno, di un cubito: i suoi gradini guardavano a oriente.
18Egli mi disse: «Figlio dell’uomo, così dice il Signore Dio: Queste sono le leggi dell’altare, quando verrà costruito per offrirvi sopra l’olocausto e aspergervi il sangue. 19Ai sacerdoti leviti della stirpe di Sadoc, che si avvicineranno a me per servirmi, tu darai – oracolo del Signore Dio – un giovenco per il sacrificio per il peccato. 20Prenderai di quel sangue e lo spanderai sui quattro corni dell’altare, sui quattro angoli della piattaforma e intorno all’orlo. Così lo purificherai e ne farai l’espiazione. 21Prenderai poi il giovenco del sacrificio per il peccato e lo brucerai in un luogo appartato del tempio, fuori del santuario. 22Il secondo giorno offrirai, per il peccato, un capro senza difetto e farai la purificazione dell’altare come hai fatto con il giovenco. 23Terminato il rito della purificazione, offrirai un giovenco senza difetti e un montone del gregge senza difetti. 24Tu li offrirai al Signore e i sacerdoti getteranno il sale su di loro, poi li offriranno in olocausto al Signore. 25Per sette giorni sacrificherai per il peccato un capro al giorno e verrà offerto anche un giovenco e un montone del gregge senza difetti. 26Per sette giorni si farà l’espiazione dell’altare e lo si purificherà e consacrerà. 27Finiti questi giorni, dall’ottavo in poi, i sacerdoti immoleranno sopra l’altare i vostri olocausti, i vostri sacrifici di comunione e io vi sarò propizio». Oracolo del Signore Dio.

Misurò il lato meridionale: era cinquecento canne, in canne da misura

LIBRO DEL PROFETA EZECHIELE – 42

1Allora mi fece uscire nel cortile esterno dal lato settentrionale e mi condusse all’appartamento che sta di fronte allo spazio libero prospiciente l’edificio verso settentrione. 2Nella facciata aveva una lunghezza di cento cubiti, verso settentrione, e cinquanta cubiti di larghezza. 3Di fronte ai venti cubiti del cortile interno e di fronte al lastricato esterno, vi era un porticato davanti a un altro porticato a tre piani; 4davanti alle stanze c’era un corridoio di dieci cubiti di larghezza per cento di lunghezza: gli ingressi delle stanze guardavano a settentrione. 5Le stanze superiori erano più strette delle inferiori e intermedie, perché i porticati occupavano parte dello spazio. 6Erano a tre piani, ma non avevano colonne come quelle degli altri, e perciò le stanze superiori erano più strette rispetto a quelle intermedie e a quelle inferiori. 7Il muro esterno parallelo alle stanze, dal lato del cortile esterno, aveva, davanti alle stanze, una lunghezza di cinquanta cubiti. 8Infatti la lunghezza delle stanze del cortile esterno era di cinquanta cubiti, mentre dal lato dell’aula era di cento cubiti. 9In basso le stanze avevano l’ingresso rivolto verso oriente, entrando dal cortile esterno, 10sulla larghezza del muro del cortile.
A mezzogiorno, di fronte allo spazio libero e all’edificio, c’erano stanze 11e, davanti ad esse, un passaggio simile a quello delle stanze poste a settentrione: la lunghezza e la larghezza erano uguali a quelle, come anche le varie uscite e le loro disposizioni. Come gli ingressi di quelle, 12così erano gli ingressi delle stanze che davano a mezzogiorno; un ingresso era al principio dell’ambulacro, lungo il muro corrispondente a oriente di chi entra. 13Egli mi disse: «Le stanze a settentrione e quelle a mezzogiorno, di fronte allo spazio libero, sono le stanze sacre, dove i sacerdoti che si accostano al Signore mangeranno le cose santissime: ivi riporranno le cose santissime, le oblazioni e le vittime di espiazione e di riparazione, perché santo è questo luogo. 14Quando i sacerdoti vi saranno entrati, non usciranno dal luogo santo verso il cortile esterno, ma deporranno là le loro vesti con le quali hanno prestato servizio, perché esse sono sante: indosseranno altre vesti e così si avvicineranno al luogo destinato al popolo».
15Quando ebbe terminato di misurare l’interno del tempio, egli mi condusse fuori per la porta che guarda a oriente, e misurò la cinta intorno. 16Misurò il lato orientale con la canna da misura: era cinquecento canne, in canne da misura, all’intorno. 17Misurò il lato settentrionale: era cinquecento canne, in canne da misura, all’intorno. 18Misurò il lato meridionale: era cinquecento canne, in canne da misura. 19Si volse al lato occidentale: misurò cinquecento canne, in canne da misura. 20Da quattro lati egli misurò il tempio; aveva intorno un muro lungo cinquecento canne e largo cinquecento, per separare il sacro dal profano.

“Is it lawful to heal on the Sabbath?”

Scripture:  Matthew 12:9-14

9 And he went on from there, and entered their synagogue. 10 And behold, there was a man with a withered hand. And they asked him, “Is it lawful to heal on the sabbath?” so that they might accuse him. 11 He said to them, “What man of you, if he has one sheep and it falls into a pit on the sabbath, will not lay hold of it and lift it out? 12 Of how much more value is a man than a sheep! So it is lawful to do good on the sabbath.” 13 Then he said to the man, “Stretch out your hand.” And the man stretched it out, and it was restored, whole like the other. 14 But the Pharisees went out and took counsel against him, how to destroy him.

Meditation: What is God’s intention for the commandment, keep holy the Sabbath (Exodus 20:8; Deut. 5:12)? The scribes and Pharisees wanted to catch Jesus in the act of breaking the Sabbath ritual so they might accuse him of breaking God’s law.  They were filled with fury and contempt for Jesus because they put their own thoughts of right and wrong above God.  They were ensnared in their own legalism because they did not understand or see the purpose of God.  Jesus shows their fallacy by pointing to God’s intention for the Sabbath: to do good and to save life rather than to do evil or to destroy life.  Christians celebrate Sunday as the Lord’s Day, to commemorate God’s work of redemption in Jesus Christ and the new work of creation he accomplished through Christ’s death and resurrection. Taking “our sabbath rest” is a way of expressing honor to God for all that he has done for us.  Such “rest” however does not exempt us from our love for our neighbor.  If we truly love the Lord above all else, then the love of God will overflow to love of neighbor as well. Do you honor the Lord in the way you celebrate Sunday, the Lord’s Day and in the way you treat you neighbor?

“Lord, in your victory over sin and death on the cross and in your resurrection you give us the assurance of sharing in the eternal rest of heaven. Transform my heart with your love that I may freely serve my neighbor for his good and find joy and refreshment in the celebration of Sunday as the Lord’s Day.”


Go to | Gospel of Matthew | Daily Readings & Meditations | Words of Life |
(c) 2002 Don Schwager